background preloader

Cittadinanza digitale - cittadini competenti digitali

Cittadinanza digitale - cittadini competenti digitali

http://www.cittadinanzadigitale.eu/

Related:  Cittadinanza digitaleUtilizzo di internet - educazione ai mediaCIttadinanza digitale

Copyright - Copyright e Diritto : la legge La Legge e la Proprietà Intellettuale, ilCopyright/Diritto d’autore. La proprietà intellettuale rappresenta il primo diritto del creatore,dell’artista e dell’inventore. Tale diritto sottende qualsiasi creazione e nasce con la creazione dell’opera stessa. Chiamato anche Copyright, in alcunicasi può assumere denominazioni "specifiche" (marchi, brevettid’invenzione..) oppure può essere l’unico diritto che una creazione può avere(testi, progetti, canzoni, contenuto di siti web, idee, disegni, foto, loghi…) Vi è comunque sempre la possibilità di proteggere tale diritto utilizzando ilCopyright, che dovrà presentare validi elementi di prova, ottenibili attraversoil deposito. Diritto d’autore: in breveIl diritto d’autore esiste fin dalla creazione dell’opera. Ciò significa che, si dispone automaticamente di un diritto in quanto autori dell’opera, a condizione che essa sia inedita.

Insegnantiduepuntozero - I 9 elementi della Cittadinanza Digitale La Cittadinanza Digitale può essere definita come l’insieme di norme per un comportamento appropriato e responsabile riguardo l’uso delle tecnologie. Questo documento/manifesto vuole essere di ausilio a tutti/e coloro che sono a vario titolo impegnati/e nella costruzione della Cittadinanza Digitale, e viene pertanto rilasciato in licenza CC-BY (vedi note al termine). 1. Come educare cittadini digitali: necessario un framework nazionale Che l’implementazione del digitale nei contesti educativi viaggi ad una diversa velocità rispetto alle capacità e agli strumenti che la scuola ha a disposizione per farsi istituzionalmente carico di una seria e sistematica educazione alle competenze digitali, è questione non di poco conto. La scuola sa bene che, al di là delle categorie in cui sono stati variamente ascritti i propri utenti – nativi digitali, net generation, generazione app, ecc. – bambini e adolescenti si muovono con sufficiente destrezza tecnica tra i numerosi dispositivi, ma non certo con competenza. Ne sono testimonianza i molti episodi con cui la scuola si scontra sempre più spesso, atti di piccola o grande pirateria informatica, uso scorretto dei canali di comunicazione, flaming e cyberbulling nei social.

Licenze Creative Commons Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Queste licenze si ispirano al modello copyleft già diffuso negli anni precedenti in ambito informatico e possono essere applicate a tutti i tipi di opere dell'ingegno. Le licenze CC, in sostanza, rappresentano una via di mezzo tra copyright completo (full-copyright) e pubblico dominio (public domain): da una parte la protezione totale realizzata dal modello all rights reserved ("tutti i diritti riservati") e dall'altra no rights reserved ("assenza totale di diritti"). La filosofia su cui si fonda lo strumento giuridico delle licenze CC si basa sul concetto some rights reserved ("alcuni diritti riservati"): in questo senso è l'autore di un'opera che decide quali diritti riservarsi e quali concedere liberamente. Le licenze[modifica | modifica wikitesto]

TEDxYouth@Bologna “Il giorno in cui l’Italia scoprì Internet era il 30 aprile 1986”, così scrive su Facebook il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Sono passati 30 anni da quel giorno e, per celebrare questa importante svolta che ci ha introdotti nel mondo digitale, il 29-30 aprile 2016 si celebrerà l’Internet Day. Sarà una giornata dedicata ad attività volte ad approfondire il senso della rete e delle opportunità che il web ha creato. Una giornata in perfetta linea con la mission di TED di favorire nei giovani un uso costruttivo della rete per diffondere e condividere le loro idee di valore. La classe è per sua natura un palcoscenico pubblico; il 29 aprile sarà il giorno perfetto per trasformala in un palco TED ed insegnare ai tuoi studenti l’importanza dell’argomentazione e del public speaking.

Come scrivere una social media policy: alcune dritte Per molte aziende la presenza sui Social Media è a dir poco fondamentale. Tuttavia, al di là dei benefici che si possono trarre da una buona gestione di pagine aziendali, non bisogna dimenticare i possibili rischi in cui si può incappare: imbarazzanti Epic Fail, eventuali contenziosi con i propri utenti, fan o dipendenti e perdita di informazioni confidenziali sono solo alcuni dei danni collaterali derivanti da una gestione mediatica scorretta. Ed è proprio per tutelarsi da questi possibili disagi che è nata la prassi, da parte delle aziende presenti sui Social, di predisporre un documento chiamato Social Media Policy. Ma prima di vedere insieme come scrivere una Social Media Policy, partiamo innanzitutto dal capire di cosa si tratta. Che cos’è una Social Media Policy Non ci resta che capire Come Scrivere una Social Media Policy esterna, da integrare nelle tabs della pagina Facebook aziendale o sul sito, se questo accoglie, in modalità interattiva, commenti e valutazioni degli utenti.

iSchool- Perché il compito della scuola è insegnare la cittadinanza digitale Vi siete mai fermati a pensare quale sia il ruolo della scuola? Subito dopo l’unificazione, nel 1861, il tasso di analfabetismo era al 78%. Una cifra impressionante. In quegli anni la missione principale era quella di far abbassare il numero di coloro che non sapevano leggere e scrivere. Attivare o disattivare la Modalità con restrizioni - Computer - Guida di YouTube La Modalità con restrizioni è un'impostazione facoltativa che consente di escludere contenuti potenzialmente inappropriati per i minori che preferisci non vedere o che non desideri vengano visti da altri membri della tua famiglia su YouTube. YouTube utilizza molti elementi, quali il titolo, la descrizione e i metadati del video, le revisioni volte a individuare eventuali violazioni delle Norme della community e i limiti di età, per identificare e filtrare i contenuti potenzialmente inappropriati per i minori. La Modalità con restrizioni è disponibile in tutte le lingue, ma, date le differenze culturali e di sensibilità tra i vari paesi, la qualità può variare.

Related: