background preloader

Arte Creatività Didattica

Facebook Twitter

Come vediamo il mondo intorno a noi? Guardare e vedere.

Come vediamo il mondo intorno a noi?

Ho già parlato della differenza tra questi due atti. Guardare è ricevere passivamente uno stimolo visivo, è una sorta di azione involontaria, mentre vedere è un atto che implica la volontà di conoscere, di capire, di indagare la realtà che ci circonda. A vedere si impara: per osservare, infatti, è importante disegnare e, in particolare, copiare. È così che percepiamo proporzioni, dettagli, ritmi che altrimenti passerebbero inosservati. Tuttavia anche il semplice guardare è un momento attivo, un processo “creativo” se vogliamo. Il nostro occhio non è una macchina fotografica (lo è solo per quanto riguarda la parte, per così dire, “meccanica”), dunque non registra fedelmente ciò che gli appare davanti.

Le nostre basi culturali, i nostri interessi e le nostre aspettative ci portano a percepire selettivamente la realtà (“vediamo ciò che vogliamo vedere” ho già scritto a proposito delle pareidolie). Turning the Pages™ - British Library. We think you are using an older version of Internet Explorer to view Turning the Pages™.

Turning the Pages™ - British Library

To view this version with this browser please click here to install the free Google Chrome Frame plug-in. You could also update to the latest version of Internet Explorer or install Google Chrome. Alternately you can view the accessible version of this website. Guamodì Scuola: Materiale grafico-pittorico, libri illustrati per bambini da scaricare gratis - di Alessandro battan. Ai link segnalati in basso è possibile scaricare libricini, di diversa estensione, per la scuola dell'infanzia e primaria.

Guamodì Scuola: Materiale grafico-pittorico, libri illustrati per bambini da scaricare gratis - di Alessandro battan

Citiamo ad esempio: Prosegui nella lettura per conoscere i materiali di uffolo.com e scaricare gratuitamente tantissimo materiale. Scarica i PDF gratuiti! Se sei un insegnante della scuola materna/elementare, questo è il posto giusto. Puoi scaricare album giochi, libri, libretti, fumetti, raccolta disegni per bambini. Il pentagono tra geometria ed arte. Alchimia, biologia, esoterismo e matematica.

Il pentagono tra geometria ed arte

Tutti mescolati dentro un grande calderone di forma pentagonale, una figura che da millenni è stata caricata di ogni simbolismo possibile. Ma non è un caso: il pentagono, infatti, presenta delle proporzioni molto particolari che hanno solleticato l’immaginazione di filosofi, artisti e scienziati. Parlo della sezione aurea, la divisione di un segmento in due parti in modo tale da ottenerne una porzione che sia media proporzionale tra l’intero segmento e la parte restante. Osservate il segmento AB; ebbene, esiste un solo punto C tale che il rapporto che c’è tra l’intero segmento e il tratto AC sia uguale a quello tra AC e la parte restante. Dunque AC è la sezione aurea di AB. Il rapporto tra AB e AC, indicato con la lettera greca Φ, è un numero irrazionale pari a 1,618… Nel pentagono il lato BC è sezione aurea della diagonale AB.

Untitled. Untitled. 10 mini alberi di Natale a costo zero dal riciclo creativo. Natale e creatività formano un binomio perfetto.

10 mini alberi di Natale a costo zero dal riciclo creativo

Le idee per realizzare delle decorazioni natalizie fai-da-te per la casa possono davvero essere infinite. Si tratta di un ottimo modo per risparmiare, soprattutto grazie all'utilizzo di materiali di recupero. Ecco allora 10 idee molto originali per realizzare dei mini alberi di Natale con le vostre mani e praticamente a costo zero. 1) Pigne.

Log into Facebook. Visite virtuali – DidatticarteBlog. Questo blog ha uno scopo puramente didattico e divulgativo.

visite virtuali – DidatticarteBlog

Non avendo finalità di lucro non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Inoltre non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001. L'autrice non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del Blog stesso.

Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Le immagini inserite nei post non sono opere dell'autrice del Blog (tranne dove espressamente dichiarato) né sono di sua proprietà. Le tre Grazie: duemila anni e non sentirli! – DidatticarteBlog. Mi piace ricordare sempre, ai miei alunni e a me stessa, che il messaggio dell’arte è senza tempo e che anche l’arte più antica è presente nella nostra quotidianità.

Le tre Grazie: duemila anni e non sentirli! – DidatticarteBlog

Tutti pazzi per i labirinti! Alzi la mano chi non è mai rimasto affascinato dai labirinti!

Tutti pazzi per i labirinti!

L’idea di smarrirsi e ritrovare l’uscita è una sfida alla quale pochi si sottrarrebbero… Si tratta di un’attrazione che affonda le radici nella notte dei tempi: per ritrovare le origini del labirinto dobbiamo andare, infatti, molto indietro. Le prime immagini appaiono già nelle incisioni rupestri come quelle della Val Camonica nell’immagine qui sopra. Antichissimo è anche il mito del Minotauro, mostro leggendario chiuso dentro un labirinto sull’isola di Creta ed ucciso da Teseo, che riuscì poi ad uscire grazie al provvidenziale filo datogli da Arianna. Ma non è detto che ci si debba sempre perdere nei labirinti: quelli medievali, ad esempio, disegnati sui pavimenti delle chiese, sono percorsi senza vicoli ciechi, lunghi e tortuosi, nei quali l’uscita si trova dopo aver raggiunto il centro e aver ripercorso la strada a ritroso. Troppo facile? L’albero della vita nella storia dell’arte.

Video. La grotta Chauvet Graffiti e dipinti a Chauvet.

video

Una linea che racchiude il volto: il ritratto di profilo. È l’immagine che di noi stessi conosciamo meno, eppure il disegno del nostro profilo ci rappresenta in maniera inequivocabile.

Una linea che racchiude il volto: il ritratto di profilo

Il volto di profilo, l’unico che si può disegnare con un unico tratto continuo, è un segno forte, essenziale ma riconoscibile. Studiare l’arte con Facebook: esperimenti di didattica informale. So che molti storceranno il naso leggendo questo titolo. Ci sono molti pregiudizi su Facebook da parte di tante persone che non lo conoscono neanche… generalmente pensano che sia un sistema fatto per perdere tempo (quando va bene) o per mettersi nei guai (quando va male), che sia chiuso e controllato, che possa schedare i interessi e attività, che rubi i diritti sulle immagini che si pubblicano, che possa “spiare” ogni nostro respiro etc. etc.. Per me è uno strumento come tanti. Le tre Grazie: duemila anni e non sentirli! – DidatticarteBlog. Photos du journal - L'arte di guardare l'Arte. Riassunti d’arte: il surrealismo raccontato in 10 punti. Ritratti polimaterici: i volti fatti di oggetti – DidatticarteBlog.

Basta davvero poco per creare un volto, anzi bastano solo tre elementi: due occhi e una bocca (o in alternativa un naso). Questo perché, per il fenomeno della pareidolia (di cui ho già parlato), siamo istintivamente portati a riconoscere una faccia anche da pochissimi indizi e non è necessario neanche che siano tratti verosimili: oggetti comuni e materiali di scarto possono tranquillamente trasformarsi in volti espressivi ed originali!

È un gioco, se vogliamo. Johannes Vermeer, Veduta di Delft (1660-1661) Di Timothy Brook [A Jan Vermeer, nato nel 1632 e morto il 15 dicembre 1675, si ispira uno dei libri di saggistica più belli pubblicati in Italia nel 2015: Il cappello di Vermeer, tradotto da Annalisa Fontanesi per Einaudi (l’edizione originale risale al 2008). Si tratta anche di un formidabile esempio di divulgazione seria. Il suo autore è il canadese Timothy Brook (Toronto, 1951), sinologo, docente presso la University of British Columbia di Vancouver e professore onorario all’East China Normal University of Shangai. Brook usa le sue competenze di storico per ridare vita, e interesse narrativo, alle storie a cui rimandano gli oggetti raffigurati nei quadri di Veermer.

Didatticarte - Photos du journal. Se il testo diventa immagine – DidatticarteBlog. Ho già parlato delle narrazioni nascoste in un’immagine, dunque del passaggio dalla figura al racconto. Narrare le immagini. Se il testo diventa immagine. Le mille e una nuvola – DidatticarteBlog. Le mille e una nuvola – DidatticarteBlog. Visti di schiena, personaggi misteriosi nelle opere d’arte – DidatticarteBlog. Come fare i biglietti natalizi con i bambini - DeAbyDay.tv.

Natale: idee per divertire grandi e piccoli. Il Natale è una festa che si festeggia in famiglia. A Sketchbook by Constable. Pavimenti sporchi come opere d’arte! – DidatticarteBlog. Istituto Comprensivo Giulio e Giuseppe Robecchi » Blog Archive » Saltellando con Jumpy: alla scoperta del mondo delle parole.Istituto Comprensivo Giulio e Giuseppe Robecchi. Scuolainsoffitta 5 Motivi per cui i bambini hanno bisogno di più arte. Si è parlato a lungo dell’insegnamento dell’arte nelle scuole. Poniamo il problema nel tempo che i bambini trascorrono in famiglia. Sono tante le proposte dei musei e delle biblioteche per avvicinare i bambini all’arte: laboratori creativi, mostre con visite guidate per bambini, kit per giocare a casa e libri per bambini sull’arte. I libri per bambini dedicati all’arte sono una risorsa splendida: Lo spazio svelato dalla luce. Collage Paul Klee: 5 fogli di lavoro. Gli appunti degli artisti.

ESPECIAL NATAL #3: DIY enfeites de árvores de natal - Paula Stephânia. ESPECIAL NATAL #1: DIY pisca piscas decorados - Paula Stephânia. Scarabocchiare ad arte: gli Zentangle! Studiare con lo scrapbooking. Lo spazio svelato dalla luce. Collage Paul Klee: 5 fogli di lavoro. La matematica di Van Gogh: la “Notte stellata” rivela un incredibile segreto. Gli appunti degli artisti.