background preloader

Geopolitica

Facebook Twitter

G3 les territoires de la mondialisation. Militari, armi e basi: così la Cina mostra i muscoli in Africa. Negli ultimi cinque anni la presenza militare cinese in Africa è cambiata.

Militari, armi e basi: così la Cina mostra i muscoli in Africa

Fino al 2012 si limitava a fornire supporto di basso profilo nelle operazioni internazionali di peacekeeping, preferiva mandare ingegneri e medici che militari. Oggi non è più così. Di fatto la Repubblica popolare è l’ottavo paese per numero di unità militari che partecipano alle operazioni dei Caschi blu in Africa e il primo in assoluto tra i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza Onu. Insediamenti, Gerusalemme e i due Stati, ecco i nodi che separano israeliani e palestinesi. La conferenza stampa alla Casa Bianca fra il presidente americano Donald Trump e il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha messo per la prima volta apertamente in discussione la soluzione “due popoli, due Stati” nelle trattative fra Israele e palestinesi.

Insediamenti, Gerusalemme e i due Stati, ecco i nodi che separano israeliani e palestinesi

Ma i due leader non hanno proposto un’alternativa e il processo di pace vive una crisi senza precedenti. Che prospettive ci sono? Lo abbiamo chiesto a Hugh Lovatt, analista dell’European Council on Foreign Relations, e a Efraim Inbar, direttore del Begin-Sadat Center for Strategic Studies. Géopolitique des îles en Mer de Chine. Projet chinois islande. Moyen Orient.

Le Proche et le Moyen-Orient, un foyer de conflits : une approche par les cartes. Enjeux géopolitiques - Mers & Océans. Tensions en Mer de Chine. Syrie. Sui confini del Mar cinese meridionale il Tribunale dell’Aja da ragione alle Filippine, ma la Cina non riconosce la decisione. Le isole contese e il fronte-Taiwan Tra Stati Uniti e Cina tensioni (e venti di guerra) WASHINGTON-PECHINO — La Casa Bianca pochi giorni fa ha accolto il presidente cinese Xi Jinping con i 21 colpi di cannone a salve previsti dal cerimoniale.

Le isole contese e il fronte-Taiwan Tra Stati Uniti e Cina tensioni (e venti di guerra)

Ci sono stati sorrisi, brindisi, discorsi, negoziati e promesse di intese, soprattutto nel campo del contrasto al riscaldamento terrestre. Ma sul fronte delle molte rivendicazioni territoriali di Pechino nei mari intorno alla Cina, il disaccordo è rimasto totale. E ora la temperatura si è tanto alzata da lasciar temere un «incidente» tra la prima e la seconda economia del mondo. Sempre che la crisi non sia scatenata nuovamente dalla Corea del Nord, che minaccia sempre nuovi test nucleari e missilistici.

La sfida delle isole artificiali Il terreno principale del confronto sono le Spratly, nel Mar cinese meridionale, chiamate Nansha in mandarino (le vedete nella mappa qui sopra, della Afp). Link Cina e Russia, tensione alle stelle per le isole contese. Infografiche. Infografiche. Isole contese, Pechino sconfitta: «Non ha alcun diritto sul mar cinese meridionale» Enjeux et conflits dans le monde après 1989. Syrie : les ennemis de mes ennemis... GEOPOLITIQUE DU MONDE ACTUEL. GEOPOLITIQUE DU MONDE ACTUEL. Géopolitique du monde actuel.

Conflits. Isis, curdi e peshmerga, sciiti e sunniti: il glossario del Medio Oriente. Géographie des conflits (Trinôme académique 2011) Marc Bartolini, professeur au lycée Marcel Rudloff de Strasbourg, propose de faire de point sur les actions civilo-militaires en prenant l'exemple des opérations menées à Haïti associant humanitaire et expression du Soft Pwer français.

Géographie des conflits (Trinôme académique 2011)

Dans un premier temps, il rappelle leurs origines coloniales et montre leur théorisation durant la guerre d’Algérie. Ces opérations civilo-militaires retrouvent une importance croissante dans le cadre d’un contexte international marqué par de nouvelles conflictualités qui ne sont plus liées seulement à des rivalités entre Etats (ex-Yougoslavie, Afghanistan…). Ces opérations civilo-militaires sont des exemples efficaces pour aborder la notion de Défense globale, la gestion de crises dans leur globalité.

Il propose de construire une étude de cas sur le tremblement de terre à Haïti, dans le cadre du thème de seconde « Gérer les espaces terrestres » (Les espaces exposés aux risques majeurs). Irak... De l’occupation étrangère à l’Etat islamique. Daesh, des cartes pour comprendre l’ampleur de la menace. Daesh, l’Etat Islamique etc. les noms sont nombreux pour définir les lâches qui veulent terroriser le monde.

Daesh, des cartes pour comprendre l’ampleur de la menace

Toutefois, j’ai décidé d’appeler cette menace Daesh car comme l’exprime Laurent Fabius (ministre des affaires étrangères) : « Le groupe terroriste dont il s’agit n’est pas un État, il voudrait l’être, mais il ne l’est pas ». Daesh existe depuis 2006 mais la « notoriété » médiatique s’est faite beaucoup plus tard.

En effet, le 29 juin 2014, Daesh autoproclame un califat à cheval sur l’Irak et la Syrie qui cherche à s’agrandir. Lorsqu’un territoire est conquis, l’organisation terroriste met en place une administration et des institutions embryonnaires (tribunaux religieux, conseil de vie, services sociaux etc.). Siria, una guerra senza fine. Oggi quando diciamo Siria diciamo molte cose.

Siria, una guerra senza fine

Oltre duecentocinquantamila morti e un numero di sfollati che ha superato quello della Seconda Guerra Mondiale, innanzitutto. Già, perché è dal 2011 che in Siria si combatte una feroce guerra civile. Ma non solo. Comprendre la situation en Syrie en 5 minutes. Syrie : les ennemis de mes ennemis... Actualité géopolitique. Geonef. Le Monde diplomatique. La Cina sfida Giappone e Usa con una pista d’atterraggio su una delle isole contese.

Una bomba geopolitica nel Mar Cinese Meridionale - Mappa Mundi - Blog - Repubblica.it. Carta di Laura Canali da Limesonline Nove isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale.

Una bomba geopolitica nel Mar Cinese Meridionale - Mappa Mundi - Blog - Repubblica.it

Con banchine di attracco e piste per navi e aerei militari. Pechino fa sul serio nell'aerea più calda dell'oceano Pacifico, ricca di risorse e lungo le vitali rotte marittime che portano merci e petrolio da e per Cina, Giappone, Corea del Sud e tutti i paesi del Sud Est asiatico. Isole Spratly, nuove foto: pista militare cinese quasi ultimata nell'arcipelago conteso. WASHINGTON - La Cina, del tutto incurante delle proteste dei vicini e dell'alleato statunitense, ha praticamente ultimato la pista d'atterraggio da 3 km costruita sull'isola artificiale, a sua volta creata dal nulla con sabbia, cemento e ferro, sulla barriera corallina conosciuta come "Fiery Cross Reef" nel conteso arcipelago delle Spratly nel Mari Cinese Meridionale.

Isole Spratly, nuove foto: pista militare cinese quasi ultimata nell'arcipelago conteso

Le immagini dell'isola artificiale creata dai militari di Pechino nel mar cinese meridionale. L'isola, creata nel tempo con sabbia, cemento e ferro, ospiterà una pista di atterraggio lunga oltre 3 chilometri, capace di far atterrare ogni tipo di aereo da guerra. Distante quasi 800 chilometri dalla Cina, l'isola fa parte dell'arcipelago delle Spratly, 750 atolli da sempre contesi a Pechino da Vietnam, Filippine, Malaysia e Brunei Le immagini dell'isola artificiale creata dai militari di Pechino nel mar cinese meridionale. Undefined LEGGI BLOG MAPPAMUNDI Una bomba geopolitica nel Mar Cinese Meridionale.

Sabbia e cemento sugli atolli contesi Così la Cina avanza nei mari. Mischief Island, dove i cinesi hanno riversato tonnellate di sabbia e cemento per trasformarlo in una base (foto Asia Maritime Transparency Initiative) PECHINO I nomi non potrebbero essere più attuali: Mischief (che significa più o meno «Furbata») e Fiery («Infocata») sono due punti nella mappa del Mar cinese meridionale dove i tecnici del genio militare di Pechino stanno costruendo avamposti.

Sabbia e cemento sugli atolli contesi Così la Cina avanza nei mari

Mischief Island e la gemella Fiery Cross Island sono (erano) barriere coralline semisommerse, ma negli ultimi mesi i cinesi sono stati capaci di riversarci una incredibile quantità di sabbia e poi di cemento, trasformandole in potenziali basi per la loro flotta. Il problema è che Mischief e Fiery Cross sono al centro dell’arcipelago delle Spratly, rivendicato da Filippine, Vietnam, Taiwan, Cina.

E anche Malaysia e Brunei hanno qualcosa da dire in materia di sovranità. shadow carousel. Home - Il Caffè Geopolitico.