background preloader

Mappe mentali, concettuali, cognitive - Pensiero Critico

Mappe mentali, concettuali, cognitive - Pensiero Critico

http://www.pensierocritico.eu/mappe%20mentali%20concettuali%20cognitive.html

Related:  tecniche didattiche NON tecnologiche

10 Trucchi Per Imparare A Studiare Molti di noi, purtroppo, si mettono davanti ai libri senza avere un buon metodo di studio! Il risultato che si otterrà in questo modo… sarà quello di non avere risultati! Quindi, prima di mettersi a studiare… si dovrebbe imparare a studiare! Il metodo scientifico per prendere appunti scarabocchiando - Rachel S. Smith Quando ero alle elementari spesso scarabocchiavo durante le lezioni. A volte questo mi dava dei problemi, perché disegnare in classe ti fa sembrare una perditempo o una che sogna a occhi aperti. Non sono mai riuscita a far capire ai miei insegnanti che quei ghirigori mi aiutavano a ricordare la lezione quasi a memoria. Ogni parte del disegno mi faceva tornare in mente cosa avevo ascoltato mentre stavo disegnando, che si trattasse di grammatica o della storia dell’inquisizione spagnola. Facciamo un salto in avanti di trent’anni.

RISPOSTE E SOLUZIONI IN AMBITO DSA E BES In questa pagina trovi risposte e soluzioni alle tue domande e alle tue esigenze di formazione in ambito DSA (Disturbi specifici dell'Apprendimento) e BES.Scorrila per trovare gli ambiti utili per te. I contenuti e i servizi proposti sono curati dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più che opera con professionalità nella realtà del supporto didattico, e da anni tramite l'equipe psicopedagogica, coordinata dalla Dott.ssa Cristina Franceschini, offre vari servizi e approfondimenti in ambito DSA e BES. • Sapere Più ha realizzato il Video Corso di formazione Online "Didattica Inclusiva DSA e BES" strutturato in 12 Video Lezioni sempre disponibili e consultabili in qualsiasi momento. Approcci didattici per classi eterogenee Le classi, intese come gruppo di alunni, possono essere eterogenee per etnia, stato sociale, capacità cognitive o strategie di apprendimento. E’, quindi, indispensabile utilizzare delle strategie didattiche che consentano a tutti di raggiungere gli obiettivi minimi e, ove possibile, far risaltare le eccellenze. Nel processo educativo didattico, quindi nella crescita sociale/educativa e culturale degli alunni, intervengono più insegnanti che si confrontano per stabilire strategie e comportamenti atti a facilitare sia l’acquisizione di competenze che di comportamenti sociali positivi. Il processo educativo/didattico deve intendersi come inclusivo, non solo in vista di alunni disabili, ma nell’ottica delle differenze e poliedricità di ogni alunno.

Salute. Autismo. Il trattamento ABA è un lusso per pochi TORRE DEL GRECO – L’autismo è un grave disturbo del comportamento, causato da fattori esterni, spesso individuati nella somministrazione dei vaccini; e problemi del neurosviluppo, alterando la capacità di mettersi in relazione con gli altri: nei primi anni di vita provoca difficoltà cognitive, affettive e comportamentali. Secondo i dati dell’Istituto Superiore della Sanità italiana, l’autismo colpisce 4 bambini su 1000 nati. Dati smentiti dal Centers for disease control and prevention, organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti, che dichiara che l’autismo colpisce 1 bambino statunitense su 68, con tasso di incremento cresciuto di 10 volte negli ultimi 40 anni. Una differenza che confermerebbe la causa esterna del disturbo e che lascia dubbi circa la qualità delle indagini eseguite sullo stesso in Italia. Le prove di efficacia sono innumerevoli, frutto delle applicazioni cliniche che da oltre 40 anni vengono condotte nei paesi anglosassoni.

Le teorie Introduzione Secondo l’epistemologia costruttivista il sapere non esiste indipendentemente dal soggetto che conosce, conseguentemente imparare non significa apprendere la "vera" natura delle cose, possedere cioè una fotografica ed oggettiva "rappresentazione" del mondo esterno. Si tratta piuttosto di operare una soggettiva costruzione di significato, a partire da una complessa rielaborazione interna di sensazioni, conoscenze, credenze, emozioni che non hanno in sé ordine o struttura, sulle quali si orienta la nostra attenzione. Questo processo è allo stesso tempo permesso e condizionato dal linguaggio, culturalmente, socialmente e storicamente contestualizzato .

AUTISMO - Come favorire l'inclusione in classe di un alunno con sindrome di Asperger - Docenti di Sostegno Inclusione scolastica: M. ha 10 anni e frequenta la scuola primaria. Descrizione del caso Ad M. risulta difficile rimanere in un luogo per un certo periodo di tempo richiesto, non riesce a permanere all’interno della classe, si muove negli spazi senza una meta.

Il MIUR e TED insieme per incrementare la capacità di parlare in pubblico degli alunni Domani, giovedì 3 marzo alle ore 11, presso la Sala della Comunicazione del Miur, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, e il curatore di TED Global, Bruno Giussani, firmeranno un Protocollo triennale d’Intesa. TED Global ha preso vita ormai 30 anni fa con una conferenza di quattro giorni in California crescendo attraverso molteplici progetti volti a creare una piattaforma globale per diffondere approfondimenti e idee. Grazie alla collaborazione tra MIUR e TED, i docenti e gli studenti delle scuole secondarie di II grado potranno avvalersi dei percorsi formativi dei TED-Ed Clubs: un curriculum non obbligatorio volto a incrementare le competenze argomentative e la capacità di parlare in pubblico degli alunni, sia in italiano sia in lingua inglese.

Corso di Formazione - Educazione Cognitivo Affettiva (CAT-kit) Evidenza Scientifica Il Programma di Educazione Cognitivo Affettiva è parte delle terapie Cognitivo Comportamentali ed è l´unico considerato evidence based dalle Linee guida 21 dell´Istituto Superiore di Sanità per il controllo della rabbia, dell´ansia, dell´umore e la manifestazione appropriata dell´affetto in ragazzi nello Spettro Autistico ad Alto funzionamento e Sindrome di Asperger (età: 5+). Maggiori informazioni si possono trovare nell´articolo "L’Educazione Cognitivo-Affettiva e le condizioni dello Spettro Autistico ad Alto Funzionamento" di Davide Moscone e David Vagni, pubblicato sul numero di gennaio 2013 della rivista "Autismo" di Erickson. L´Associazione Spazio Asperger ONLUS, nella persona di Davide Moscone, è l´unico trainer riconosciuto ufficialmente sul territorio italiano. Prerequisiti Essendo il CAT-kit uno strumento di comunicazione i prerequisiti sono da considerare indicativi e derivano da quanto usato nei programmi evidence-based che ne fanno uso.

Giornalino scolastico lez. 1 Eccoci pronti, dopo cinque anni a ripetere l’esperienza del giornalino scolastico… o meglio io ripeto, ma i miei alunni sono alla loro prima esperienza e sono veramente gasatissimi all’idea di pubblicare il loro primo giornale! Ovviamente, come in tutte le cose occorre un periodo di avvicinamento, di studio e riflessione per poi passare alla fase operativa! Queste lezioni vogliono essere una cronaca del nostro percorso. Per prima cosa ho cominciato proponendo loro la lettura di alcuni brani del libro “Esercizi di Stile su Cappucceto Rosso” di David Conati edito da Mela Music.

Linee guida individuazione DSA — Premessa La Legge n.170/2010 relativa a “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” ha portato a sintesi quanto elaborato a livello di indicazioni operative, note, circolari, raccordi interistituzionali realizzati fra enti nel corso dell’ultimo decennio. Come noto, la Legge sviluppa, nei nove articoli, i punti chiave in materia di Disturbo Specifico di Apprendimento, nel rispetto delle finalità elencate all’articolo 2. Si veda al riguardo apposito contributo. Il quadro normativo prevede documenti attuativi necessari per fornire a scuola, servizi sanitari, famiglia e studenti strumenti concertati ed armonici che possano garantire quanto indicato nelle finalità; si ricorda al riguardo quanto previsto all’art. 7 “Disposizioni di attuazione”:

Elogio della lezione frontale. Il multimediale, le parole e il gesso So utilizzare bene il pc Lo so usare perché mi è sempre piaciuto farlo o semplicemente perché appartengo a una delle prime generazioni che l’ha usato fin dall’infanzia. A sette anni digitavo load/return su un Commodore 16 (ma avevo già messo le mani su un Vic 20), a dieci iniziavo a scrivere linee di Basic con il Commodore 64. Al liceo mi sono fatto regalare un Amiga 2000 per la possibilità di fare programmazione e utilizzare Workbench oltre che giocarci a SWOS.

I BES: dall’integrazione all’inclusione - Didattica e apprendimento La linea del percorso legislativo ed educativo dei “Bisogni Educativi Speciali”. Con l’acronimo BES s’identificano quelli che vengono definiti: Bisogni Educativi Speciali che presentano i bambini in ambito scolastico. Il termine deriva dall’espressione inglese “SEN” “Special Educational Need” apparsa per la prima volta in un documento ufficiale dell’Unesco nel 1997. Difesa della lezione frontale (o, per chi preferisce, «Lezione frontale 2.0») La «Lezione Frontale» Tre aneddoti. a) Una volta mi è capitato di intercettare casualmente la conversazione di due studenti intorno a due loro insegnanti. Entrambi i colleghi facevano, come si poteva facilmente inferire, una “lezione frontale”. Eppure la loro reputazione presso i due ragazzi era ben diversa: «Ah, quando parla X, capisco la filosofia; invece Y fa una... Lezione Frontale» (smorfia incerta tra noia e senso di sufficienza).

Related: