background preloader

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING
Related:  RICERCA COLLABORATIVA DI RISORSE PER LIMRespiratory systemflorinda83scuolasussidi didattici

Graphite: restare aggiornati sulle Nuove Tecnologie per la didattica Per restare aggiornati sulle migliori applicazioni, giochi, siti web utilizzabili nella didattica, Graphite è una tra le migliori piattaforme. Si tratta di un servizio gratuito senza scopo di lucro costituto da una comunità di insegnanti (Common Sense) che seleziona le risorse e le recensisce per consigliarne specifici applicazioni nella didattica. Common Sense Media è la più grande organizzazione no-profit, indipendente, impegnata ad aiutare i bambini, gli insegnanti e le famiglie ad utilizzare le tecnologie nell'apprendimento. Le risorse didattiche digitali sono suddivise in diverse categorie a seconda della tipologia (Apps, siti web e giochi didattici), dell'ambito disciplinare (inglese, matematica, scienze, studi sociali), del target di riferimento (età degli studenti), del prezzo (possono essere gratuiti o a pagamento). Un pozzo infinito di tecnologie didattiche! Articoli correlati

Ricerche Maestre: il Web per la Scuola Primaria Divina Commedia Intervista a Giulio Cesare Per il nostro giornalino scolastico abbiamo ottenuto un’esclusiva intervista ad un personaggio a tutti noto. Signori e Signore, abbiamo infatti il piacere di parlare con uno degli uomini che ha davvero cambiato la storia dell’umanità. Ha portato l’Impero romano fino alle coste dell’Oceano Atlantico, e’ riuscito a sottomettere a sé l’intera Gallia e a spingersi oltre le coste britanniche. Stiamo parlando dell’unico e inimitabile Giuliooooooooo Cesareeeeee!!!!!!!!! Alessio: Intanto ti ringrazio per avermi concesso un’intervista, considerati quanti secoli ti porti sulle spalle!!! Giulio Cesare: Grazie a te! Alessio: I tuoi tria nomina sono Gaio Giulio Cesare, sei nato il 12 luglio del 100 a.C. in un quartiere di Roma chiamato Suburra, dalla prestigiosa famiglia Giulia. Giulio Cesare: La gens Iulia, sì. Alessio: Ora che ti abbiamo censito, parlaci un po’ di te. Giulio Cesare: In realtà la mia vita e ciò che ho fatto la sapete già. Alessio: Quindi di cosa vuoi parlarci? Alessio: Wow! Mi piace:

Didattica e apprendimento Didattica e apprendimento Un luogo di discussione e riflessione epistemologica sugli strumenti, le strategie e le buone pratiche messe in campo dalle scuole che sperimentano percorsi di innovazione per migliorare gli apprendimenti e coniugare conoscenze, competenze e abilità. pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Il ‘non formale’ e la legge 107. Didattica e apprendimento di Micaela Ricciardi | del 28/10/2015 | 1 “Per realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica … la presente legge dà piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche”: così recita il primo capoverso del comma 1: un manifesto in cui non possiamo non riconoscerci. L’educazione non formale a EXPERIMENTA IV di Mario Fierli | del 21/10/2015 | 3 EXPERIMENTA è un’iniziativa del Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica del MIUR. La disgrafia: una difficoltà da conoscere di Laura Barbirato | del 03/04/2015 | 6

Tangrams Here's some puzzling fun for the kids from ancient China! Tangrams, "seven pieces of cleverness", are an ancient Chinese puzzle which is still mind-bending and intriguing today! We've developed some fun printable tangram puzzles which are perfect for kids - they help with logic and thinking skills, dexterity .. and they are just plain puzzling fun! How to play Print out one of our Tangram templates - either in colour or black and white - onto cardstock. Teachers - you can always print these patterns out in greyscale if you are using them in the classroom! Why not print out a set of the tangram puzzle pages, laminate them, and keep them as time-fillers for children who have finished their work early? Print our black and white tangram template onto card, colour, and then cut carefully along the lines to make the seven pieces. Print our colour tangram template onto card and cut - very carefully - along the lines to make the seven pieces. Are you stuck on some of our tangram puzzles?

SCIENZE: presentazioni varie di A.Rollo Indire, sito ufficiale Il 18 dicembre 2006, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno approvato una Raccomandazione relativa a competenze chiave per lapprendimento permanente. Questo documento, si inquadra nel processo, iniziato a seguito del Consiglio europeo di Lisbona del 2000 e conosciuto come strategia di Lisbona, che ha come obiettivo finale quello di fare dellEuropa leconomia basata sulla conoscenza pi competitiva e dinamica del mondo (...). Per ottenere questo risultato, stata fissata (Consiglio europeo, Barcellona marzo 2002) una serie di obiettivi che devono essere raggiunti per il 2010, attraverso limpegno di tutti gli Stati membri e delle istituzioni europee, costantemente impegnate nel monitoraggio sui progressi fatti e nellindividuazione di ulteriori strategie da adottare.I 13 obiettivi, fanno riferimento a 3 finalit strategiche che coinvolgono tutti i settori dell'educazione e della formazione, nella prospettiva di dare vita a un sistema di apprendimento permanente.

Scrivere un'intervista L'intervista è nata con il giornalismo, ed è quindi nata per la scrittura. Eppure si è trovata a proprio agio con altri mezzi di comunicazione, come la radio e la televisione. In particolare con questi mezzi diventa ancora più facile che il destinatario comune dell'intervistatore e dell'intervistato sia il pubblico che ascolta. Leggi per esempio questa intervista immaginaria a Guglielmo di Ockham: "Non ricordo bene come sia successo, non so neppure se fosse finzione o realtà, so solo che così, improvvisamente, sono stata catapultata in un’altra dimensione…La mia mente è ancora un po’ annebbiata, rammento solo di essermi addormentata, un buffo folletto con un filtro magico, qualche parola e poi mi sono ritrovata in un vasto giardino, l’erba soffice coperta ancora dalla rugiada riluceva al sole. O: (guardandomi con occhi increduli) “Cara fanciulla, io sono Guglielmo di Ockham in persona, e mi stupisco di tale domanda visto che la mia fama è risaputa. O: “Ragione come ancilla teologiae?

I siti per scoprire se un lavoro è stato copiato Non c’è niente di peggio che trovare un proprio articolo copiato su qualche altro sito. Senza nemmeno una citazione. Il tempo della ricerca e l’impegno non sono una cosa da trascurare, e il plagio lo fa. A scuola e nelle università copiare è proibito, o quantomeno sanzionato. In Inghilterra e in America si rischia molto se si viene scoperti (per plagio si può anche venire cacciati dalle università) e in Germania una tesi di dottorato copiata ha portato a una crisi politica. Per rimediare esistono degli strumenti che permettono di identificare articoli copiati, del tutto o in parte (molto più efficaci della semplice ricerca su Google). 1. Il miglior “rivelatore di plagio” è, senza ombra di dubbio, Copyscape. 2. Gratis e facile da usare. 3. Permette di trovare contenuti copiati in tutta la rete: basta inserire un articolo (massimo 1000 parole) o un file di testo nel box di ricerca. 4. 5. Esamina articoli fino a 25mila parole, cerca e trova i duplicati, le copie, i plagi.

TANGRAM Aspetti didattici del gioco Questa applicazione consente di avviare, attraverso una esperienza concreta, all'intuizione dei concetti di conservazione di area e di confronti di aree. Nel gioco sono disponibili diverse figure da comporre. Qualsiasi figura realizzata con il tangram deve essere costituita impiegando tutti i sette pezzi. Le tessere potranno essere spostate per ottenere figure con forme diverse, ma equiestese. Obiettivi didattici - raffigurare con forme geometriche - operare con figure piane - riconoscere le figure geometriche piane, anche se diversamente orientate nel piano - confrontare superfici - sperimentare fenomeni di conservazione delle superfici - riconoscere l'equiestensione di figure piane - eseguire traslazioni, rotazioni e ribaltamenti - realizzare composizioni di isometrie

Popplet DISLESSIA Cos'è la dislessia? È un disturbo specifico dell’apprendimento che si rileva in bambini con intelligenza nella norma o brillante, in assenza di problemi neuro-sensoriali e a prescindere dall’ambiente socio-culturale di appartenza. È presente sin dalla nascita, ma si evidenzia solo all’inizio del percorso scolastico: dopo un lasso di tempo “ragionevole”, cioè i primi due anni della scuola primaria, solitamente le abilità di lettoscrittura sono acquisite, ma così non è per i bambini dislessici. Persistono infatti difficoltà oggettive nella lettura, nella scrittura e a volte nel calcolo, difficoltà che sono riconducibili ad una parziale o addirittura mancata AUTOMATIZZAZIONE nella conversione dei segni/simboli in suoni e viceversa. Se pensiamo a quando abbiamo imparato a guidare l’auto e alla difficoltà di automatizzare la posizione delle marce sul cambio e quella dei pedali, possiamo farci un’idea del grande problema e del disorientamento di un bambino dislessico.

Related: