background preloader

Designers

Facebook Twitter

Cini Boeri – il diminutivo del nome di una signora di Milano. Codice Mendini, le regole per progettare. Video-intervista Fabio Novembre. 110 anni dalla nascita di Bruno Munari, 10 opere per ricordarlo. Il Museo Immaginario: CHARLOTTE PERRIAND: LA DONNA A CUI LE COURBUSIER RUBO' GLI OGGETTI. Charlotte Perriand (Parigi, 1903 – Parigi, 1999) è stata un architetto e designer francese, tra i maggiori protagonisti, dimenticati, del design contemporaneo, e spesso i suoi meriti, come nel caso di LC4, la chaise longue disegnata da Le Corbusier, Pierre Jeanneret (la moglie) e …guarda guarda …Charlotte Perriand.

Il Museo Immaginario: CHARLOTTE PERRIAND: LA DONNA A CUI LE COURBUSIER RUBO' GLI OGGETTI

Massimo Vignelli's last grand project was his own funeral — Quartz. Most funerals are modest, hastily planned events left to mourning family members to put together.

Massimo Vignelli's last grand project was his own funeral — Quartz

But for design legend Massimo Vignelli, who passed away two years ago today (May 27), it was a farewell that he personally designed down to the last detail, capping a long, storied life in design. For many years, Vignelli developed the vision for his funeral—his final design production—carefully choosing the location, the program, the music, the speakers, the guest list, and of course, an impeccable custom-made crematory urn. “Conversation with him about his funeral was a recurrent theme,” says Beatriz Cifuentes-Caballero who, together with her husband Yoshiki Waterhouse, were the executors of Vignelli’s design will. “He was never afraid of talking about it, even taking pleasure in knowing that his memorial would be his last gift to his friends.” John Madere, who made a short film about Vignelli in 2010, was the only professional photographer allowed at the private service. 25 years of konstantin grcic for ClassiCon with monochromatic series.

Apr 01, 2016.

25 years of konstantin grcic for ClassiCon with monochromatic series

25 anni di design tedesco, firmato Konstantin Grcic. La Kunsthalle di Bielefeld ospita la rassegna ‘Konstantin Grcic.

25 anni di design tedesco, firmato Konstantin Grcic

Abbildungen’, con le principali creazione sviluppate dal designer tedesco degli ultimi 25 anni. La mostra in corso presso la Kunsthalle di Bielefeld, in Germania, punta ad attivare un dialogo tra alcune opere provenienti dalla collezione permanente e una selezione dei progetti del designer Konstantin Grcic.

Massimo Giacon Mr. Ettore Sottsass Library #066. Più che un documentario o una biografia, per riuscire a descrivere al meglio il mondo di Ettore Sottsass forse ci vorrebbe l’LSD.

Massimo Giacon Mr. Ettore Sottsass Library #066

In alternativa, Massimo Giacon ce ne mostra un frammento attraverso l’arte che più di tutte promette esperienze multisensoriali: il fumetto. Ettore – Mr. Sottsass Jr. e il mistero degli oggetti, pubblicato da 24 Ore Cultura, ci racconta così l’universo dell’architetto italiano, fatto di progettazione, ma anche di viaggi e amori, dischi, scritti e Beat Generation. PRIMAPRESS.IT - La designer Patricia Urquiola è il nuovo art director di Cassina. La Valigia Intergenerazionale. Gio Ponti. Lezioni di design. Giovanni Ponti, detto Giò (Milano, 18 novembre 1891 – Milano, 16 settembre 1979), è stato un architetto, designer e saggista italiano, tra i maggiori del XX secolo.

Gio Ponti. Lezioni di design

Raymond Loewy: il design che viaggia dalle aspirapolvere alle basi spaziali. Raymond Loewy (Parigi, 5 novembre 1893 – Monte Carlo, 14 luglio 1986), e' stato un designer emblema dei suoi tempi; per meglio dire: egli è stato capace di "scolpire" letteralmente il proprio tempo arredandolo con oggetti che lo hanno fortemente caratterizzato.

Raymond Loewy: il design che viaggia dalle aspirapolvere alle basi spaziali

Molti degli oggetti di design realizzati da Loewy sono tutt'ora in commercio e ispirano ancora i designer contemporanei. Ma fu soprattutto l'ecletticità del personaggio a valergli un posto d'onore nella storia del disegno industriale. D'origine francese ma ben presto trasferitosi negli Stati Uniti operò nel campo del design soprattutto tra gli anni Trenta e i Cinquanta sviluppando le linee guida di quello che verrà poi definito come stile streamline. Katerina Kamprani. Jennifer Goff The World of Eileen Gray Library #052. Una monografia classica, una ricerca molto approfondita su una designer lontana dalle convenzioni.

Jennifer Goff The World of Eileen Gray Library #052

In Eileen Gray. Jennifer Goff The World of Eileen Gray Library #052. Vitra Design Museum: Carlton - Ettore Sottsass jr. Architects Reimagine Jacobsen's Series 7 Chair. In celebration of Arne Jacobsen’s Series 7 Chair, seven renowned architects were invited by Fritz Hansen to reinterpret the iconic chair in their own way for a project called 7 Cool Architects.

Architects Reimagine Jacobsen's Series 7 Chair

The participants had to choose a context and then they were free to run with it, which led to them changing the legs, materials, and surfaces. Their new functions range from a chair in nature to a double chair that lets you face another person. Now, the seven chairs will be exhibited around the world and two editions of each chair will be sold at an auction at the end of the year. Where I Work: Gabriele Chiave of Marcel Wanders Studio. Gabriele Chiave spent his formative years moving from Dakar (four years), Caracas (five years), Buenos Aires (two years), and Rome (three years), giving him a multicultural perspective before even finishing high school.

Where I Work: Gabriele Chiave of Marcel Wanders Studio

After receiving his French baccalaureate diploma, he headed to Milan where he spent nine years, during which time he studied Industrial Design at IED. James Irvine: a self-portrait. The Domus digital archive includes all our issues since 1928. If you'd like to subscribe click here to find out more. Archive: vignelli.

Jasper Morrison: innamorarsi della normalità « design@large. Il valore delle cose nell'era di internet, la generosità del design, l'atmosfera che circonda gli oggetti pensati. Una lunga intervista con il designer della super-normalità (*). Qualche settimana fa ho iniziato a leggere un libro. L'autore era un professore universitario e il titolo era promettente, pulito, immediato: Design. Malgrado l'essenzialità della copertina e del suo dichiarato scopo però (illustrare le molteplici anime della cultura del progetto), il volumetto si è rivelato essere l'opposto di quello che mi aspettavo: perché chi scrive di design sente sempre la necessità di esprimere pensieri anche semplici (e addirittura banali a volte) con frasi complesse?

Snarkitecture. VVVVID. Franco Raggi. Franco Raggi Milano. Paesaggi Italiani 28 maggio – 13 giugno 2015 mostraFranco Raggi Paesaggi Italiani Antonia Jannone Disegni di Architettura corso Garibaldi 125 Milano inaugurazione28 maggio ore 18.30. Estudio Mariscal. Venini: Ando Time. La clessidra progettata da Tadao Ando per Venini è composta da due elementi: un prisma in vetro ruotato a base triangolare (esterno) e un cilindro anch’esso in vetro, composto da due elementi di colore diverso (all’interno).

Tadao Ando, Ando Time, Venini Le parti di vetro sono collegate tra loro da un componente in metallo prezioso (il titanio) che lascia passare la sabbia (ossido di alluminio, un minerale scuro e durissimo quasi come il diamante usato per tagliare e levigare il vetro). Il progetto – all’apparenza semplice – è reso possibile grazie all’importante studio e alla complessa ingegnerizzazione dello stampo in ghisa necessario alla realizzazione del volume esterno.

Yves Behar: Designing objects that tell stories. Javier Mariscal: Chester. Martino gamper alters perspectives with corners window design concept for prada. Eileen Gray: pioniera del design. L'archivio digitale di Domus include tutti i numeri a partire dal 1928. Se sei interessato ad abbonarti clicca qui. Pubblicato in origine su Domus 469 / dicembre 1968. Franco Albini, mobili, 1938-1959. Pubblicato in origine su Domus 729/luglio 1991 Una meditata revisione critica dei fondamenti del movimento moderno, assieme ad una attenta mediazione tra innovazione e tradizione, determinano il significato e l'importanza di approfondire la conoscenza dell'opera di Albini, caratterizzata appunto sia dall'innovazione tipologica che dalla ripresa di metodologie e temi della tradizione. Albini determina molto presto, per quanto concerne il disegno dell'arredo, quasi tutte le tipologie sulle quali lavorerà lungo il corso della vita; possiamo quindi leggere le sue opere attraverso l'individuazione di alcuni nuclei tipologici che vorrei definire 'strutturali'.

Le sedie, ad esempio, costituiscono una costante variazione condotta su di un'unica tipologia individuabile già nei disegni per il concorso Wohnberdarf del 1940.

Starck