background preloader

Educational Technology and Mobile Learning: The 20 Digital Skills Every 21st Century Teacher should Have

Educational Technology and Mobile Learning: The 20 Digital Skills Every 21st Century Teacher should Have

http://www.educatorstechnology.com/2012/06/33-digital-skills-every-21st-century.html

Related:  Digital competenceCompetenze docenti21st century teaching and learning

Accenture: ecco tutti i numeri del Digital Consumer in Italia Italiani early adopter: smartphone e tablet fanno ormai parte della dieta digitale quotidiana degli Italiani, che sono i più entusiasti fruitori di device mobili a livello Ue. I più alti tassi di penetrazione di smartphone (91%) e tablet (60%) si registrano in Italia, rispetto al resto d’Europa (con una media di penetrazione del 77% – smartphone – e 49% – tablet). Anche in Italia il mercato ha raggiunto la stabilità, ma i margini di crescita sono più alti rispetto alla media europea: il 56% dei nostri connazionali ha in programma l’acquisto di un nuovo smartphone nei prossimi 12 mesi – rispetto alla media europea del 41% – con un calo dell’8% rispetto al 2015. Questi i dati salienti del “Digital Consumer Survey 2016” presentato ieri a Roma da Accenture in occasione del workshop organizzato con Agcom “La Consumer Experience nell’era digitale: Prospettive per il mercato Media e Telecomunicazioni”. Spesa e fruizione di servizi: il mercato è in stand-by.

Le 33 competenze digitali che ogni Insegnante dovrebbe avere nel 21° SECOLO Ogni singolo docente è preoccupato per le sue pratiche di insegnamento e le competenze coinvolte in questo processo. Quante volte vi siete chiesti in merito a un modo migliore per insegnare la stessa lezione che hanno impartito ad una classe prima di voi? Quante volte avete utilizzato la tecnologia per coinvolgere gli studenti e migliorare il loro apprendimento? Educare.it - Il modello TPACK: idee per un approccio misto tra i social media for teaching e la flipped classroom L’articolo indaga l’enjoyment generato attraverso una didattica attiva e flessibile che si implementa delle risorse tecnologiche oggi disponibili. In particolare si esplora il modello denominato TPACK, capace di generare una conoscenza che ben si modella alla generazione dei nativi digitali. Questo modello didattico punta ad amalgamare tra loro i tre corpi essenziali di conoscenza: il sapere contenutistico, l’assetto pedagogico e la componente tecnologica. A corredo del lavoro è offerto come proposta di implementazione del modello un approccio misto tra il social media for teaching e la flipped classroom. Introduzione

Indire, sito ufficiale di Giovanni Nulli 27 Febbraio 2013 Il progetto iTec (Innovative Technologies for an Engaging Classroom) prevede l’introduzione di nuovi scenari in classe supportati dall’utilizzo della tecnologia. Le 10 competenze vincenti sul lavoro nel 2020 - ilSole24ORE Come posso prepararmi all’ingresso nel mondo del lavoro o a fare carriera? Le aziende cambiano e l’onda lunga della crisi sta cambiando i parametri, come star dietro a questa evoluzione? Dando per scontate le competenze tecniche, sono altri tipi di “skill” che fanno davvero la differenza nel momento in cui ci si presenta sul mercato del lavoro e il World Economic Forum ha voluto semplificare con un video la top10 delle capacità richieste a tendere. Scorriamo la classifica dal fondo: 10) Flessibilità cognitiva: in altre parole si tratta di una delle funzioni esecutive, capacità che entrano in gioco quando si deve rispondere a situazioni non consuete.

La scuola e le tecnologie al Social Media Week di Andrea Patassini Credo sia utile e interessante segnalare il confronto dedicato sul futuro della scuola che si è svolto qualche giorno fa durante la Social Media Week di Milano (17-21 febbraio). Le testimonianze di innovazione, di cambiamento nella didattica e le idee messe in circolo sono dei buoni spunti per approfondire alcuni aspetti, non solo teorici, ma anche operativi (qui il video completo dell’incontro). I contributi come quelli di Daniele Barca, Dianora Bardi, Maria Vittoria Alfieri e Caterina Policaro sono utili a comprendere le diverse sfaccettature di una didattica spinta sempre più a rivedere modalità e strategie.

Una mappa per la formazione digitale degli insegnanti – BRICKS scarica la versione PDF del lavoro La situazione delle tecnologie nella scuola italiana L’ultima legge sulla scuola (riguardo all’aggettivazione della quale credo debba essere almeno lasciata libertà di giudizio) stabilisce l’ingresso delle competenze digitali tra quelle irrinunciabili per gli studenti, in accordo col piano Scuola Digitale e richiamando quanto già stabilito – ma senza conferire ad esse autonoma dignità – nel profilo degli studenti in uscita dalla scuola dell’obbligo del ministro Fioroni del 2007 (1). Tinkering - materiale didattico originale a cura del Servizio Marconi TSI Pubblichiamo una serie di materiali didattici sul Tinkering, metodo educativo finalizzato allo sviluppo del pensiero computazionale e delle competenze digitali di cui sempre più spesso si parla e che negli ultimi due anni è stata proposta e sperimentata sul campo (oltre che diffusa in una serie di incontri di formazione) dal Servizio Marconi in un buon numero di scuole dell’Emilia-Romagna. Il tinkering è stato proposto nell’anno scolastico 2014-15 nel quadro dell’azione di accompagnamento della nostra Alessandra Serra a favore di alcune scuole della bassa modenese colpite dal sisma del 2012, in particolare ha avuto un ruolo centrale nelle prime sperimentazioni in classe la collega Susanna Sabbioni della scuola primaria di Camposanto (MO – IC San Felice sul Panaro). Sono circa un settantina le scuole primarie dell’Emilia-Romagna che hanno a tutt’oggi realizzato esperienze di tinkering più o meno direttamente riconducibili all’attività del Servizio Marconi TSI. materiali presentati:

Competenze digitali: accordo tra Miur ed Ericsson a sostegno della scuola Giovani, innovazione, crescita. Non si è parlato solo di tecnologia, ma anche dei cambiamenti che porta nella società, all’evento di Ericsson, che si è tenuto quest’anno nell’Aula Koch del Senato, a Roma. Innovazione e ritardo In un mondo dove ci sono più telefonini che esseri umani, l’azienda svedese ha un ruolo centrale nelle reti. Laboratorio Formazione - Seminario: "Competenze digitali: ambienti, risorse, strumenti" - Milano, 16 maggio 2014 Ambienti 9.30 Accoglienza partecipanti 10.00 - “Le competenze digitali nella scuola primaria ”: Il percorso e i risultati: Patrizia Appari - Intervento e miglioramento: Adriana Zamarian, Manuela Benedetti - Documentazione e autovalutazione: Chiara Dicorato

Generazioni Connesse - Safer Internet Centre Italia - Glossario - Curricolo per lo sviluppo della competenza digitale Glossario Il grooming (dall’inglese “groom” - curare, prendersi cura) rappresenta una tecnica di manipolazione psicologica, che gli adulti potenziali abusanti utilizzano online, per indurre i bambini/e o adolescenti a superare le resistenze emotive e instaurare una relazione intima e/o sessualizzata. Gli adulti interessati sessualmente a bambini/e e adolescenti utilizzano gli strumenti (chat, SMS, social network, ecc) messi a disposizione dalla Rete (ma anche dai cellulari) per entrare in contatto con loro. Competenze digitali: il programma L'obiettivo del programma è incrementare la diffusione di competenze digitali dei cittadini e aumentarne la consapevolezza, l'uso critico e creativo (Eurostat 2013, The use of internet and skills), attraverso iniziative di formazione e sistemi di certificazione e di riconoscimento dei risultati di apprendimento all'interno dei diversi sistemi di istruzione. Questa strategia di azione prevede alcuni passi fondamentali: La definizione di un quadro unico internazionale sulle competenze digitaliLa costruzione degli indicatori europei di riferimentoL'implementazione delle politiche sull'alfabetizzazione digitale rispondente al quadro unico In una prospettiva macro-sociale, l'investimento sulla formazione specialistica relativa alle competenze digitali rappresenta un passaggio obbligato di crescita e di sviluppo economico del paese, nonché di riqualificazione professionale di giovani e adulti e di riaggiornamento del mercato del lavoro.

e-Book - Il futuro dei Big Data si chiama Data Management SAS Institute (di seguito “SAS” o “noi”) riconosce che il rispetto degli obblighi in materia di protezione dei dati personali e tutela delle informazioni è della massima importanza. Informativa resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 – “Codice in materia di protezione dei dati personali” a coloro che interagiscono con i servizi web di SAS per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo: corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale di SAS Institute srl. Il presente documento intende spiegare le pratiche SAS di raccolta di informazioni e le scelte che si possono fare circa il modo in cui le informazioni vengono raccolte e utilizzate. L’informativa è resa solo per il sito SAS e non anche per altri siti web di terze parti, eventualmente consultati dall’utente tramite link. Le informazioni che raccogliamo e come le raccogliamo URL e Link con personalizzazione dei contenuti del messaggio

Related:  good ideaswebtoolsTools and AppsEdtech MotivationWeb 2.0 DirectoriesPer pensar21st century teacherDigital LiteracyEduactionWeb 2.0future educationWeb 2 toolscdInnovation, Best Practices & Best Of'sSociedad, TIC y Educación2016Mathematicsnataliya58Digital tools