background preloader

Mappe mentali, concettuali, cognitive - Pensiero Critico

Mappe mentali, concettuali, cognitive - Pensiero Critico

http://www.pensierocritico.eu/mappe%20mentali%20concettuali%20cognitive.html

Related:  SUSSIDI DIDATTICIvavvilditecniche didattiche NON tecnologiche

STORIA - III media Mappe concettuali dell'Italia nella Seconda Guerra Mondiale - Mappa n°1)1940: L'Italia dichiara guerra alla Francia e alla Gran Bretagna1943: Armistizio, 8 settembre Italia divisa in due: - Repubblica di Salò (al Centro-Nord, con i tedeschi) - Regno d'Italia (a sud, con gli Alleati) (periodo dal 1940 al 1943) -Mappa n°2) La fase più drammatica della guerra per l'Italia: dal 1943 al 1945.La Resistenza: i partigiani, la resistenza civile, il Comitato di Liberazione Nazionale (CLN); La risposta tedesca: le rappresaglie, drammatiche vendette nelle quali erano coinvolti civili innocenti. Il 25 aprlile 1945: i partigiani riuscirono a scacciare i tedesci dalle città del Nord, mentre gli Alleati conquistavano il Nord Italia. La cattura e l'uccisione di Mussolini il 28 aprile.

Approcci didattici per classi eterogenee Le classi, intese come gruppo di alunni, possono essere eterogenee per etnia, stato sociale, capacità cognitive o strategie di apprendimento. E’, quindi, indispensabile utilizzare delle strategie didattiche che consentano a tutti di raggiungere gli obiettivi minimi e, ove possibile, far risaltare le eccellenze. Nel processo educativo didattico, quindi nella crescita sociale/educativa e culturale degli alunni, intervengono più insegnanti che si confrontano per stabilire strategie e comportamenti atti a facilitare sia l’acquisizione di competenze che di comportamenti sociali positivi. Il processo educativo/didattico deve intendersi come inclusivo, non solo in vista di alunni disabili, ma nell’ottica delle differenze e poliedricità di ogni alunno.

10 Trucchi Per Imparare A Studiare Molti di noi, purtroppo, si mettono davanti ai libri senza avere un buon metodo di studio! Il risultato che si otterrà in questo modo… sarà quello di non avere risultati! Quindi, prima di mettersi a studiare… si dovrebbe imparare a studiare! Le mappe concettuali CHE COSA SONO Una mappa concettuale è una versione, piuttosto elaborata, del tradizionale "schema"; essa si presenta come un insieme di bolle contenenti brevi caratterizzazioni di concetti e collegate tra loro. Una differenza evidente dagli schemi tradizionali sta nel fatto che la mappa concettuale deve rispondere a requisiti "formali" un po' più stretti. Si tratta però della differenza meno importante; la differenza principale sta infatti nell'uso che si fa delle mappe concettuali. Riflessioni Nel lessico comune possiamo incontrare diversi termini che vengono occasionalmente utilizzati in modo indifferente per cui è opportuno precisare alcuni termini: rifacendoci a "Sistemi/strumenti di rappresentazione mentali della conoscenza" (Bargero):

Giornalino scolastico lez. 1 Eccoci pronti, dopo cinque anni a ripetere l’esperienza del giornalino scolastico… o meglio io ripeto, ma i miei alunni sono alla loro prima esperienza e sono veramente gasatissimi all’idea di pubblicare il loro primo giornale! Ovviamente, come in tutte le cose occorre un periodo di avvicinamento, di studio e riflessione per poi passare alla fase operativa! Queste lezioni vogliono essere una cronaca del nostro percorso. Per prima cosa ho cominciato proponendo loro la lettura di alcuni brani del libro “Esercizi di Stile su Cappucceto Rosso” di David Conati edito da Mela Music.

Il metodo scientifico per prendere appunti scarabocchiando - Rachel S. Smith Quando ero alle elementari spesso scarabocchiavo durante le lezioni. A volte questo mi dava dei problemi, perché disegnare in classe ti fa sembrare una perditempo o una che sogna a occhi aperti. Non sono mai riuscita a far capire ai miei insegnanti che quei ghirigori mi aiutavano a ricordare la lezione quasi a memoria. Ogni parte del disegno mi faceva tornare in mente cosa avevo ascoltato mentre stavo disegnando, che si trattasse di grammatica o della storia dell’inquisizione spagnola. Facciamo un salto in avanti di trent’anni.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE Mappe concettuali sulla SECONDA GUERRA MONDIALE Nel 1939 la Germania nazista di Adolf Hitler, desiderosa di espandere i propri confini invade la Polonia. La Francia dichiarò guerra alla Germania e così iniziò la II guerra mondiale. Le teorie Introduzione Secondo l’epistemologia costruttivista il sapere non esiste indipendentemente dal soggetto che conosce, conseguentemente imparare non significa apprendere la "vera" natura delle cose, possedere cioè una fotografica ed oggettiva "rappresentazione" del mondo esterno. Si tratta piuttosto di operare una soggettiva costruzione di significato, a partire da una complessa rielaborazione interna di sensazioni, conoscenze, credenze, emozioni che non hanno in sé ordine o struttura, sulle quali si orienta la nostra attenzione. Questo processo è allo stesso tempo permesso e condizionato dal linguaggio, culturalmente, socialmente e storicamente contestualizzato .

Isole Misteriose, Robinson Crusoe: l'isola che non c'era una realt - GlobalGeografia Robinson Crusoe: l'isola che non c'era è una realtà Quanti di noi hanno sognato almeno una volta nella vita di ripercorrere l'avventura del protagonista del film "Castaway", costretti dalle circostanze a vivere un'esperienza survival, abbandonati su un'isola deserta? Il romanzo "Robinson Crusoe" non è unicamente il frutto della fantasia dello scrittore Daniel Defoe, ma si ispira a una vicenda realmente accaduta. La storia vera si svolge a Mas a Tierra, nell'arcipelago di Juan Fernandez, circa 670 Km ad ovest della costa cilena. Il gruppo, composto da tre isole, scoperto nel 1574 dal navigatore Juan Fernandez nel giorno di Santa Cecilia (22 novembre), venne battezzato senza molta fantasia dallo scopritore spagnolo "Islas Santa Cecilia". Siamo nel 1704, in pieno Oceano Pacifico, tu Alexander Selkirk, incarnazione dei nostri sogni avventurosi di solitudine, sei un giovane corsaro scozzese di 24 anni, dal carattere orgoglioso e combattivo.

Il MIUR e TED insieme per incrementare la capacità di parlare in pubblico degli alunni Domani, giovedì 3 marzo alle ore 11, presso la Sala della Comunicazione del Miur, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e il curatore di TED Global, Bruno Giussani, firmeranno un Protocollo triennale d’Intesa. TED Global ha preso vita ormai 30 anni fa con una conferenza di quattro giorni in California crescendo attraverso molteplici progetti volti a creare una piattaforma globale per diffondere approfondimenti e idee. Grazie alla collaborazione tra MIUR e TED, i docenti e gli studenti delle scuole secondarie di II grado potranno avvalersi dei percorsi formativi dei TED-Ed Clubs: un curriculum non obbligatorio volto a incrementare le competenze argomentative e la capacità di parlare in pubblico degli alunni, sia in italiano sia in lingua inglese.

Chi ha creato Superman: la storia di Joe Shuster e Jerry Siegel - Lo Spazio Bianco Speciale: Superman: speciale 75° anniversario Joseph Shuster nacque in Canada, nella città di Toronto, il 10 Luglio 1914. La sua famiglia, non proprio benestante, nel 1924 si trasferì a Cleveland, nello stato americano dell’Ohio; questo semplice trasferimento, seppur non lontanamente associabile a un evento epocale (quasi lo stesso clima e poco più di 400 km di distanza, che sono davvero poco in una nazione come l’America), è un qualcosa che inciderà molto sul corso della vita di Joe e, senza voler esagerare, anche sul corso della storia (del fumetto, della cultura nordamericana). I genitori di Joe erano l’ebreo olandese Julius e la sua moglie russa Ida, anch’essa ebrea. I pochi anni trascorsi nella bellissima città canadese lasciarono nel timido e giovane Joseph ricordi piacevoli e impressioni visive che sarebbero state riportate anche nei suoi fumetti.

Elogio della lezione frontale. Il multimediale, le parole e il gesso So utilizzare bene il pc Lo so usare perché mi è sempre piaciuto farlo o semplicemente perché appartengo a una delle prime generazioni che l’ha usato fin dall’infanzia. A sette anni digitavo load/return su un Commodore 16 (ma avevo già messo le mani su un Vic 20), a dieci iniziavo a scrivere linee di Basic con il Commodore 64. Al liceo mi sono fatto regalare un Amiga 2000 per la possibilità di fare programmazione e utilizzare Workbench oltre che giocarci a SWOS.

Indire, sito ufficiale Il 18 dicembre 2006, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno approvato una Raccomandazione relativa a competenze chiave per lapprendimento permanente. Questo documento, si inquadra nel processo, iniziato a seguito del Consiglio europeo di Lisbona del 2000 e conosciuto come strategia di Lisbona, che ha come obiettivo finale quello di fare dellEuropa leconomia basata sulla conoscenza pi competitiva e dinamica del mondo (...). Per ottenere questo risultato, stata fissata (Consiglio europeo, Barcellona marzo 2002) una serie di obiettivi che devono essere raggiunti per il 2010, attraverso limpegno di tutti gli Stati membri e delle istituzioni europee, costantemente impegnate nel monitoraggio sui progressi fatti e nellindividuazione di ulteriori strategie da adottare.I 13 obiettivi, fanno riferimento a 3 finalit strategiche che coinvolgono tutti i settori dell'educazione e della formazione, nella prospettiva di dare vita a un sistema di apprendimento permanente.

Difesa della lezione frontale (o, per chi preferisce, «Lezione frontale 2.0») La «Lezione Frontale» Tre aneddoti. a) Una volta mi è capitato di intercettare casualmente la conversazione di due studenti intorno a due loro insegnanti. Entrambi i colleghi facevano, come si poteva facilmente inferire, una “lezione frontale”. Eppure la loro reputazione presso i due ragazzi era ben diversa: «Ah, quando parla X, capisco la filosofia; invece Y fa una... Lezione Frontale» (smorfia incerta tra noia e senso di sufficienza).

Related: