background preloader

Edmodo:Comunica con studenti e genitori nella tua classe virtuale

Edmodo:Comunica con studenti e genitori nella tua classe virtuale

https://www.edmodo.com/?language=it

Related:  Didattica a distanza: Applicazioni e Strumenti digitaliattiliogrilletto

Digital Storytelling: Cos’è, come utilizzarlo nella didattica, con quali strumenti si realizza Il Digital Storytelling ovvero la Narrazione realizzata con strumenti digitali (web apps, webware) consiste nell’organizzare contenuti selezionati dal web in un sistema coerente, retto da una struttura narrativa, in modo da ottenere un racconto costituito da molteplici elementi di vario formato (video, audio, immagini, testi, mappe, ecc.). Caratteristiche di questa tipologia comunicativa sono: # il fascino: derivante dal carattere fabulatorio che possiedono le storie, dato che si tratta, fondamentalmente, di racconti; # la ricchezza e varietà di stimoli e significati: derivanti dall’alta densità informativa e dall’amalgama di codici, formati, eventi, personaggi, informazioni, che interagiscono tra loro attraverso molteplici percorsi e diverse relazioni analogiche. # Si tratta quindi di una forma di narrazione particolarmente indicata per forme comunicative come quelle proprie del giornalismo, della politica, del marketing, dell’autobiografia e anche della didattica. 1. 2. 3.

Una mappa per la formazione digitale degli insegnanti scarica la versione PDF del lavoro La situazione delle tecnologie nella scuola italiana L’ultima legge sulla scuola (riguardo all’aggettivazione della quale credo debba essere almeno lasciata libertà di giudizio) stabilisce l’ingresso delle competenze digitali tra quelle irrinunciabili per gli studenti, in accordo col piano Scuola Digitale e richiamando quanto già stabilito – ma senza conferire ad esse autonoma dignità – nel profilo degli studenti in uscita dalla scuola dell’obbligo del ministro Fioroni del 2007 (1). Scuola, Registro elettronico: ad agosto a regime la dematerializzazione Il Registro elettronico diventa obbligatorio. Presto la legge sulla dematerializzazione diventerà pienamente esecutiva, precisamente a partire dal 12 agosto 2016. Il lunghissimo percorso intrapreso dall’Agenzia per l’Italia digitale a proposito della gestione dei documenti digitali per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione giungerà a conclusione, o meglio, diventerà pienamente esecutiva e a breve per gli insegnanti i loro registri cartacei saranno dei lontani ricordi.

La principale politica di investimento dell’Unione europea - Politica regionale - Commissione europea - UE La politica regionale è la principale politica di investimento dell’Unione europea La politica regionale sostiene la creazione di posti di lavoro, la competitività tra imprese, la crescita economica, lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini in tutte le regioni e le città dell’Unione europea. Al fine di raggiungere tali obiettivi e di affrontare le diverse esigenze di sviluppo di tutte le regioni dell’Unione europea, per il periodo 2014-2020 sono stati destinati alla politica di coesione 351,8 miliardi di EUR, quasi un terzo del bilancio complessivo UE. Erogazione dei finanziamenti L’attuazione della politica regionale passa attraverso tre fondi principali: il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo di coesione (FC) e il Fondo sociale europeo (FSE). Politica regionale e priorità politiche della Commissione

C'era una volta un bit... La parola "storytelling" è un tipico esempio di buzzword, termine con cui ci si riferisce a una parola di moda. Si tratta di un fenomeno che caratterizza molti settori dell'esperienza umana: dal marketing alla gestione aziendale, dalla politica alle produzioni massmediali. Spesso il termine storytelling viene utilizzato come un'etichetta per contrassegnare qualsiasi cosa, anche fenomeni che con la narrazione non hanno molto a che fare. La prima questione è quindi chiarire il carattere specifico della comunicazione narrativa e comprenderne la valenza sul piano formativo ed educativo. Argomentare e/o narrare Didattica a distanza: le migliori metodologie, con link a risorse per farla al meglio Contemporaneamente alla nuova modalità di erogazione della didattica è necessario che vengano adottate e utilizzate nuove metodologie o che siano riviste e riadattate quelle già utilizzate in modalità in presenza. A seguire tratteggeremo, sinteticamente, con il corredo, talvolta, di alcuni link di riferimento, quelle più adeguate alla situazione scaturita dall’emergenza Covid-19. Citiamo solo alcune delle esperienze didattiche e laboratoriali delle quali molte scuole italiane fanno uso da tempo: Flipped Classroom: la metodologia della Flipped Classroom, consiste nel fornire materiali e tutorial che favoriscano l’avvicinamento dello studente ad un nuovo contenuto. I docenti possono fornire link a video o risorse digitali, presentazioni o tutorial, che gli alunni possono fruire in autonomia.

Proteggere i documenti in PDF con una password Ragioni di sicurezza impongono a volte la necessità di proteggere i documenti che carichiamo in rete. Può infatti essere utile, in determinate circostanze, inserire una password su un file PDF prima di caricarlo online, soprattutto quando siamo alle prese con documenti personali o privati. Con la dematerializzazione sono molti i documenti contenenti dati sensibili che rischiano di diventare di pubblico dominio anche nei casi di inserimenti in pagine protette o sezioni private dei vari siti web. Per evitare questo problema, al fine di avere la garanzia che il documento sarà letto solo da chi conosce la password, dobbiamo proteggerlo e, anche senza disporre dell'editor di Adobe, possiamo farlo in pochi secondi con le giuste applicazioni.

AT - Brescia » Blog Archive » Bando ABC Digital – Giovani che insegnano agli over 60 l’uso di internet - Provinciale Ufficio IV – Ambito Territoriale di BresciaVia S.Antonio, 14 – 25133 Brescia – Codice Ipa: m_pi Prot. MIUR AOO USPBS R.U. 16971 del 14 novembre 2016 Ai Dirigenti e ai Coordinatori didattici degli Istituti Secondari di II grado Statali e Paritari di Brescia e Provincia Storytelling e digital storytelling Lo storytelling è una pratica didattica ormai consolidata e considerata efficace ai fini dell'apprendimento perché una storia è più facile da capire e ricordare di una spiegazione, perché usa le stesse strategie che gli esseri umani usano per dare significato a quanto hanno intorno, perché mantiene sullo stesso piano il linguaggio quotidiano e il linguaggio proprio delle discipline. L'utilizzo didattico dello storytelling comprende una prima parte in cui si impara la grammatica delle narrative, e una seconda che prevede la creazione di storie come strumento per lo sviluppo di nuove competenze. Imparare gli elementi delle storie "Il re è morto e poi la regina è morta" è una cronaca, "il re è morto e poi la regina è morta di dolore" è una storia (Forster, 1968). È successo qualcosa: è morta Laura Palmer (serie TV Twin Peaks). Qualcuno lo racconta.

Avanguardie Educative - Flipped Classroom (la classe capovolta) L’idea-base della «flipped classroom» è che la lezione diventa compito a casa mentre il tempo in classe è usato per attività collaborative, esperienze, dibattiti e laboratori. In questo contesto, il docente non assume il ruolo di attore protagonista, diventa piuttosto una sorta di facilitatore, il regista dell’azione didattica. Nel tempo a casa viene fatto largo uso di video e altre risorse digitali come contenuti da studiare, mentre in classe gli studenti sperimentano, collaborano, svolgono attività laboratoriali.

Il digital education day e le dieci tesi di Rivoltella su scuola e tecnologie — Il digitale a scuola Il digital education day e le dieci tesi di Rivoltella su scuola e tecnologie Chi vuole saperne di più sulle tecnologie applicate alla didattica e cerca materiali utili per un percorso di autoapprendimento in materia, potrebbe prima di tutto rivedere quanto si è detto durante il Digital Education Day, un evento del maggio scorso organizzato da RCS Education; do questo consiglio senza essere legato al gruppo editoriale, ma perché tra i partecipanti c’erano forse le voci più autorevoli al riguardo, i cui interventi rappresentano in qualche modo una summa di ciò che altrove è stato detto e scritto sull’argomento: parlo di Gino Roncaglia, Francesco Leonetti, Maria Vittoria Alfieri e Paolo Ferri. Trasmesso in diretta streaming su corriere tv, l’incontro è stato anche coperto da un discreto live tweeting (di cui ho fatto lo storify). I temi toccati sono stati vari e importanti, tutti attuali e degni di approfondimento.

Progetto Curriculum Mapping Impara Digitale propone una piattaforma di “Curriculum Mapping”, o mappatura dei corsi di studio, come strumento essenziale per facilitare: condivisione dei programmi tra docenti della stessa disciplina e tra scuole dello stesso network educativo; la loro supervisione da parte dei coordinatori didattici; la fruizione ordinata e integrata dei contenuti didattici digitali da parte degli studenti.Mappare il curriculum significa rendere intelligibile, condivisibile e trasparente il curriculum scolastico e le sue componenti. Con il curriculum mapping si possono vedere in modo sinottico i valori educativi fondamentali della scuola, le competenze di riferimento, la loro applicazione nei diversi assi culturali e livelli o gradi di scuola, la programmazione annuale per ogni anno e ciclo scolastico e la strutturazione delle unità formative della programmazione.

Related:  classi virtuali