background preloader

Esperienze didattiche

Facebook Twitter

Istituto Comprensivo "G. e G. Robecchi" » Blog Archive » Compiti autentici …a Gambolò! Archivio compiti autentici a cura di Antonella Caruana La Commissione valutazione ha realizzato all’interno del sito della nostra scuola sotto la voce valutazione, un archivio dei compiti autentici svolti dalle diverse classi degli ordini di scuola infanzia, primaria e secondaria di primo grado a partire dall’anno scolastico 2013/2014.

Istituto Comprensivo "G. e G. Robecchi" » Blog Archive » Compiti autentici …a Gambolò!

L’iniziativa di promuovere uno spazio dedicato alla catalogazione dei compiti autentici si pone come obiettivo, quello di informare e formare i colleghi che attraverso quest’ area, hanno la possibilità di visionare i compiti realizzati in uno spirito di confronto e condivisione attiva. La carrellata di compiti autentici raccolti nell’archivio vuole essere una proposta non solo e non tanto di esempi di prestazioni autentiche, quanto un invito a sperimentare una forma di valutazione diversa, a cui la scuola è chiamata rispondendo al cambiamento verso una didattica e un curricolo basato sulle competenze. Buona lettura! Compiti di realtà e progetti multidisciplinari « La certificazione delle competenze.

I compiti di realtà La competenza è possibile valutarla solo in situazione, perché è la capacità di assumere decisioni e di saper agire e reagire in modo pertinente e valido in situazioni contestualizzate e specifiche.

Compiti di realtà e progetti multidisciplinari « La certificazione delle competenze

Secondo le Linee guida, la competenza si può «accertare facendo ricorso a compiti di realtà (prove autentiche, prove esperte, ecc.), osservazioni sistematiche e autobiografie cognitive». Compito di realtà: «una situazione problematica, complessa e nuova, quanto più possibile vicina al mondo reale, da risolvere utilizzando conoscenze e abilità già acquisite e trasferendo procedure e condotte cognitive in contesti e ambiti di riferimento moderatamente diversi da quelli resi familiari dalla pratica didattica.

Pur non escludendo prove che chiamino in causa una sola disciplina, privilegiare prove per la cui risoluzione l’alunno debba richiamare in forma integrata, componendoli autonomamente, più apprendimenti acquisiti. I compiti di realtà: Reale e autentico. Database Esperienze. Esperienze da prendere in considerazione. Esperienze didattiche di Digital Storytelling. 14 Good Science Apps for Young Learners. March 20, 2017 Here is a collection of some interesting iPad apps specifically designed to help kids lear about basics of science and introduce them to wide variety of scientific phenomena.

14 Good Science Apps for Young Learners

Some of the things kids get to learn from these apps include: the functions of human body, learn core science and math concepts, learn about animals and ecosystem, explore the world of weather, seasons and forecasts. This selection is based on Apple's Early Science Collection in iTunes App Store. Enjoy 1- This is my Body - Anatomy for Kids ‘Children explore and learn about the basic functions of the human body through hands-on gameplay – guided by their own curiosity. 2- Sid's Science Fair ‘Sid’s Science Fair engages players (ages 3 to 6) in experiential learning with core science and math concepts from classification and identifying patterns to charting and sequencing.’ 3- Ranger Rick Jr.

Websites for Teaching. Storytelling transmediale con Storify. Esempi didattici di "storie" narrate con Storify. Storymat - home. Artropodi in cartella. Cosa so dell'ombra? - Benvenuti su piccoli astronomi crescono! Abbiamo richiesto ai bambini di scrivere un testo sull'ombra.

Cosa so dell'ombra? - Benvenuti su piccoli astronomi crescono!

Si può optare fra due consegne, una più scientifica, adatta a mettere a fuoco ipotesi sulla natura dell'ombra e ad avviare il percorso sullo "studio fisico" dell'ombra: "Che cosa pensi sia l'ombra? ", l'altra, "Che cosa ti fa venire in mente la parola ombra? ", è una consegna che stimola maggiormente la produzione di testi in cui emergono gli aspetti affettivi e fantastici. Noi abbiamo scelto la seconda, perchè ci sembrava più aperta. Inoltre, abbiamo realizzato le seguenti attività. Abbiamo letto i testi prodotti dai bambini e riportato alla lavagna gli argomenti trattati, evidenziando ogni argomento con un colore. Appunti sulla lavagna: Ancora i testi liberi. Da un po' di tempo i bambini della mia seconda dimostrano un interesse spontaneo per la stesura dei testi liberi, soprattutto per l'invenzione di storie fantastiche.

Appunti sulla lavagna: Ancora i testi liberi

Senza che sia io a chiederlo, mi consegnano spesso fogli volanti scritti in stampatello maiuscolo (ma qualcuno anche in corsivo). Si tratta di storie per lo più inventate, scritte in momenti liberi, non organizzati come l'intervallo e i momenti in cui si attende che i compagni abbiano finito un'esercitazione o una verifica. L'attenzione per l'ortografia non è proprio al massimo, ma si nota un certo sforzo di costruire una trama avvincente e originale, che catturi il potenziale lettore.

La matematica nella camera di Van Gogh: problema dimensioni della tor… La matematica in camera di Van Gogh: le brocche per lavarsi. MULTI - MEDIA. Lezione Capovolta - Esperienze. La Classe Capovolta.