background preloader

Le 33 competenze digitali che ogni Insegnante dovrebbe avere nel 21° SECOLO

Le 33 competenze digitali che ogni Insegnante dovrebbe avere nel 21° SECOLO
Ogni singolo docente è preoccupato per le sue pratiche di insegnamento e le competenze coinvolte in questo processo. Quante volte vi siete chiesti in merito a un modo migliore per insegnare la stessa lezione che hanno impartito ad una classe prima di voi? Quante volte avete utilizzato la tecnologia per coinvolgere gli studenti e migliorare il loro apprendimento? Queste sono alcune domande ricorrenti ogni volta che le nostre capacità di insegnamento sono messe alla prova. E 'incredibile come la tecnologia ha cambiato il mondo intero dando vita a nuove forme di educazione a cui non abbiamo mai pensato. In realtà ci sono diversi vantaggi nell'utilizzo della tecnologia nella didattica e cercare di elencarli tutti qui è ben oltre lo scopo di questo breve post. Non c'è dubbio che gli studenti a cui si insegna oggi sono completamente diversi da quelli del secolo scorso. L'insegnante del 21° secolo dovrebbe essere in grado di: Free Audio Tools for Teachers 10 Must have Bookmarklets for Teachers Related:  Competenze docentiFlipped classroom

Educational Technology and Mobile Learning: The 33 Digital Skills Every 21st Century Teacher should Have By EdTech Team Updated on march 2, 2015 : The original list that was created in 2011 comprised 33 skills , after reviewing it we decided to do some merging and finally ended up with the 20 skills below. The 21st century teacher should be able to : 1- Create and edit digital audio Here are some tools for teachers to develop this skill :Free Audio Tools for Teachers 2- Use Social bookmarking to share resources with and between learners Here are some tools for teachers to develop this skill : A List of Best Bookmarking Websites for Teachers 3- Use blogs and wikis to create online platforms for students Here are some tools for teachers to develop this skill : Great Tools to Create Protected Blogs and Webpages for your Class 4- Exploit digital images for classroom use Here are some tools for teachers to develop this skill :Web Tools to Edit Pictures without Installing any softwareTools to Convert Photos into Cartoons

byod Il BYOD impone di andare oltre le peculiarità dei singoli device e dei relativi sistemi operativi, concentrandosi sulle funzionalità, sulla capacità dei diversi device di interagire sulle stesse basi di condivisione cloud. Cloud dal quale non si prescinde quando si lavora, com'è nel BYOD, con device mobili. Di BYOD molto si è parlato nell'ultimo anno su siti internazionali. Anche quando sono fonti italiane a proporlo, come qui Allora se è Emilia-Romagna partiamo con ….Anna Rita Vizzari, che insegna a Sestu (CA) italiano e storia nella scuola secondaria di primo grado. Poi Gabriele Benassi, che insegna alla Scuola Media Pepoli di Bologna dividendo il suo impegno di servizio con la partecipazione al Servizio Marconi. Chiude Simone Mazza, docente di tecnologia all'IC di Collecchio (PR), tra i primi a raccontarmi di esperimenti BYOD (ne ha parlato ad esempio qui ). il BYOD di Anna Rita Vizzari il BYOD di Gabriele Benassi

Edmodo: Online Learning Last week the Wall Street Journal had an article announcing that Edmodo had received a $15 million venture capital investment from the founder of LinkedIn and a former VP of Facebook. That article gave me the idea for this post of fifteen things teachers and students can do with Edmodo. For those not familiar with Edmodo, in a nutshell it is a microblogging system designed specifically for teachers and students. Using Edmodo teachers can create a microblogging network for their classes. Edmodo allows teachers to create a group specifically for their students and exclude those not invited to the group. Edmodo provides teachers with a place to post assignment reminders, build an event calendar, and post messages to the group. Here are fifteen things teachers and students can do with Edmodo. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. Do you use Edmodo?

Didattica col Web 2.0 | Connecting and Interacting among people Slatebox: crea mappe e presentazioni on line Anche questo è uno strumento in lingua inglese, ma molto intuitivo e facile da usare. E' utile per creare mappe mentali, presentazioni, diagrammi e organizzare il proprio metodo di studio; si può utilizzare per lavorare in maniera collaborativa con altri studenti e docenti. SlateboxLa risorsa funziona on line e serve registrarsi con pochi passaggi veloci; dopo di che si accede alla versione FREE.In questa sezione trovi una serie di lavori realizzati con saltebox E' stata elaborata una versione specificamente dedicata alla didattica. Video Tutorial

La scuola e le tecnologie al Social Media Week di Andrea Patassini Credo sia utile e interessante segnalare il confronto dedicato sul futuro della scuola che si è svolto qualche giorno fa durante la Social Media Week di Milano (17-21 febbraio). Le testimonianze di innovazione, di cambiamento nella didattica e le idee messe in circolo sono dei buoni spunti per approfondire alcuni aspetti, non solo teorici, ma anche operativi (qui il video completo dell’incontro). I contributi come quelli di Daniele Barca, Dianora Bardi, Maria Vittoria Alfieri e Caterina Policaro sono utili a comprendere le diverse sfaccettature di una didattica spinta sempre più a rivedere modalità e strategie. Aggiungerei anche il confronto di idee tra Roberto Maragliano e Dario Cillo durante l’hangout di venerdì 21 febbraio, dedicato alla scuola e all’e-learning, dove sono emerse, una volta ancora, le istanze di una scuola che cambia o dovrà cambiare. Spesso ci si concentra sulle conoscenze tecnologiche, quando la questione è principalmente culturale. Mi piace:

Pedagogia dell'insegnamento capovolto. Alcuni presupposti teorici. red - Si parla tanto in questo periodo di insegnamento capovolto, conosciuto con l'espressione "flipped classroom", ma spesso non si fa menzione a quelli che sono ritenuti i presupposti pedagogici che stanno alla base di questa moderna metodologia didattica. La maggior parte della letteratura sulle flipped classroom si concentra su come "capovolgere l'aula" nel senso strettamente tecnico, senza spiegare cosa dovrebbe essere programmato in quel tempo che si guadagna grazie alla natura di questa nuova metodologia. Capovolgere, non vuol dire soltanto propinare video e schede di lavoro, ma va effettuato un lavoro di programmazione a monte che sia orientato più verso la scoperta del curricolo, piuttosto che verso la trattazione sequenziale e sterile dello stesso. Il modello di programmazione flipped è quindi composto dalle tre seguenti fasi: 1 . 2 . 3 . Robert J. Le strategie individuate da Marzano sono le seguenti: Creare Zooburst è uno strumento di narrazione digitale. Valutare Analizzare

Tre modi per trovare immagini prive di copyright Dopo aver accennato con un’infografica al diritto d’autore, torniamo a parlare di copyright, ma questa volta legato alle foto. Il tempo degli esami si sta avvicinando e per molti questo significa tesine oppure presentazioni. Indubbiamente le immagini sono un valore aggiunto. Inserire una foto d’effetto, non scontata, è un buon modo per attirare l’attenzione del lettore oppure del pubblico al quale ci stiamo rivolgendo, ma non sempre trovare immagini di qualità è un compito semplice. Vi voglio segnalare quindi tre siti utilissimi per trovare immagini che non sono coperte da copyright, oppure i cui autori hanno volutamente concesso l’utilizzo a tutti gli avventori della Rete. Flickr Commons Il primo sito, che personalmente adoro, è Flickr Commons. L’interfaccia è davvero semplice da usare, e per di più non richiede neanche la registrazione. Pixabay L’altro servizio totalmente gratuito, per trovare immagini gratuitamente, si chiama Pixabay. Google Immagini Buona ricerca!

Curriculum del prof. Marco Guastavigna

Valido decalogo di competenze che delineano il nuovo docente, guida di alunni di una nuova società by monicamisuri Jan 16

Related: