background preloader

Animatore digitale

Facebook Twitter

Education Week. UserID: iCustID: IsLogged: false IsSiteLicense: false UserType: anonymous DisplayName: TrialsLeft: 0 Trials: Tier Preview Log: Exception pages ( /edweek/learning_deeply/2016/08/deeper_learning_10_ways_you_can_die.html ) = NO Internal request ( 108.162.216.106 ) = NO Open House ( 2016-09-09 12:08:12 ) = NO Personal SL : ( EMPTY ) = NO Site Licence : ( 198.27.80.148 ) = NO ACL Free A vs U ( 2100 vs 0 ) = NO Token Free (NO TOKEN FOUND) = NO Blog authoring preview = NO Search Robot ( Firefox ) = NO Purchased ( 0 ) = NO Monthly ( c2ab2dc6-d539-0240-b12c-ebbe0922a23c : 1 / 1 ) = NO 0: /teachers/teaching_now/2016/08/similarities_teachers_students.html Can add to monthly ( /edweek/learning_deeply/2016/08/deeper_learning_10_ways_you_can_die.html ) = NO Access denied ( -1 ) = NO Internal request ( 66.151.111.54 ) = NO Site Licence : ( 66.151.111.54 ) = NO Search Robot ( EPE Bot ) = YES Access granted ( 5 ) = YES.

«La scuola digitale? Un disastro» In Francia monta il fronte del no. Eco aveva ragione, il Web crea stupidi intelligenti. Ireneo Funes, eroe eponimo della memoria in eccesso, non aveva corpo. O, quanto meno, lo usava il meno possibile. Ricordando tutto di tutto, sino ai più minimi dettagli della più banale delle situazioni, ogni cosa e ogni percezione delle cose, ogni parola ascoltata, ogni sentimento provato, Funes preferiva vivere nell’oscurità, pensando il meno possibile, esistendo il minimo indispensabile. Troppe cose in mente per poterne immagazzinare di nuove. E poi: con quale principio ordinatore? Con quale metodo? Finiva così per essere – nota Jorge Luis Borges, suo visionario inventore – una pura voce: alta, nasale, burlesca. Effimera. LEGGI ANCHE Umberto Eco: “Con i social parola a legioni di imbecilli” Va tenuta presente, questa parabola iperletteraria, non foss’altro perché più volte Umberto Eco se n’è servito per spiegare il funzionamento della rete, i meccanismi di internet, gli effetti cognitivi ed estetici dei social network.

LEGGI ANCHE Imbecilli e non, tutto il mondo è social. 15 Characteristics of a 21st-Century Teacher. Recent technological advances have affected many areas of our lives: the way we communicate, collaborate, learn, and, of course, teach. Along with that, those advances necessitated an expansion of our vocabulary, producing definitions such as digital natives, digital immigrants, and, the topic of this post -- "21st-century teacher. " As I am writing this post, I am trying to recall if I ever had heard phrases such as "20th-century teacher" or "19th-century teacher. " Quick Google search reassures me that there is no such word combination.

Changing the "20th" to "21st" brings different results: a 21st-century school, 21st-century education, 21st-century teacher, 21st-century skills -- all there! Obviously, teaching in the 21-century is an altogether different phenomenon; never before could learning be happening the way it is now -- everywhere, all the time, on any possible topic, supporting any possible learning style or preference. But what does being a 21st-century teacher really mean? Cyber Civics | School Teaching this Digital Media Curriculum & Program. *PLUS 15 schools in Ghana, Africa and homschoolers in the U.S., New Zealand and Australia! L'ebook non è un Book! Facebook a scuola? Privacy su Facebook - Conoscere per controllare Facebook è un social media, ma abbiamo la possibilità di controllare, almeno parzialmente, la nostra privacy. Teniamo conto che ciò che pubblichiamo può comunque essere copiato e condiviso, come succede per qualsiasi altro contenuto postato sul web.

Ma vediamo alcune caratteristiche di base importanti da conoscere per ciò che concerne Facebook. Gli amici sono miei e li vedo solo io! Piuttosto strategico, specialmente per i nostri studenti, insegnare come nascondere il numero e la lista di amici, ritenuti da molti parametri di popolarità/impopolarità. Le informazioni su di me Possiamo decidere chi vede cosa. Decido io chi vedrà cosa (almeno in parte) Importante ragionare prima noi e poi e far riflettere gli studenti su ciò che si pubblica, sui contenuti e sulla forma dei post. Liste: amici veri o contatti? Chi può pubblicare sul mio diario? Educazione Multimediale | Letizia Atti. Strumenti tecnologici nella didattica. STRUMENTI TECNOLOGICIA SERVIZIO DELL'APPRENDIMENTOa cura di Laura Cimetta Altri esempi da Maestro Roberto W.Shakespeare by Laghigna Video Tutorial A.Laghigna Esempio G.Corsaro Esami 3 media Videotutorial di Gianfranco Marini Mio esempio "My Innesfree" creative writing MY PINTEREST: cyberteacher Videotutorial di Jessica Redegrieri Videotutorial di Jessica Redeghieri LMS piattaforme gestione apprendimento Repository di materiali utili Mio esempio: the Making of Malala Patrizia Vayola: Mussolini Dichiarazione di Guerra VideoStorytelling di A.Laghigna Mio esempio: vacanze alle Mauritius APPLICAZIONI per prof e studenti Mio esempio: la disposizione dei banchi nella Fipped Classroom Attività didattica in inglese con i Voki Esempio: the Great Gatsby creato da miei studenti Esempio: Dorian Gray creato da mio studente.

Untitled. Untitled. Competenze XXI Secolo: Educazione o Distopia Didattica? List.Ly: tutorial. Content Curation for Education and Learning: Robin Good @Emerge2012. Online Curation: The Personalization Danger. Untitled. Come migliorare il Piano nazionale Scuola digitale, la sintesi delle proposte. Il Cantiere Scuola Digitale di Forum PA ha cominciato i suoi lavori a maggio 2016 in uno spirito di condivisione non solo nella sostanza della discussione (in cui pareri e commenti sono stati messi sul tavolo, sezionati, approvati o criticati) ma anche nella modalità (a incontri di persona è seguito un dibattito su docenti condivisi nel cloud).

Presentiamo qui la sintesi delle proposte elaborate (relative ai primi due focus del Cantiere) a valle dell’ultimo incontro (5 luglio), base di discussione per la definizione dei suggerimenti che il tavolo inizierà a formulare nelle prossime settimane, continuando a lavorare in remoto. Da ottobre 2016, la discussione nel cloud verrà aperta al mondo della scuola italiana. Lo scopo è di raccogliere proposte concrete per far sì che il Piano Nazionale Scuola Digitale possa essere pienamente attivato, migliorato, ampliato ed in generale confermato come un asset per la evoluzione della scuola italiana. Il tema viene considerato di estrema importanza. Playing It Safe. L’ Impresa Simulata al Liceo Bertolucci | Career Management Service. Azione #24 - Biblioteche Scolastiche Digitali - Scuola e Tecnologia.

I primi 6 mesi del Piano Nazionale Scuola Digitale. Flyer mlol scuola. Come imparare le tecnologie per imparare con le tecnologie? Scheda dell'articolo e Motivi di Interesse # Titolo: The six key skills of learning curation # Autore: Carole Bower # Sito: Lumesse Learning # Data Pubblicazione: 18/05/2015 # Argomento: Il curatore dell'apprendimento trova, comprende e contestualizza contenuti web di rilievo e li presenta agli studenti in modo che divenga più semplice per loro comprenderli e navigarli. # Interesse: Il principale motivo di interesse è il tentativo di definire un approccio all'apprendimento basato sulla content curation o cura dei contenuti. Le premesse di questa strategia sono: 1. 2. 3. per superare tale fenomeno si possono utilizzare le procedure della cura dei contenuti 4. 5. Segue il testo tradotto in italiano (chiedo perdono a chi conosce davvero l'inglese) La "curation" rappresenta la nuova mentalità che i professionisti dell'apprendimento e dello sviluppo devono padroneggiare.

I Curatori Apprendimento devono: # filtrare # valutare # sintetizzare # offrire, condividere # segnalare (cartello, segnale) Sbagliato. Problem loading page. Open Educational Resources: origini e stato dell'arte. Why smart kids shouldn’t use laptops in class. eSkills course | M1 Accessing Future Jobs. Tecnologie Educative - TIC & TAC. Programma-Scuola-Digitale_2. Video/audio editing and downloading. Talks for teachers - videos.