background preloader

World Digital Library Home

World Digital Library Home

https://www.wdl.org/en/

Related:  scuolaGeneral Databases and Online Magazinesteaching resourcesTo ReadBooks-Texts

» Stefano Caserini Ingegnere ambientale e dottore di ricerca in Ingegneria sanitaria, svolge da anni attività di ricerca nel settore dell’inquinamento dell’aria, degli inventari delle emissioni e della riduzione delle emissioni in atmosfera; si è occupato più recentemente delle strategie di riduzione dei gas climalteranti, della comunicazione del problema dei cambiamenti climatici e dei processi per la rimozione di CO2 dall’atmosfera. Titolare del corso di Mitigazione dei cambiamenti climatici al Politecnico di Milano, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative. Ha pubblicato nel 2008 il libro “A qualcuno piace caldo” , nel 2009 “Guida alle leggende sul clima che cambia” , nel 2012 “Imparare dalle Catastrofi”, nel 2013 “Aria Pulita” e nel 2016 “Il clima è (già) cambiato. 10 buone notizie sui cambiamenti climatici” (nuova edizione 2019 “Il clima è (già) cambiato. 9 buone notizie sui cambiamenti climatici). Post pubblicati

Il Sistema Serra e il calore del sole - News - Silvio Fritegotto Una serra, o il sistema serra, ha l’obiettivo di captare e trattenere il calore del sole. In altri termini la serra, oltre a proteggere le piante in essa coltivate dal clima e dalle avversità atmosferiche, è un vero e proprio collettore solare che contribuisce ad ottimizzare gli apporti di luce e di calore. La capacità di utilizzare l’energia solare dipende innanzitutto dalle caratteristiche della zona in cui la serra viene realizzata (orientamento, pendenza del terreno, altezza sul livello del mare, presenza di difese naturali) e dalle caratteristiche climatiche e microclimatiche (temperatura, ventosità, radiazione luminosa, ecc.).

L’effetto coperta Per parlare di qualche cosa è necessario dargli un nome, se poi il nome è quello giusto (cioè rimanda in modo convincente ad un concetto o una nozione ben chiara e condivisa) allora si possono anche evitare tante spiegazioni… Si prenda, ad es., il nome effetto serra assegnato al fenomeno secondo cui il recente aumento delle emissioni antropiche di CO2 (linea tratteggiata e scala a sinistra in Gt nel grafico seguente) sarebbe all’origine del concomitante “tumultuoso” incremento della temperatura media globale al suolo (linea continua e scala a destra in °C)… …in base a questa teoria l’aumento del CO2 e di altri gas inquinanti nella troposfera (lo strato più basso dell’atmosfera) ne accrescerebbe così tanto la naturale capacità di “intrappolare” il calore emesso dalla superficie terrestre riscaldata dal Sole da aumentare in modo spropositato la temperatura media globale, esattamente come avverrebbe in una serra inspessendone il rivestimento (da cui il nome). Le serre e l’effetto serra

Arduino (hardware) Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Arduino Leonardo Arduino è una scheda elettronica di piccole dimensioni con un microcontrollore e circuiteria di contorno, utile per creare rapidamente prototipi e per scopi hobbistici e didattici. Grazie alla base software comune ideata dai creatori del progetto, per la comunità Arduino è stato possibile sviluppare programmi per connettere a questo hardware più o meno qualsiasi oggetto elettronico, computer, sensori, display o attuatori. Dopo anni di sperimentazione è oggi possibile fruire di un database di informazioni vastissimo.

E' Ipparco che ha scoperto l'America! Ipparco, astronomo e matematico, geografo e cartografo, questo studioso dell'antica Grecia, torna alla ribalta a seguito di studi. Pochi sanno che a scoprire l’America è stato Ipparco, un astronomo greco vissuto tra il 185 e il 125 a.C. Nato a Nicea, visse e fece le sue ricerche a Rodi, elaborando tutte e sue teorie soltanto a partire dall’osservazione. Videolezioni — ELIA BOMBARDELLI LE VIDEOLEZIONI SONO GRATUITE?Si, tutte le videolezioni sono messe a disposizione gratuitamente sul Canale YouTube. CHE PROGRAMMA UTILIZZI PER REALIZZARE I VIDEO?Per scrivere utilizzo Windows Journal o Microsoft One Note mentre per il semplice montaggio utilizzo Adobe Premiere Pro. QUALE ATTREZZATURA UTILIZZI PER REALIZZARE I VIDEO?La maggior parte delle videolezioni sono realizzate con un tablet pc convertibile dotato di apposita penna.

Domande e risposte sull'inquinamento elettromagnetico - campo magnetico a bassissima frequenza Domande e risposte sull' Curatore: Daniele Andreuccetti, IFAC-CNR, Firenze Versione: 3.0Ultimo aggiornamento: 19/04/2011 1.-Che cosa è il campo magnetico? Il campo magnetico è un particolare tipo di campo di forza. Scheda tecnica del prodotto Lenovo IdeaPad 500 Computer portatile Bianco 39,6 cm (15.6") 1366 x 768 Pixel Intel® Core™ i7 12 GB DDR3L-SDRAM 1000 GB HDD AMD Radeon R7 M360 Windows 10 Home Notebook/portatili (80NT010UIX) Lenovo IdeaPad 500 Computer portatile Bianco 39,6 cm (15.6") 1366 x 768 Pixel Intel® Core™ i7 12 GB DDR3L-SDRAM 1000 GB HDD AMD Radeon R7 M360 Windows 10 Home: La descrizione commerciale ufficiale del Lenovo IdeaPad 500 Computer portatile Bianco 39,6 cm (15.6") 1366 x 768 Pixel Intel® Core™ i7 12 GB DDR3L-SDRAM 1000 GB HDD AMD Radeon R7 M360 Windows 10 Home come fornita dal produttore Immagini nitide e brillanti Il Lenovo Ideapad 500 non trascura la risoluzione e integra uno schermo Full HD (1920 x 1080) fornito di serie. Permette quindi tenere più finestre aperte contemporaneamente, giocare con videogame in alta risoluzione o semplicemente guardare un film in HD a fine giornata. Scheda grafica personalizzabile Per ottenere l'equilibrio desiderato tra prezzo e prestazioni grafiche, è possibile schegliere tra un scheda Intel integrata o una scheda AMD dedicata di fascia alta, che garantisce la potenza necessaria per operazioni di video e photo editing.

L’asta del giovane Superman, la carrozzeria di Wonder Woman e i giochi nel fienile: il grande malinteso Parte 2 – MenteCritica continua da quiParte 2: il Paradosso dell’asta del Fienile, ovvero come nuocere gravemente al paradigma dominante Questo è il tipico “paradosso da Relatività” in cui le cose sembrano apparentemente assurde ma, con coerenza e una applicazione cosciente della teoria di Einstein, si trova la semplice soluzione al problema (e quindi alla fine non è un paradosso propriamente detto). Il “Paradosso dell’asta nel fienile” (o della pertica o, per anglofili e Wiki-dipendenti, della scala) riguarda le lunghezze ed è meno diffuso del famigerato “Paradosso dei gemelli” riguardante invece i tempi relativistici (e che va risolto a sorpresa con l’aiuto della Relatività Generale quindi non ne potremo parlare qui).

Il coronavirus per fare matematica a scuola Positivo, perché ha mostrato a un pubblico molto vasto che la matematica è uno strumento decisivo per il monitoraggio e per la gestione di una situazione d'emergenza come quella che stiamo vivendo: ciò ha contribuito a togliere alla matematica quell'aura di disciplina astrusa e priva di applicazioni pratiche. Negativo, perché esiste il rischio che questioni molto complesse e delicate vengano banalizzate e trattate con superficialità. Per quanto mi riguarda, come divulgatore e ancor più come docente, mi sono accorto di alcuni fatti molto interessanti. Per prima cosa, gli argomenti matematici che in queste settimane sono stati toccati nel dibattito pubblico relativo alla pandemia di COVID-19, sono molto variegati, spaziando dalle funzioni esponenziali alle equazioni differenziali, dalle percentuali alla statistica, e così via. Numeri naturali e numeri interi Usiamo i numeri naturali soprattutto per contare, ovviamente.

La matematica delle epidemie (parte seconda) Nella prima parte di questo post abbiamo fatto la conoscenza dei modelli SIR per lo studio delle epidemie. L'idea di fondo è molto semplice: la popolazione viene suddivisa tra suscettibili (S), cioè individui sani che potrebbero contrarre la malattia, infettivi (I) che si sono ammalati e sono quindi veicolo della malattia, e "recovered" (R), cioè individui che sono "usciti di scena" perché guariti oppure deceduti o ancora messi in isolamento. I due scienziati Kermack-McKendrick scoprirono che, sotto alcune ipotesi semplificative, gli individui possono passare soltanto dalla classe S alla classe I oppure dalla classe I alla classe R. La sfida è capire come avvengano questi passaggi, cioè come possano variare nel tempo le numerosità delle tre classi epidemiologiche: in altre parole descrivere l'andamento delle funzioni S(t), I(t) ed R(t). Per riuscire nell'intento, dobbiamo pagare un piccolo prezzo: introdurre un po' di matematica nella nostra discussione. Se ora definiamo

Quiz relativistico della macchina e del garage ** Siamo ormai d’estate e, come al solito, il numero di lettori diminuisce fisiologicamente. In queste condizioni, mi dispiace impostare argomenti nuovi che facilmente verrebbero persi, malgrado l’archivio e l’aiuto di Scherzy. Preferisco, perciò, dedicarmi al “ripasso” e appoggiarmi a quiz di diversa difficoltà, che sembrano essere sempre tra i più seguiti. I quiz mi stanno accompagnando nello studio dei giochi di prestigio della luce, che sembra farsi beffe sia della relatività ristretta sia della visione “normale” delle cose.

ProfCantone - 5B - MATEMATICA ↓bottom↓ profili GeoGebra 5B (link) elenco di possibili domande di teoria (pdf) VERSO L'ESAME di STATO: Zanichelli MATutor (link)

Related:  risullySök uppsatser, vetenskapliga artiklar och böckerEncyclopediasOpen Digital LibrariesLife Long LearningBibliothèques VirtuellesDatabaseHistory & PoliticsFrançaisforskerspirerReferencesPhotoReferenceLibrary Links/TWBK - HistoriaLecture