background preloader

Crea il tuo ebook online

Crea il tuo ebook online

http://www.scribaepub.info/

Related:  Ebook: writing, composing, reading. Scrivere e leggere e-book

Come creare eBook interattivi - Approfondimento Come creare gratis eBook interattivi semplicemente trasformando un documento statico in una pubblicazione interattiva. Desiderate presentare il contenuto di un file ad esempio in formato PDF in modo dinamico, accattivante, interattivo? In rete ci sono interessanti servizi gratuiti che permettono di far ciò: ovvero, trasformare le vostre riviste, cataloghi, guide o semplici pagine di testo, salvate in formato documento, in veri e propri ebooks da "sfogliare" virtualmente online. Proprio come fareste con un giornale cartaceo girando le pagine ad una ad una, semplicemente utilizzando il puntatore del mouse, potrete trasformare il vostro materiale ripresentandolo in altra forma interattiva.

13 Digital lending. Quali piattaforme? - Ebook in biblioteca Digital lending. Piattaforme italiane - Servizio MLOL, Media library online. Aderiscono a MLOL numerosi sistemi bibliotecari territoriali (su base regionale o provinciale) e reti di biblioteche civiche. DidatticaMediale "Il buon insegnamento dipende anche da quanto gli insegnanti riescono a tener conto delle culture e delle attese degli studenti, e da quanto fanno attenzione al modo in cui imparano" D. Buckingham “La ME viene intesa come quel particolare ambito delle scienze dell’educazione e del lavoro educativo che consiste nel produrre riflessione e strategie operative in ordine ai media intesi come risorsa integrale per l’intervento formativo” (Rivoltella 2001). Si parla, invece, di Media Literacy quando si pone in essere un’azione che implica necessariamente il saper “leggere e scrivere” i media (Buckingham 2006). Quindi, la ME può essere intesa come un processo di insegnamento e apprendimento centrato sui media mentre la Media Literacy (alfabetizzazione ai media) ne è il risultato.

Il Digital Storytelling in classe: le tipologie Il digital storytelling, la tecnica con cui imparo contenuti didattici (e non solo) tramite la narrazione di storie, può essere declinata in varie tipologie. Si premette che il Dst (digital storytelling), diversamente da quanto si possa immaginare, non è adatto solo alle discipline umanistiche come la letteratura e la filosofia, ma ben si presta anche a quelle cosiddette scientifiche come la matematica, fisica, informatica e scienze. Il limite sta nella fantasia del docente e nella sua disponibilità a sperimentare nuove metodologie didattiche non frontali. PDF sfogliabile: Convertire file pdf in una rivista sfogliabile online Creare una rivista, volantino, catalogo, magazine sfogliabile online, partendo da qualsiasi documento in pdf. I migliori servizi gratuiti per trasformare un documento statico in una pubblicazione interattiva. Ho raccolto i migliori servizi gratuiti per trasformare un documento in formato pdf in una rivista sfogliabile da pubblicare e distribuire online. Questi servizi ti consentono di pubblicare online documenti, migliorando notevolmente la user experience dei tuoi lettori che potranno interagire con le pagine in mode semplice ed immediato. Utilizzarli è semplicissimo e l’effetto finale è davvero ottimo.

MLOL - MLOL Scuola, la biblioteca scolastica digitale Bologna, 13 maggio 2016. E’ finalmente pronta l’offerta “MLOL Scuola” alla quale lavoriamo da alcuni mesi con molto impegno. Tutti i dettagli e le informazioni le trovate all’indirizzo scuola.medialibrary.it o scrivendoci a scuola@medialibrary.it. Da molto tempo andiamo dicendo che il digitale è l’unica soluzione operativa alla situazione disastrosa in cui versano le biblioteche scolastiche italiane. Un rapporto dell’AIE del 2013 parla - e non c’è alcuna esagerazione - di “buco nero” delle biblioteche scolastiche italiane (qui il PDF con un’analisi dettagliata dettagliata). Un dato per tutti: le biblioteche scolastiche italiane offrono ai propri utenti lo 0,4 % delle novità editoriali in commercio, con una media di 4,5 libri per studenti (tutti, non solo le novità!)

Per una fenomenologia dell’apprendimento in rete Sintesi dei lavori del tutorial svoltosi nell’ambito del II Congresso SIe-L, Firenze 9-11 novembre 2005 La seconda edizione del Congresso SIe-L, svoltasi a Firenze dal 9 all’11 novembre 2005, è stata preceduta da tre tutorial, aperti a giovani professionisti e ricercatori del settore, per offrire un’opportunità di approfondimento su specifiche tematiche dell’e-learning. In questa sintetica comunicazione presentiamo i risultati del lavoro svolto dai partecipanti nel corso del Tutorial “Per una fenomenologia dell’apprendimento in rete”, coordinato da A. Calvani, B.

Compro il carteceo ed ho subito il digitale: il libro su bSmart bSmart, applicazione mobile già conosciuta nel mondo dell’editoria scolastica, ha gettato un bel sasso nello stagno degli acquisti dei libri di testo. Il modello lo conosciamo bene: portiamo la lista al nostro rivenditore di fiducia e dobbiamo armarci di (tanta) pazienza, perché raramente i volumi ordinati arrivano in tempo per l’inizio delle lezioni, lasciando spesso i ragazzi nell’imbarazzo di non poter rispondere di sì all’insegnante quando i primi giorni di scuola pone la fatidica domanda: “Il libro di testo è arrivato a tutti?”. Fortunatamente il digitale arriva dove il classico sistema dell’editoria scolastica non riesce: potete dire addio alle liste cartacee ed i continui viaggi in libreria o in edicola. Sul marketplace di bSmart cercate con un click nell’elenco delle adozioni di tutte le scuole italiane; ordinate in maniera sicura direttamente da computer, e grazie alla partnership con Amazon i libri arrivano in tempi brevi direttamente a casa vostra.

Ebook: per chi è agli inizi (ovvero, 10 cose che dovresti sapere sugli ebook) – prima parte Questo è il primo di due articoli indirizzati espressamente a quanti di voi stanno muovendo i primi passi nell’ambito della lettura digitale e possono forse trovarsi spaesati di fronte a termini particolari (come, per esempio, DRM) oppure nell’affrontare un’offerta di dispositivi elettronici decisamente in crescita anche nel nostro paese. Lo abbiamo scritto proprio partendo dalle tante email che quotidianamente riceviamo e dalle domande che fioccano numerose nei commenti del blog. Delle “10 cose che dovreste sapere sugli ebook”, quindi, in questa prima parte tratteremo le prime cinque (alla prossima puntata le 5 restanti). 1) Cos’è un ebook reader Il termine ebook deriva dalla contrazione di electronic book, cioè «libro elettronico» e indica un qualsiasi documento di testo digitale redatto al computer.

NUOVA DIDATTICA Agli inizi degli anni ’70 si è sviluppato il metamodello progettuale definito A.D.D.I.E. a partire dalle iniziali dei blocchi che lo costituiscono: Analisys, Design, Development, Implementation ed Evaluation (Analisi, Progettazione, Sviluppo, Implementazione e Valutazione). Il modello ADDIE è uno dei modelli di sviluppo più utilizzati nell’ambito dell’ Instructional Design. Il principio di riferimento è legato alla costruzione di un percorso lineare che permetta di pianificare, sviluppare, gestire e valutare un processo istruttivo al fine di garantire una adeguata perfomance da parte degli alunni.

Google Documenti ora consente di esportare il testo in formato epub Google ha deciso di aggiornare Documenti, il servizio che permette di realizzare file di testo – anche in mobilità – con una piccola ma allo stesso tempo importante novità: è ora possibile esportare i propri file di testo in formato epub, vale a dire il formato utilizzato nel mondo degli e-book e supportato dalla maggior parte degli e-reader. Il maggior vantaggio di un file epub rispetto alla versione PDF risiede nella possibilità di auto-adattamento del testo in base alla dimensione dello schermo; in più sarà possibile per gli utenti andare a modificare la dimensione del testo e vengono accettati file immagini come GIF, JPEG, PNG e SVG. Come detto sopra, inoltre, tali file sono supportati dalla maggior parte degli e-reader disponibili sul mercato, ad eccezione dei Kindle di Amazon (per i quali sarà necessaria una semplice conversione). Nella GIF qui sotto potete vedere come accedere all’opzione, in modo semplice ed intuitivo.

Ebook: per chi è agli inizi (ovvero, 10 cose che dovresti sapere sugli ebook) – seconda parte Nella prima parte di questo articolo, dedicato a quanti si affacciano per la prima volta alla lettura digitale, abbiamo parlato essenzialmente di tablet, di ereader e-ink e delle differenze tra queste due tipologie di dispositivi. Continuiamo ora con le altre cinque cose che dovete sapere sugli ebook e concentriamoci sull’ “anima” degli ereader e-ink e della lettura digitale: il libro elettronico. 6) I formati degli ebook L’ebook per non rischiare di essere considerato “un libro di serie B” rispetto al libro a stampa deve presentarsi con una netta identità proprio come il documento cartaceo, deve in certo qual modo riprenderne la gutenberghiana struttura (una struttura cioè da libro, e non da dispensa malfatta e mal riletta): quindi deve avere un indice dei contenuti, essere suddiviso in capitoli e paragrafi, curare una scelta di immagini, note a piè di pagina e così via. Esiste una grande varietà di formati.

Tassonomia di Bloom TASSONOMIA DEGLI OBIETTIVI EDUCATIVI (Taxonomy of Educational Objectives) Area Cognitiva (B.S.

Related:  WEB APPs