background preloader

Storia

Facebook Twitter

The ferocious predatory dinosaurs of Cretaceous Sahara - Nizar Ibrahim. What would it be like to find these fossil remains?

The ferocious predatory dinosaurs of Cretaceous Sahara - Nizar Ibrahim

TED fellow Nizar Ibrahim discusses his expedition to the Moroccan Saharan desert in search of dinosaur fossils in this blog post and his TED Talk, How we unearthed the Spinosaurus. An article from National Geographic also provides tons of information about the Moroccan expedition and its discoveries: Paleontologist Finds Dinosaur Paradise, Including First Dino Known to Swim.

How big is the Spinosaurus? This National Geographic article, Mister Big, will provide some answers. Meet the Mighty Spinosaurus, the First Dinosaur Adapted for Swimming is another great resource to find more information about this massive dinosaur. The BBC also has some interesting videos on dinosaurs. For more on fossils and dinosaurs, visit the TED-Ed Blog post and TED-Ed lessons listed below: How to become a dinosaur hunterHow to fossilize...yourself - Phoebe A. Homo Sapiens, scoperti fossili più antichi: ha 100mila anni in più di quello che si ipotizzava. Bisogna riportare l’orologio del tempo indietro di molto tempo.

Homo Sapiens, scoperti fossili più antichi: ha 100mila anni in più di quello che si ipotizzava

L’Homo sapiens ritrova le sue origini grazie alla scoperta dei fossili più antichi della nostra specie. Risalgono a 300.000 anni fa, e oltre a far slittare indietro di 100.000 anni la sua data di nascita, dimostrano anche che era un viaggiatore. Sono stati trovati in Marocco, vicino a utensili e ossa di animali, e hanno permesso di ricostruire la dieta dei primi Sapiens, che era a base di carne di gazzella e uova di struzzo.

A indicarlo sono due ricerche coordinate dall’Istituto Max Planck di antropologia evolutiva di Lipsia, pubblicate sulla rivista Nature. "Un giorno a Pompei": l'eruzione del Vesuvio in una spettacolare animazione in 3D. StoryMap JS - Telling stories with maps. Histography - Timeline of History. Altri uomini. Negli ultimi decenni, la scienza ci ha fatto riconsiderare l’evoluzione umana.

Altri uomini

Non in linea retta dall'australopiteco, all'homo erectus, al sapiens, ma piuttosto, l'evoluzione si è sviluppata all’interno di un grande “cespuglio”, parallelamente a quella di altre specie umane. L’uomo sapiens ha condiviso il pianeta con un altro uomo, per decine di migliaia di anni, il neanderthal, finchè questi non si è estinto. Ma si è davvero estinto, il neanderthal, o è entrato a far parte della nostra famiglia? In questa puntata scopriamo quanto in noi c’è ancora dell’uomo di Neanderthal con il prof. Guido Barbujani, genetista delle popolazioni. Silvia Bencivelli viaggia alla ricerca delle tracce dei Neanderthal italiani, mentre Davide Coero Borga va sulle Alpi, a vedere quali civiltà le popolarono nell’Età del Bronzo. Tags Condividi questo articolo. Pievani: il sapiens prima del sapiens. L'evoluzionista e filosofo della scienza Telmo Pievani ci parla di una scoperta scientifica che ha rivoluzionato le nostre conoscenze sull'evoluzione dell'Homo sapiens, la specie a cui tutti noi apparteniamo.

Pievani: il sapiens prima del sapiens

E' notizia del febbraio 2016 che un gruppo di ricercatori russi ha scoperto nella Siberia artica la carcassa di un mammut in ottimo stato di conservazione, risalente a 45.000 anni fa, che reca sul corpo evidenti tracce di una caccia di gruppo da parte di una comunità di sapiens. Fondamentale la datazione, che fa arretrare di ben 10.000 anni la presenza dei sapiens in una terra così proibitiva come la Siberia artica. L'analisi del mammut, inoltre, evidenzia che fu inseguito, ucciso e successivamente macellato da un gruppo di uomini con un'elevata organizzazione sociale e una solida competenza linguistica. L'intervista è stata realizzata all'interno della rassegna "Che cosa fanno oggi i filosofi? ", che si è tenuta a Cattolica dall'8 novembre 2015 al 31 gennaio 2016.

Tags. Homo naledi, una nuova specie umana che farà molto discutere. La scoperta è importante, eccezionale e farà discutere a lungo perché una scoperta del genere non era mai stata realizzata e neppure si ipotizzava di poterla fare.

Homo naledi, una nuova specie umana che farà molto discutere

Nella grotta del Sud Africa chiamata Rising Star che si trova a circa 50 chilometri da Johannesburg sono venuti alla luce circa 1.500 reperti fossili che appartengono, probabilmente, ad almeno 15 individui di una nuova specie di Homo, chiamata Homo naledi. E probabilmente altri reperti potrebbero ancora venire alla luce. CERVELLO DA GORILLA. Che cosa ha di così particolare questa scoperta? Due sono gli elementi importanti che sottolineano i ricercatori. Homo naledi aveva un cervello molto più piccolo rispetto alle altre specie di Homo, tanto da assomigliare di più al cervello di un gorilla che non a quello di un umano, e anche il bacino e le spalle erano piccole. Ma i denti, relativamente minuti, le gambe lunghe e la struttura dei piedi lo avvicinano di molto all’uomo moderno. La timeline dell'evoluzione dell'uomo. 55 milioni di anni fa - Compaiono i primi primati. 8-6 milioni di anni fa - I primi gorilla si evolvono.

La timeline dell'evoluzione dell'uomo

Più tardi, gli antenati degli scimpanzè e quelli dell'uomo divergono. 7 milioni di anni fa - Sahelanthropus tchadensis, scoperto in Ciad. Sebbene sia antecedente alla separazione della linea evolutiva dell’uomo (circa 6 milioni di anni fa), rappresenta la prima testimonianza di un ominide in grado di camminare su due gambe, sebbene in maniera imperfetta. RAI SCUOLA.