background preloader

Open Source e pubblica amministrazione - Copy

Facebook Twitter

I vantaggi, le opportunità e i rischi dell'uso di software open source nella pubblica amministrazione e nella scuola in particolare

MultiBoot Linux su chiavetta USB.

MultiBoot Linux su chiavetta USB

Anbox permette di eseguire le app Android su Linux in maniera nativa - Tutto Android. Finora per eseguire un’applicazione Android su PC era necessario ricorrere a emulatori che in sostanza creano macchine virtuali all’interno delle quali eseguire le app, che risultano ovviamente disgiunte dal resto del sistema operativo.

Anbox permette di eseguire le app Android su Linux in maniera nativa - Tutto Android

La soluzione, almeno per tutti gli utenti che sul loro PC hanno installato una distro Linux, si chiama Anbox. Si tratta di un sistema completamente open source pensato appositamente per funzionare con distribuzioni come Ubuntu o Fedora, utilizzando lo stesso kernel per i due sistemi. Come recuperare i vecchi pc a scuola (e a casa) Sappiamo che non sempre le scuole hanno a disposizione un numero sufficiente di dispositivi per attuare anche solo parzialmente una didattica supportata dalle tecnologie digitali.

Come recuperare i vecchi pc a scuola (e a casa)

La cronica mancanza di fondi è spesso un ostacolo insormontabile che impedisce alle scuole di avere un “parco macchine” realmente adeguato alle crescenti esigenze della didattica digitale. Spesso però si mettono da parte computer ancora funzionanti che, poiché non più aggiornabili come software (spesso legati a sistemi operativi dalla veloce obsolescenza), dal punto di vista hardware non presentano alcuna disfunzione.

Linux - technology to serve people's needs. Linux introduction Class 02. Education - Zorin OS.

Speciale Scuola e didattica

Trasforma la tua distribuzione linux in windows 10Appunti di Linux. Per i nostalgici di windows o del suo tema e icone, c’e’ la possibilità di customizzare linux per farlo sembrare il piu’ possibile simile a windows 10 per esempio.

Trasforma la tua distribuzione linux in windows 10Appunti di Linux

Il processo e’ molto semplice, linux legge i temi e le icone disponibili dalle sue cartelle di sistema /usr/share/icons o /usr/share/themes di norma, ma e’ possibile creare nella propria home se non gia’ esistenti due cartelle .icons e .themes scaricare da qualche sito il tema e le icone stile windows 10 che di norma sono due file zippati e scompattare il contenuto relativamente dentro .icons o .themes della home. Migrazione a sistema operativo libero in PA? Si può fare. Il maggior numero di macchine erano 50 PC IBM con 512 Mb di Ram, HD da 40Gbyte.

Migrazione a sistema operativo libero in PA? Si può fare

Pochi cloni con 1 Gb di Ram, workstation Hp ma sempre Windows XP. Sistema di videoscrittura Word 2003, pochi utenti Excel, solo 2 utenti usavano Access 97. 10 errori da evitare nelle migrazioni a software libero. In occasione del Linux Day di oggi, una giornata speciale con tanti eventi programmati in diverse città italiane finalizzati a presentare le opportunità del software libero, parliamo dei 10 errori più comuni che aziende e pubbliche Amministrazioni commettono nell’approcciarsi a progetti di migrazione da software proprietario a open source. 1.

10 errori da evitare nelle migrazioni a software libero

“I progetti di migrazione sono banali, alla portata di tutti”. Quando si pensa al passaggio da un software a pagamento a uno libero, troppo spesso si pensa che non ci siano criticità e che queste siano riferibili soltanto alla mancata volontà degli utenti. Niente di più sbagliato: le migrazioni sono semplici solo se pensiamo alla semplicità come ad una complessità risolta.

Distribuzioni Linux per PC vecchi: ecco le migliori! Quando si sente parlare di Linux è automatico pensare ad un sistema operativo in grado di avviarsi su hardware abbastanza datato: prima di riscuotere il successo (sia in ambito desktop che server) di cui dispone tutt’oggi, l’utenza era solita ricorrere a tale famiglia di sistemi operativi per riportare in vita dei computer non più scattanti e che, altrimenti, sarebbero finiti dritti in qualche cantina polverosa.

Distribuzioni Linux per PC vecchi: ecco le migliori!

Sebbene le distribuzioni siano tantissime e varino costantemente nel corso del tempo, l’usanza di usare Linux come un “salvatore” di “macinini” è ancora presente e radicata in molti: dal serverino per mirroring al classico muletto, passando per il computer da far usare ai più piccoli, gli scenari che possono richiedere l’utilizzo delle distribuzioni Linux per PC vecchi altrimenti non utilizzabili – o meglio, per salvarli dalla pattumiera – sono molti.

Le migliori distribuzioni Linux da usare su pendrive. Siete alla ricerca di un modo simpatico di riciclare una – o anche più d’una – chiavetta USB, magari diventata con il tempo fin troppo piccola per contenere i vostri dati?

Le migliori distribuzioni Linux da usare su pendrive

Se siete amanti del fai-da-te in termini di diagnostica, se utilizzate spesso PC altrui, se siete titolari di un internet point e per altri mille motivi… potreste essere finiti nell’articolo giusto: vi suggeriamo una lista di distribuzioni GNU/Linux che stanno comodamente su una chiavetta USB da 2 GB (alcune occupano addirittura una manciata di MB) e che possono aiutarvi in numerosi scenari. Magari, chissà, potreste anche crearvi una cassetta degli strumenti da utilizzare ad ogni evenienza a suon di chiavette dalle dimensioni ormai troppo ridotte! Distribuzioni da pendrive – Uso giornaliero Distribuzione desktop: Linux Mint MATE. Le distribuzioni Linux più usate: ecco la top ten.

Vi abbiamo parlato delle distribuzioni Linux più utili per resuscitare PC vecchi e delle distribuzioni più utili da avere su pendrive; ma mai prima d’ora ci siamo addentrati nell’argomento distribuzioni Linux più usate!

Le distribuzioni Linux più usate: ecco la top ten

In questo articolo troverete la lista delle prime dieci della classifica: ciascuna distribuzione sarà accompagnata da una descrizione sommaria, con tanto di pro e contro. Prima di continuare, sappiate che tale classifica non esprime preferenza né grado di utilità e fa capo al solo “posizionamento” in una classifica basata sull’utilizzo. Ciò significa, dunque, che l’ultima in classifica potrebbe essere migliore della prima per alcuni scenari, peggiore per altri, e via dicendo.

Croazia (chi)ama open. Il Ministero dei veterani della Croazia ha pubblicato lo scorso anno un manuale (con licenza aperta CC-BY-NC-SA) per tutte le pubbliche amministrazioni su come utilizzare la distro Linux e la suite LibreOffice nelle migrazioni in Pubblica Amministrazione.

Croazia (chi)ama open

Il rilascio del manuale fa parte di un progetto pilota che il Ministero ha portato avanti in merito alla possibilità di implementare l’utilizzo del software libero e formati standard aperti all’interno delle proprie direzioni per aumentare la capacità di interoperabilità con le altre pubbliche amministrazioni e ridurre così nel lungo periodo i costi di manutenzione dei sistemi informativi.

Il caso. Linux a scuola: tutte le distribuzioni per studenti e professori - WhileTrue. Negli ultimi anni è cresciuto anche in Italia l’interesse verso i free software nell’ambito del sistema scolastico.

Linux a scuola: tutte le distribuzioni per studenti e professori - WhileTrue

Abbiamo assistito a numerose iniziative, spesso portate avanti con ottimi risultati. Guardando però alla diversità degli approcci e delle soluzioni adottate, abbiamo sentito il bisogno di inserirle in un catalogo di facile fruizione, per semplificare l’accesso alle informazioni in un panorama così vasto. Distribuzioni in italiano Si tratta CD o DVD autoavvianti (da inserire a pc spento) che offrono un ambiente completo senza la necessità di installare alcun programma sul pc ospite. Skolelinux (anche Debian Edu) Ottima distribuzione, derivata direttamente da Debian Linux. Distribuzioni in lingua straniera. BgLUG Scuole. Per un progetto di migrazione al software libero/opensource come questo, è importante realizzare che la migrazione comporta un cambiamento delle attività formative legate all’informatica, a cui si aggiunge la comune assenza di esperienza su sistemi operativi liberi.

Per i docenti e per gli alunni, equivale a trovarsi di fronte un laboratorio che nessuno saprebbe utilizzare. Per questo il BgLUG ha previsto, già dalle prime fasi di attuazione del suo progetto, una parte importante di formazione, che viene svolta con il personale scolastico che si occupa della didattica (docenti) e con chi si incaricherà di mantenere operativo il laboratorio. In particolare, sono stati previsti i seguenti corsi: Software Open Source per Archivi Storici, Fotografici e Audiovisivi. LampSchool, il registro elettronico scolastico open source. Home - Open Government Partnership Italia. 13 maggio 2016: nasce la rete Pasw. Venerdì 13 maggio, ore 14:30. Una trentina di scuole si ritrovano e stilano l’accordo di rete. Il documento è disponibile per l’approvazione, entro il 15 luglio, dei consigli d’istituto delle scuole interessate. Premessa Cosa è Porte aperte sul web 13 maggio 2016: nasce la rete Pasw Comunità di pratica, promossa da USR Lombardia, nasce nel 2003 per fornire aiuto e supporto alle scuole per la costruzione di siti scolastici accessibili, cioè fruibili anche dalle persone con disabilità.

Riforma Pa, passo indietro su software libero e continuità operativa. La Riforma del Codice dell’Amministrazione Digitale contiene un passo indietro importante sugli obblighi relativi al software libero e alla continuità operativa, per le pubbliche amministrazioni. Sono novità che rischiano di passare inosservate, nel mare magnum del testo. La prima risulta dalle modifiche apportate dall'art. 68, che regola l'analisi comparativa delle soluzioni in caso di acquisti di software.

Nel testo recentemente pubblicato sul sito del Governo, risultano eliminati alcuni commi: il 2, il 2-bis e il 4. Open source nella PA: rischi e opportunità. L’art. 68 del Codice per l’Amministrazione Digitale (CAD) stabilisce i criteri con cui una pubblica amministrazione deve valutare i software da sviluppare, acquistare o comunque impiegare sulla sua infrastruttura e per l’erogazione dei servizi. Sebbene il CAD faccia riferimento al software open source sia modo esplicito, sia indicando alcune caratteristiche che lo contraddistinguono (costo contenuto, apertura e standardizzazione dei formati, modularità…), sono diverse le PA centrali e locali che sono titubanti verso l’impiego di software libero e open source, per via di alcune altre raccomandazioni contenute nel CAD e che sembrerebbero impedirne o scoraggiarne l’adozione, come l’attenzione alla sicurezza, la difficoltà di uso e mantenimento, l’assistenza e le garanzie sul livello di servizio (SLA).

Ma è davvero così? Computerworld Italia: Dott. Capobianco, sono fondate le preoccupazioni riguardo alla sicurezza delle soluzioni open source? Vantaggi e diffusione del software Open Source. Il mercato dei servizi sui software Open Source attraversa una fase più che positiva, legata sia alla presa di coscienza della maturità dei principali progetti che all’attuale orientamento normativo indirizzato alla razionalizzazione dei costi ed al supporto dei formati aperti. Il costante sviluppo della domanda di prodotti Open Source richiede però alcune competenze specifiche per questo nuovo modello di business. Os_e_pa. Open Source e Pubblica Amministrazione - Il software nella PA. Lopen source nella pubblica amministrazione: il punto della situazione di Avv. E. Olimpia Policella *** "Così abbiamo convinto il Ministero della Difesa a convertirsi all’open-source” Comune.levico-terme.tn. Comune di Levico Terme Open Source e formati aperti. Linee guida PA: metodologia e gerarchia.

Amministrazionelibera.