background preloader

Google tutorials

Facebook Twitter

Google Drive in classe: le verifiche #4 - GRIMPO! Continuiamo la serie di articoli su come Utilizzare Google Drive in classe.

Google Drive in classe: le verifiche #4 - GRIMPO!

Siamo già al quarto esempio. Questo articolo è dedicato ad un argomento non semplice ma straordinariamente importante ossia la verifica. Sono consapevole di come questo sia un punto spinoso perché ci sono diverse correnti di pensiero su come dovrebbero essere, su quante dovrebbero essere e persino su qual è il loro scopo. Pertanto vorrei riportare la mia esperienza cercando di evidenziare come la metodologia che più avanti illustrerò ha di fatto migliorato l’efficacia delle mie verifiche, diminuendo la mole di lavoro “stupida e noiosa” che per tanti anni mi è toccata, fino a migliorare le prestazioni dei miei allievi che è, in definitiva, lo scopo del lavoro del docente. Lo scopo del lavoro di un docente consiste, non solo ma in larga parte, nel migliorare le “prestazioni didattiche” dei propri studenti. Questo post fa parte di un percorso di cui queste righe sono il quarto step. Google Drive: correggere automaticamente le verifiche! - GRIMPO! Abbiamo recentemente pubblicato un articolo su come utilizzare Google Moduli per somministrare delle verifiche.

Google Drive: correggere automaticamente le verifiche! - GRIMPO!

Come annunciato, questo articolo di occuperà di come correggere “automaticamente” le risposte inserite. Partiamo dalla considerazione che il tempo che serve per correggere una verifica – specialmente una verifica a risposta multipla – è tempo perso che nulla ha a che fare con l’insegnamento o la didattica. Proviamo a quantificarlo: ipotizzando di avere una classe di 25 studenti e di impiegare mediamente 4 minuti per correggere ogni verifica (è una stima per difetto!) Significa che, per ogni classe, per ogni verifica e per ogni materia, bruciamo 1 ora e 40 minuti.

Quante verifiche facciamo per ogni classe? 25 studenti * 4 minuti * 5 verifiche * 6 classi = 3000 minuti ossia circa 50 ore all’anno per correggere delle verifiche. Google Drive in classe: le verifiche #4 - GRIMPO! Calendar: ecco come usarlo in classe! - GRIMPO! Calendar, il servizio di Google già presente tra quelli a disposizione di chi possiede un account, può essere facilmente utilizzato per programmare, gestire e condividere gli appuntamenti didattici: noi l’abbiamo fatto con ottimi risultati!

Calendar: ecco come usarlo in classe! - GRIMPO!

Vuoi sapere come? Leggi l’articolo! Per accedere a Google Calendar è ovviamente necessario essere titolari di un account Google: come si fa ad averne gratuitamente uno? Registrati cliccando qui. A questo punto apri il pannello del tuo account Google e scegli Calendar: Creare Eventi e Promemoria E’ possibile creare eventi e promemoria cliccando in un punto qualsiasi di Google Calendar. Cliccando su Modifica Evento è possibile selezionare le molte opzioni possibili per l’evento (che devi immaginare, per esempio, come un compito o una verifica): E’ davvero tutto molto semplice e di facile utilizzo. E’ poi chiaro che la verifica in questione potrebbe essere preparata con Google Drive; come? Desideri ulteriori informazioni?

Creare fumetti con Presentazioni Google. Creare classi virtuali con Google Classroom. Google Drive - Archivio, Creazione, Condivisione. Nuovo Google Moduli: come creare verifiche, test e sondaggi.

Video Tutorial: Come usare Google My Maps. Google Apps For Education. Una guida. Seguendo il corso di formazione per AD, da “edmodiano” convinto, mi sono chiesto se valga la pena sfruttare un’altra idea “cloud” ovvero Google App For Education (d’ora in poi GAfE).

Google Apps For Education. Una guida

In effetti, stando alle premesse si tratta di un ambiente molto solido, a prova di bomba e dall’architettura complessa ma resistente. Il problema, semmai, è partire; ma ci vuole del tempo e, ad anno iniziato, non è pensabile smantellare quello che c’è già per dare vita ad una simile struttura. Non è, però, di questo che voglio disquisire, semmai condividere materiali che mi sono stati messi a disposizione dal corso e che ho tratto da animatori-liguria.it (spazio dove abbiamo affrontato on-line parte della formazione.

Le lezioni del prof. Antonio Fini (Dirigente IC Arcola/Ameglia – La Spezia) sono quanto di più illuminante si possa immaginare. Il consiglio è quello di seguire ordinatamente clip dopo clip di modo da non perdersi. Parte 1- Il cloud a scuola (Generalità) Parte 2 – Introduzione a GAfE.