background preloader

Concorso scuola 2016

Facebook Twitter

Esame di stato. L’Esame di Stato, che si svolge al termine del primo e del secondo ciclo di istruzione, è un traguardo fondamentale del percorso scolastico dello studente ed è finalizzato a valutare le competenze acquisite dagli studenti al termine del ciclo.

Esame di stato

Per sostenere l’Esame di Stato lo studente deve essere preventivamente ammesso con una decisione assunta dal consiglio di classe nello scrutinio finale dell’ultima classe del percorso di studi. ESAME DI STATO 2002 - QUADRO NORMATIVO - ARCHIVIO. Coordinamento per gli esami di Stato Decreto Ministeriale del 20 Novembre 2000 Regolamento recante le caratteristiche formali generali della terza prova scritta negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e le istruzioni per lo svolgimento della prova medesima.

ESAME DI STATO 2002 - QUADRO NORMATIVO - ARCHIVIO

Statuto delle studentesse e degli studenti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Statuto delle studentesse e degli studenti

Lo statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria è carta fondamentale per gli studenti italiani che frequentano la scuola secondaria e deve essere considerata da ogni istituto nella stesura del regolamento e del progetto educativo. Cenni storici[modifica | modifica wikitesto] Nasce dal confronto aperto dal Ministero della Pubblica Istruzione, su iniziativa del ministro Luigi Berlinguer, con gli studenti attraverso le varie consulte provinciali degli studenti, emanato con il decreto del Presidente della Repubblica 249 del 24 giugno 1998,n. 249.

Lo statuto è stato modificato con il DPR del 21 novembre 2007, n. 235 "Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249,concernente lo statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria". ESAME DI STATO 2002 - QUADRO NORMATIVO. Decreto Ministeriale del 24 febbraio 2000(D.M.n. 49/00) DECRETA Art. 1 (Oggetto) 1.

ESAME DI STATO 2002 - QUADRO NORMATIVO

Le esperienze che danno luogo all'acquisizione dei crediti formativi, di cui all'art.12 del Regolamento citato in premessa, sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all'ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport. 2. URP del MIUR. Il credito scolastico tiene conto del profitto strettamente scolastico dello studente, il credito formativo considera le esperienze maturate al di fuori dell’ambiente scolastico, in coerenza con l’indirizzo di studi e debitamente documentate.

URP del MIUR

CREDITO SCOLASTICO Il credito scolastico e’ un punteggio che si ottiene durante il triennio della scuola secondaria di II grado e che dovra’ essere sommato al punteggio ottenuto alle prove scritte e alle prove orali per determinare il voto finale dell’esame di maturita’. Nell’attribuzione del credito scolastico si tiene conto delle disposizioni vigenti per gli alunni regolarmente frequentanti il 5° anno; nei casi di abbreviazione del corso di studi per merito, il credito e’ attribuito, per l’anno non frequentato, nella misura massima prevista per lo stesso dalla tabella A, in relazione alla media dei voti conseguita nel penultimo anno.

Esami di Stato 2016. Credito scolastico candidati interni ed esterni: criteri e modalità d’attribuzione – Orizzonte Scuola. L'attribuzione del credito scolastico è disciplinata dal DM n. 99/2009, richiamato dalle annuali ordinanze ministeriali sullo svolgimento degli esami di Stato.

Esami di Stato 2016. Credito scolastico candidati interni ed esterni: criteri e modalità d’attribuzione – Orizzonte Scuola

Il massimo punteggio attribuibile nel terzultimo, penultimo e ultimo anno di corso, è di 25 punti in totale. Per i corsi sperimentali quadriennali del nuovo ordinamento, leggiamo nell'OM. n.11/2015 concernente gli esami di Stato dello scorso anno scolastico, il credito viene attribuito al termine del secondo, terzo e quarto anno. E' doveroso ricordare che il TAR del Lazio, il 16 settembre 2014, ha annullato con sentenza definitiva i decreti della suddetta sperimentazione, come abbiamo riferito in "Licei quadriennali, Tar li annulla: sperimentazione illegittima". Tabella A: credito scolastico candidati interni; Esami di Stato 2016. Attribuzione crediti formativi: esperienze che ne permettono l’acquisizione, organi e criteri di valutazione, documentazione da presentare – Orizzonte Scuola. L'attribuzione dei crediti formativi è disciplinata dal DM n. 49/2000 che rinvia, per alcuni aspetti, al DPR n. 323/98 e al DM n. 42/2007, come si evince dalla lettura delle annuali ordinanze ministeriali sullo svolgimento degli esami di Stato.

Esami di Stato 2016. Attribuzione crediti formativi: esperienze che ne permettono l’acquisizione, organi e criteri di valutazione, documentazione da presentare – Orizzonte Scuola

I crediti formativi vanno ad integrare il credito scolastico, fermo restando il punteggio massimo di 25 punti. Per i candidati esterni, come prevede l'articolo 1 del DM n. 42/2007, la commissione di esame, fermo restando il punteggio massimo di 25 punti, può aumentare il punteggio in caso di possesso di credito formativo. Per esigenze di omogeneità di punteggio conseguibile dai candidati esterni ed interni, tale integrazione può essere di 1 punto. Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Red - Negli ultimi dieci anni l’Unione Europea ha investito in diverse azioni mirate al miglioramento delle competenze formative dei giovani e degli adulti.

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Per tale ragione sono state definite dal Parlamento Europeo le Competenze chiave per l’apprendimento permanente ed è stata emanata la Raccomandazione del 18 dicembre 2006, nella quale si sollecitano i paesi membri dell’UE a intraprendere azioni per lo sviluppo dell’apprendimento permanente. Nella Raccomandazione viene espressamente chiesto ai paesi di assicurare che la formazione e l’istruzione dei giovani li metta nella condizione di raggiungere le competenze chiave, successivamente spendibili nella vita adulta.

La certificazione delle competenze al termine del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado. Erasmo Modica – La scuola volge al termine e i Consigli di Classe si riuniranno per gli scrutini di tutte le classi di ogni ordine e grado.

La certificazione delle competenze al termine del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado

Tra gli adempimenti finali, da qualche anno i consigli delle classi seconde delle scuole secondarie di secondo grado hanno l’obbligo di compilare la Certificazione delle Competenze di base acquisite nell’assolvimento dell’obbligo di istruzione, sulla base di un modello ministeriale. Tale certificazione è stata introdotta dal Decreto Ministeriale n. 9/2010, imponendo ai consigli di classe la compilazione già a partire dallo stesso anno scolastico 2009/2010.

Inoltre, è previsto l’obbligo di consegna a tutti gli alunni che hanno assolto all’obbligo scolastico e che, compiuto il sedicesimo anno di età, vogliano già immettersi nel mondo del lavoro e iscriversi ai centri per l’impiego di competenza. Per esprimersi in merito alle suddette competenze, è fondamentale la piena collaborazione di tutti i componenti del consiglio di classe. Fasi per l’adozione dei libri di testo – Orizzonte Scuola. Red – In questi giorni i Collegi dei docenti sono impegnati nell’adozione dei libri di testo.

Fasi per l’adozione dei libri di testo – Orizzonte Scuola

Forniamo una breve guida che ripercorre le fasi per la loro adozione: dalla consultazione all’adozione, al controllo dei tetti di spesa. La consultazione E’ normata dall’art. 4 comma 5 del Regolamento sull’Autonomia: La scelta, l’adozione e l’utilizzazione delle metodologie e degli strumenti didattici, ivi compresi i libri di testo, sono coerenti con il Piano dell’offerta formativa di cui all’articolo 3 e sono attuate con criteri di trasparenza e tempestività. Esse favoriscono l’introduzione e l’utilizzazione di tecnologie innovative. La scuola dopo la Costituzione repubblicana - Professione docente - Simone Scuola. La scuola dopo la Costituzione repubblicana La Costituzione della Repubblica italiana promulgata il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1º gennaio 1948 dedica alcuni articoli all’istruzione considerata come uno dei fini di benessere perseguiti dallo Stato, ovvero dei fini di cui ogni Stato, in relazione al momento storico e alla ideologia politica della classe al potere, può farsi carico per procurare un maggior benessere alla collettività e per migliorare ed elevare le condizioni di vita dei cittadini.

In particolare è sottesa alla Costituzione l’opzione della neonata Repubblica Italiana in favore di una scuola democratica, ponte di passaggio tra la famiglia, primigenio nucleo formativo della persona, e la società come luogo di integrazione con gli altri individui e di esplicazione della propria personalità. Portfolio del docente by Stefania Quattrocchi on Prezi.

"La didattica per competenze" in un libro gratuito: apprendere competenze, descriverle, valutarle - di Franca Da Re. Segnaliamo una nuova risorsa presente sul web sulla "didattica per competenze", la nuova frontiera della progettazione e pratica didattica che, seppur con difficoltà e in modo disomogeneo, si sta facendo strada nella scuola italiana ed europea. Dall'a.s. 2016/17 formazione obbligatoria docenti: ecco come funzionerà. 125 ore nel triennio, portfolio con storia del docente per chiamata diretta. Compiti di realtà e progetti multidisciplinari « La certificazione delle competenze. I compiti di realtà La competenza è possibile valutarla solo in situazione, perché è la capacità di assumere decisioni e di saper agire e reagire in modo pertinente e valido in situazioni contestualizzate e specifiche. Secondo le Linee guida, la competenza si può «accertare facendo ricorso a compiti di realtà (prove autentiche, prove esperte, ecc.), osservazioni sistematiche e autobiografie cognitive».

Comitato di valutazione: incarichi, come eleggere i membri, validità organo. La guida gratuita, aggiornata. Raccogliamo le guide e i documenti pubblicati in questi mesi dalla nostra redazione relativamente al comitato di valutazione. Comitato valutazione e bonus ai docenti, indicazioni MIUR sui criteri. Si possono condividere proposte con organi collegiali Il Ministero ha pubblicato tre ulteriori FAQ sui comitati di valutazione. In particolare sul ruolo degli organi collegiali, sulla proporzionalità del bonus nei comprensivi e sui criteri valutativi.

Vai all'articolo. Come Creare una Griglia di Valutazione: 13 Passaggi. RAV e PDM. The Flipped Class Manifest. Flipped classroom (presentazione commentata) 26-03-12 by Graziano Cecchinato on Prezi. Capovolgere il lavoro in classe saltando la lezione ex cathedra: la Flipped Classroom. Segui il Gruppo di discussione su questo sito. Il metodo della Flipped Classroom (letteralmente “insegnamento capovolto”) trasferisce la responsabilità e la titolarità dell’apprendimento dal docente agli studenti. Quando gli studenti hanno il controllo su come apprendono i contenuti, sul ritmo del loro apprendimento, e su come il loro apprendimento viene valutato, l’apprendimento appartiene a loro. Gli insegnanti diventano guide per comprendere piuttosto che dispensatori di fatti, e gli studenti diventano discenti attivi piuttosto che contenitori di informazioni.

La lezione frontale è ancora uno strumento prezioso per gli insegnanti in alcuni casi. Attraverso la Flipped Classroom si vuole spostare questo strumento in un differente momento rispetto alla tradizionale lezione in aula. Crea lezioni. Gentile utente, Per poter usufruire dei servizi offerti all’interno della Community Rai è necessario registrarsi inserendo i dati richiesti nell'apposito form di registrazione, previa lettura e accettazione dell'Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003 n. 196.

Con la registrazione riconosci ed accetti che RAI EDUCATIONAL possa modificare, sospendere, interrompere e disabilitare in qualsiasi momento, anche senza alcun preavviso, il servizio. Informativa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali"). Ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003 n.196 recante il Codice in materia di protezione dei dati personali, RAI EDUCATIONAL fornisce l’Informativa riguardante il trattamento degli stessi. Flipnet, la classe capovolta. La scuola capovolta - Tullio De Mauro. Atti del Convegno residenziale ADi: Il fascino indiscreto dell'innovazione - Lecce agosto 2012 - Relazione G. Cecchinato. Il Codice Deontologico della Professione Docente. Sistema Nazionale di Valutazione. Giornata Avvio del Sistema Nazionale di Valutazione. Piano di miglioramento – Indire. Culpa in vigilando: Responsabilità e vigilanza del minore dopo l’uscita da scuola. Per chi suona (l’ultima) campanella?

La certificazione delle competenze. Come dovrebbe o come potrebbe essere fatto un manuale di letteratura oggi. Il passaggio dalla legge 626/94 al DLgs 81/08 sulla sicurezza sul lavoro. Maturità 2013. Grazia Deledda. Insegnare la letteratura oggi. Sito personale di Simone Giusti. Storie che nascono. ELIZA. Esercizi linguistici Zanichelli. Benvenuti nei Dizionari Zanichelli Online. The Jigsaw Classroom. Structural Approach. Insegnare le competenze. Le mappe del pensiero - Strumenti e opportunità per realizzare le tue idee.

Mappa concettuale. Cooperative learning 3. Cooperative Learning 2: le caratteristiche fondamentali. Il Cooperative Learning. Maxbruschi/ordinamentiscolasticiedidattici. Gruppi di lavoro per l'integrazione e l'inclusione: GLH, GLHI, GLHO e GLI. Ruoli diversi e complementari. Autovalutazione scuole. RAV e ruoli degli organi collegiali. Articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina e delle classi per gruppi di livello: ecco cosa si potrà decidere nel PTOF. La Strategia di Lisbona. La Strategia di Lisbona.

Che cosa resta da fare a noi insegnanti di letteratura. L’esperienza letteraria: un dialogo delle culture. La letteratura per i nuovi italiani. Insegnare la letteratura oggi. Anaforiche, espressioni in “Enciclopedia dell'Italiano” Coesione, procedure di in “Enciclopedia dell'Italiano” Coerenza, procedure di in “Enciclopedia dell'Italiano” Testo, struttura del in “Enciclopedia dell'Italiano” Letteratura in classe di Guido Armellini. Howard Gardner. RAV2015. Clio 92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia. L'Officina dello storico. Normativa scolastica, raccolta completa sulle leggi della scuola. Competenze chiave, europee, di base, di cittadinanza. Che differenza c’é? – Didattica per competenze.

R. Lamberti - Per un laboratorio di storia.