background preloader

Home - Creative Classrooms Lab

Home - Creative Classrooms Lab

http://creative.eun.org/

Related:  manuelatIstituzionalitiziana69Siti_istituzionali

Formazione Professione Insegnante: Course categories Skip to main content Collapse all Generale Rai Scuola - Generazione Digitale - I nuovi spazi della scuola Quando si parla della scuola del futuro, ovviamente il primo pensiero va alle nuove tecnologie, la cui introduzione, se pur con tempi diversi, si sta facendo pian piano strada nelle scuole del Paese. Ma con l'arrivo di nuovi strumenti e la diffusione di una didattica innovativa nei processi di apprendimento, non è pensabile che anche gli spazi e gli arredi restino uguali a quelli di una volta. C'è bisogno di un cambiamento negli ambienti d'apprendimento, ne parliamo con i nostri ospiti: Rita Coccia, dirigente scolastico dell’Istituto Volta di Perugia, Elisabetta Mughini, ricercatrice Indire, l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, i nostri ragazzi e il professore Mario Morcellini. Tags Condividi questo articolo

Strumenti digitali – PNSD – blog a cura dell'AD prof.ssa Gallino E’ ancora troppo presto per fare dei bilanci (ai posteri l’ardua sentenza…) ma si può cominciare a mettere qualche punto sulla sperimentazione didattica che sto facendo e che si è ormai configurata, con qualche scetticismo, potrei dire quasi Continua a leggere Ieri sono stata, a Firenze, alla giornata di studi School Makers che proponeva Percorsi di apprendimento digitale per le competenze del XXI secolo. Nell’offerta formativa era prevista anche la possibilità di partecipare a workshop operativi. Gli workshop erano Continua a leggere MIUR - Schoolkit: Come progettare uno spazio alternativo per la didattica In un tweet: Ambienti comuni per una visione sostenibile, collaborativa e aperta di scuola! Introduzione A cura del MIUR Destinatari: Docenti, DS, DSGA, Personale ATA, Studenti

Creare app per la didattica Mi capita spesso di segnalare applicazioni per utilizzare i vari dispositivi mobili a scuola. Questa è la prima volta in cui segnalo invece strumenti con cui gli insegnanti possono creare app per la didattica. Ovviamente occorre utilizzare specifiche applicazioni Android e Apple che permettono di costruire veri e propri software da utilizzare in classe, senza possedere particolari conoscenze di programmazione. Ecco dunque tre risorse gratuite con cui creare le vostre app in meno di un minuto (sono in lingua inglese, ma non si può avere tutto dalla vita... Si tratta di uno strumento web che consente di creare facilmente e istantaneamente un'applicazione ricca di contenuti. Basta incollare l'URL del sito web che vi interessa e poi iniziare a personalizzare l'app nel modo desiderato.

INDIRE - Architetture scolastiche “Architetture scolastiche” è un indirizzo di ricerca che approfondisce e analizza il rapporto tra spazi e tempi dell’apprendimento. La scuola nella società della conoscenza impone di confrontarsi con competenze diverse da quelle richieste dalla società industriale, pena una pericolosa distanza fra il mondo della formazione e le pratiche sociali delle nuove generazioni. L’aula è stata sempre il luogo unico dell’istruzione scolastica e tutti gli spazi della scuola (corridoi, laboratori, palestre) erano subordinati alla sua centralità. Ogni luogo della scuola era pensato per un impiego specifico e restava inutilizzato quando quel tipo di attività non veniva svolto. Banchi allineati, istruzione omologante e arredi fissi, nella scuola del futuro dovranno essere solo un ricordo lontano. Il tradizionale metodo didattico di tipo trasmissivo è ormai fuori tempo: gli studenti di oggi sono profondamente diversi da quelli che solo una ventina di anni fa riempivano le aule scolastiche.

Formazione obbligatoria: alcuni spunti per scegliere – PNSD – blog a cura dell'AD prof.ssa Gallino L’offerta presente in rete, sulla formazione soprattutto digitale ma ovviamente non solo, è sterminata e molto variegata per livelli di qualità, di complessità ed impegno: dai mooc di poche ore ai master riconosciuti e spendibili come crediti universitari. Naturalmente oltre alle attitudini ed esigenze personali, alle concrete disponibilità di tempo da destinare e alle modalità preferibili per fruire della formazione (in presenza o a distanza), alla coerenza con il proprio percorso professionale e al Ptof della scuola di appartenenza, il docente, per districarsi nella enorme messe di risorse disponibili e proposte, può privilegiare le occasioni di formazione che danno anche punteggio nella graduatoria di Istituto e in graduatorie nazionali (solo i corsi di perfezionamento corrispondenti in genere a 15 e a 60 crediti), può valutare e scegliere tra corsi di minore intensità ma comunque gestiti da enti validati dal Miur per l’utilizzo del bonus (500 euro): sono moltissimi. Anitel: Ipsef

MIUR - Schoolkit: Come progettare le aule aumentate In un tweet: Organizzare aule aumentate dalla tecnologia per l'integrazione quotidiana del digitale nella didattica, coinvolgendo l'organizzazione di spazi, tempi(...) Introduzione A cura del MIUR

Related: