background preloader

FRANCIA

Facebook Twitter

Infographie: les forces militaires françaises en Afrique. Emmanuel Macron, ecco chi lo ha finanziato: il documento che lo incastra. Dopo il comunicato stampa della commissione nazionale elettorale francese che ha vietato espressamente di pubblicare il contenuto dei Macronleaks, la mole di file e documenti contenuta nelle email dello staff di Emmanuel Macron, la possibilità di vedere il contenuto di quei file sembrava definitivamente preclusa.

Emmanuel Macron, ecco chi lo ha finanziato: il documento che lo incastra

Quello che più ha stupito in questa vicenda, è l’espresso rifiuto dei media di pubblicare dei documenti che l’opinione pubblica francese e internazionale aveva il diritto di conoscere prima del voto, e non dopo. Le Monde ha rilasciato un comunicato stampa nel quale afferma espressamente di non aver voluto rivelare il contenuto dei file, per i timori di «influenzare il ballottaggio». Ma non è forse questo il compito dei mezzi di comunicazione, ovvero quello di portare a conoscenza l’opinione pubblica di fatti o informazioni rilevanti politicamente su un candidato alle elezioni presidenziali francesi? Di Paolo Becchi e Cesare Sacchetti. Sapir: Inizia la Presidenza Macron. Jacques Sapir commenta a caldo la vittoria di Macron al secondo turno delle elezioni presidenziali francesi.

Sapir: Inizia la Presidenza Macron

Il dato principale è l’esiguità della sua vittoria, se si considera lo schieramento di stampa e media a suo favore, e il paragone con il risultato di Chirac del 2002 contro Le Pen padre. Tra astensione e schede bianche o nulle appena il 43% degli aventi diritto al voto si è espresso per Macron e, stando ai sondaggi, più della metà di loro lo avrebbe fatto per esclusione, non approvando in realtà il suo programma.

Visto il sistema politico francese, comunque, Macron avrà estrema difficoltà a governare se, come probabile, sarà ben lontano dall’ottenere la maggioranza assoluta dei seggi parlamentari nelle elezioni legislative del prossimo mese. di Jacques Sapir, 08 maggio 2017. Résultats de la présidentielle 2017 en direct : Emmanuel Macron est élu président de la République avec 65,5 % des voix. Dans « Le Monde » Marine Le Pen annonce une « transformation profonde » du Front national.

Résultats de la présidentielle 2017 en direct : Emmanuel Macron est élu président de la République avec 65,5 % des voix

REPLAY INTEGRAL. "2017, le débat" : Marine Le Pen - Emmanuel Macron (France 2) Programme de Marine Le Pen candidat à l'élection présidentielle 2017. Quel est le programme de Macron ? Le candidat d'En Marche dévoile ses principales mesures. POLITIQUE - Fin des régimes spéciaux de retraite, "grande loi de moralisation de la vie publique" contre le "népotisme", réforme de l'indemnisation chômage...

Quel est le programme de Macron ? Le candidat d'En Marche dévoile ses principales mesures

Emmanuel Macron, accusé d'être trop vague dans ses propositions, abat ce jeudi 2 mars les cartes sur son programme pour tenter de faire taire les critiques. Dibattito Le Pen-Macron: chi ha vinto davvero? Chi ha vinto il confronto Le Pen-Macron?

Dibattito Le Pen-Macron: chi ha vinto davvero?

Secondo l’unico sondaggio disponibile Macron, piuttosto nettamente, ma i sondaggi a caldo sono relativamente affidabili, vedi i dibattiti Clinton-Trump che davano sempre vincente Hillary. Com’è andata a finire poi lo sappiamo. Marine Le Pen ieri sera ha dominato il dibattito nel senso che ha sempre imposto a Macron i temi. I due moderatori sembrava che non ci fossero. La sua personalità è risultata sovrastante: decisa, ironica, capace di interrompere il ragionamento dell’avversario con piccole, velenose battute. Le Pen fa un passo indietro: «L’uscita dall’euro può attendere» PARIGI - L’abbandono dell’euro da parte della Francia non è più la priorità assoluta del Front National, non è più centrale nel programma di Marine Le Pen.

Le Pen fa un passo indietro: «L’uscita dall’euro può attendere»

Fin dalla sera di domenica 23 aprile, con il passaggio al secondo turno, era evidente che la Le Pen fosse alla ricerca di una soluzione a questo problema. Secondo tutti gli osservatori, l’uscita dall’euro rappresentava infatti un ostacolo insormontabile in vista del ballottaggio, la certezza cioè di non avere alcuna possibilità di vincere. I francesi, nonostante i mugugni, non vogliono abbandonare la moneta unica e tantomeno l’Europa. Le Pen e Dupont-Aignan hanno creato una coalizione elettorale. Gay, strateghi e animalisti: i jolly di Marine. «Streghe», strateghi e un gay acchiappavoti.

Gay, strateghi e animalisti: i jolly di Marine

Résultats définitifs : les candidats en tête dans chaque département #Présidentielle2017. Untitled. Emmanuel Macron et Marine Le Pen, deux programmes que presque tout oppose. Europe, modèle social, société, environnement, Russie… Tour d’horizon des principaux clivages entre les deux candidats qualifiés pour le second tour de l’élection présidentielle.

Emmanuel Macron et Marine Le Pen, deux programmes que presque tout oppose

A brief guide to the French presidential election. French voters will select a new president this spring, heading to the polls first on April 23 and then for the final vote on May 7.

A brief guide to the French presidential election

The election will be one of the most significant for France in decades, sandwiched between last summer’s shocking Brexit referendum and this September’s general election in Germany. More broadly, the vote comes amid a highly uncertain moment for Europe as it deals with an ongoing immigrant influx (and associated nationalist sentiments), economic challenges, terrorism threats, and more. With some prominent voices across the continent calling into question the value and utility of the European Union itself, the outcome of the French vote will be of great consequence in determining the union’s future. Of the 11 candidates on the starting line, four have a reasonable chance to make it to the runoff that will determine the next French president.

Below are brief profiles of each candidate, along with their key proposals. Gunman killed in Paris shooting 'was ISIS terrorist jailed for 20 years for previous police attack' The ISIS terrorist behind tonight's shooting in Paris was previously jailed for 20 years for an attack on police, it has emerged.

Gunman killed in Paris shooting 'was ISIS terrorist jailed for 20 years for previous police attack'

Identified as Karim C. and using the ‘nom de guerre’ (war name) ‘Abu Yousuf the Belgian’, the 39-year-old had also made dark threats to kill more police using Telegram, the instant messaging service. Francia: la minaccia dei dossier russi sulla candidatura di Macron. Francia - Marine Le Pen: con me Francia fuori da Ue e Nato. Francia, Hamon vince le primarie dei socialisti contro Valls. Lo schiaffo degli elettori al partito e la svolta a sinistra. Ha vinto la svolta di sinistra, ha perso il socialismo di governo e soprattutto, ancora una volta, quello del presidente della Repubblica uscente François Hollande. Secondo i primi risultati, Benoît Hamon ha battuto al secondo turno delle primarie l’ex ministro dell’Interno Manuel Valls con il 58,65 per cento delle preferenze contro il 41,35 e sarà il candidato Ps alle presidenziali di aprile 2016.

Favorito degli ultimi mesi e “sfavorito” in vista delle elezioni che contano, è il nome che i militanti hanno scelto per tentare l’impossibile e soprattutto per salvare un partito dalla débâcle totale. Sono andati a votare tra 1,7 e 2 milioni di persone: un aumento rispetto al primo turno (1 milione e 6oomila), quasi un milione in meno rispetto alle consultazioni del 2012 e appena sopra quella soglia di allarme perché il candidato sia considerato davvero legittimato dalla base.

Africa, dove bombarda François Hollande. Ecco puntuali i due caccia francesi, appena decollati dall’aeroporto di Niamey. Ogni mattina volano verso Nord, risvegliano in una manciata di minuti tutta la provincia semidesertica di Tillabéri. E scendono a bombardare il Mali intorno alla città orientale di Ménaka esattamente come stanno facendo in Siria, oppure inceneriscono nel Sahara qualche convoglio di jihadisti inquadrato dalle telecamere dei droni.

Che grande opportunità offre il terrorismo. Grazie alla diffusione dello Stato islamico, di Al-Qaeda nel Maghreb islamico, di Boko Haram, le varie sigle del terrore contemporaneo, la Francia ha riconquistato posizioni che in Africa aveva perso da più di quarant’anni. Non è un buon auspicio.