background preloader

K-12 Education Tips & Strategies That Work

http://www.edutopia.org/

Related:  BIBLIOTECHE SCOLASTICHE INNOVATIVEMOTORI DI RICERCA SPECIALIZZATIDidatticaRiflessioni sulla didatticaLifestyle

Le proposte dell'AIB per rilanciare le biblioteche scolastiche italiane Documento redatto dalla Commissione Nazionale Biblioteche Scolastiche approvato dal CEN in data 5 luglio 2013 Premessa La biblioteca scolastica è un ambiente per l’apprendimento “La biblioteca scolastica fornisce informazioni e idee fondamentali alla piena realizzazione di ciascun individuo nell’attuale società dell’informazione e conoscenza.

I siti per scoprire se un lavoro è stato copiato Non c’è niente di peggio che trovare un proprio articolo copiato su qualche altro sito. Senza nemmeno una citazione. Il tempo della ricerca e l’impegno non sono una cosa da trascurare, e il plagio lo fa. Se faccio capisco. La scuola dei laboratori di Fiorella Palomba* Premessa Se faccio, capisco è una frase magica che molti hanno utilizzato convenientemente. Faccio riferimento a situazioni che conosco, ma immagino siano molte di più (Museo dei bambini di Washington, Bruno Munari – laboratorio “Giocare con l’arte” a Milano, accademia di Brera).

Trucchi e tecniche per calmare una classe rumorosa Mi è capitato spesso, soprattutto in questo ultimo periodo, di avere conversazioni con alcune colleghe sul tema del silenzio e su come calmare una classe rumorosa. Molte mi hanno chiesto consigli su come gestire le classi un po’ chiacchierone. Non ho bacchette magiche o formule miracolose a disposizione che di colpo possano trasformare una classe rumorosa e chiacchierona in una silenziosa e pacata, però credo che alcune piccole strategie educative o per meglio dire “trucchi” che tutti noi docenti conosciamo, se messe a disposizione di tutti, possano dare un valido contributo e nel tempo dare i risultati sperati.

75 soluzioni facili e geniali per semplificarsi la vita! Se esistesse una bacchetta magica per risolvere tutti i problemi che quotidianamente ingarbugliano la nostra giornata, sicuramente saremmo tutti più felici e sereni. La cattiva notizia – ahinoi – è che nessuno mai è stato in grado di inventare un attrezzo del genere. La buona notizia è che esistono tanti facili trucchetti che possono eliminare del tutto quei piccoli e fastidiosissimi inconvenienti che in qualche modo ci complicano l’esistenza procurandoci più stress di quello che dovrebbero. Nel web si trovano un’infinità di siti pieni di “life hacks” – termine americano per indicare soluzioni utili a risolvere piccoli problemi comuni. Abbiamo raccolto i migliori in questo vademecum di idee facili e geniali che senza ombra di dubbio renderanno la vostra vita migliore!

?target_url= In Italia solo 1.000 scuole dispongono di una biblioteca. Il prestito digitale può essere un aiuto? E in che modo le scuole possono sfruttare al meglio il bando MIUR per le “biblioteche scolastiche innovative”? Deep web e dark web (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita) Il World Wide Web corrisponde in pieno al suo nome. È mondiale (worldwide) ed estremamente vasto, ma se ci limitassimo a considerarne le pagine web che i motori di ricerca indicizzano ci limiteremmo a considerarne soltanto una parte, quella più visibile. La realtà è che possiamo immaginare il web come costituito da diversi strati. Il primo, quello più superficiale, è anche quello più frequentato.

Sviluppare le competenze attraverso compiti autentici Scuola secondaria di primo e di secondo grado Le competenze, queste sconosciute Dalla scuola del primo ciclo d’istruzione all’obbligo formativo e ai percorsi d’istruzione secondaria superiore, i risultati scolastici vengono sempre più spesso declinati in termini di competenza e viene posto l’obbligo di certificare le competenze dimostrate dagli studenti.Due semplici definizioni per iniziare. Il Parlamento europeo nella sua raccomandazione del 23.04.2008 così definisce le competenze: INSEGNARE che fatica! Lo psicologo ci dice perché A cura di Ulisse Mariani e Rosanna Schiralli (www.educazioneemotiva.it) Che sempre l’insegnamento sia stato un lavoro faticoso cominciano a capirlo in parecchi. Fino a poco tempo fa infatti attorno a questa professione circolavano molti luoghi comuni: hanno tre mesi di ferie all’anno; a Natale e Pasqua se la spassano tranquillamente a casa; lavorano poche ore a settimana.

Italia Unita per la Scienza Se c’è una cosa che piace fare sulla stampa generaliste è dividere l’universo in cosa causa il cancro e cosa lo cura, ma la realtà è ben più complicata di un articolo di giornale. Il problema è sempre quello del distinguere causa ed effetto, e quanto possiamo essere certi di quello che diciamo. Il problema della causa e dell’effetto dovrebbe essere noto a tutti. Gestione Biblioteca e Prestiti Librari - Software per catalogare libri, gestire prestiti ai lettori e stampare tessere bibliotecarie Gestione Biblioteca e Prestiti Librari fornisce tutto l'occorrente per la catalogazione dei libri, la gestione dei prestiti librari, l'archiviazione dei lettori della biblioteca e la stampa delle tessere di iscrizione. Il programma è rivolto principalmente ai gestori di librerie o biblioteche pubbliche ma può risultare utile anche agli appassionati di lettura che vogliono gestire i libri della propria collezione in maniera professionale. Gestione Biblioteca e Prestiti Librari mette a disposizione anche un ambiente per la consultazione dei testi in sola lettura studiato per un utilizzo da parte dei lettori della biblioteca, i quali potranno effettuare le loro ricerche nell'archivio dei libri senza poter modificare i dati e ciò consente di prevenire ogni alterazione accidentale dell'archivio. Con Gestione Biblioteca e Prestiti Librari si possono archiviare tutti i dati relativi a qualsiasi testo e consultarli comodamente seduti di fronte al computer.

Quali sono i migliori siti per gli open data I dati raccontano storie. Convalidano o smontano teorie, aiutano a contestualizzare. Ecco dove trovarne in quantità La scuola senza classi: 5 soluzioni adottate in Europa L’"aumento” digitale degli spazi della scuola, il ribaltamento del setting didattico implica un complessivo ripensamento dell’organizzazione scolastica, anche nei suoi spazi fisici e ambienti architettonici. Si prenda ad esempio il caso del cooperative learning, tipico della didattica digitale: l’accentuazione della collaborazione fra studenti, dello scambio di conoscenze, dell’aiuto reciproco - pur con tutte le mancanze, i vuoti, le delusioni, che l’apprendimento in rete può incontrare - ha invogliato a progettare una scuola che tenesse nel dovuto conto la vita sociale degli studenti a scuola. Si tratta di un bisogno di incontro, di vita e di apprendimento non limitato entro mura dell’aula, che, però, può essere assecondato e non represso dagli spazi stessi. Gli “spazi funzionali” sono stati attrezzati sulla base teorica degli studi di Nair, Finley e Lackney (2013). Si tratta di spazi digitalmente e analogicamente infra-strutturati per rispondere alle esigenze degli studenti.

Guamodì Scuola: Come mantenere viva l'attenzione degli studenti durante la spiegazione (apprendimento cooperativo) La tecnica proposta in questo post ha l'obiettivo di mantenere viva l'attenzione degli studenti durante la spiegazione dell'insegnante. In questo caso, quindi, è prevista la classica lezione frontale affiancata ad attività cooperative degli studenti a gruppi di due. Una breve parentesi, prima di continuare la descrizione di questa interessante attività: nella didattica costruttivista si fa a volte l'errore di demonizzare la lezione frontale, sempre e comunque.

Edutopia è un sito fondato dalla George Lucas Educational Foundation che mette in evidenza le best practice didattiche e racconta storie di innovazione educativa nel mondo per migliorare i processi di insegnamento/apprendimento del primo ciclo di istruzione. by alessiascarinci Jan 18

Related:  internet