background preloader

Altro

Facebook Twitter

#TwiFavola: una scuola primaria gioca con Rodari in 140 caratteri. Di Agnese Addone Maestra presso l’Istituto Comprensivo Alfieri – Lante della Rovere di Roma Quando il gruppo della Twitteratura (@TwLetteratura, @TwiFavola, @piervaccaneo, @GiRodari, @TorinoAnni10) ha deciso di lanciare #TwiFavola il progetto di riscrittura delle Favole al telefono di Gianni Rodari, ho pensato: è ora, si parte.

#TwiFavola: una scuola primaria gioca con Rodari in 140 caratteri

Aspettavo un’ottima scusa per portare anche la mia classe, una quarta primaria, ad avvicinarsi al mondo dei social network. Da 15 anni a scuola mi piace sperimentare nuove modalità di collegare la tecnologia alla didattica. Progetto - WeTurtle. Quando nella scuola si sgonfia la bolla digitale... Premetto: sono un presuntuoso e su certe cose non ritengo vada la pena di ragionarci più di tanto.

Quando nella scuola si sgonfia la bolla digitale...

Cioè, se si hanno idee e progetti e si vogliono portare avanti, non si può passare metà del tempo a confutare le sciocchezze altrui. Così, quando intravedo in Facebook parole di insegnanti sul probabile sostanziale fallimento del PNSD, non vado a leggere la sfilza lunghissima di commenti, ma suppongo che la sigla (grandi cose le sigle, e la mia preferita attraverso i decenni resta MinCulPop!) Per esteso si riferisca al Piano Nazionale per la Scuola Digitale e così, non senza un sorriso di soddisfazione, sono qui a fare alcune considerazioni. Propositi Tecnologici per il 2017. Giochi Didattici Archivi - Italia4all - Scuola. Chi Siamo - GRIMPO! Grimpo!

Chi Siamo - GRIMPO!

(parola che in esperanto indica la salita, il crescere) è una società di consulenza strategica fondata da tre professionisti che da molti anni si occupano di non profit, formazione, comunicazione, ricerca fondi e progettazione su bandi. Grimpo! Nasce con l’intento di unire competenze ed esperienze per dare vita ad una nuova attività di consulenza strategica caratterizzata dalla capacità di muoversi a cavallo tra il profit ed il no profit, unendo cioè l’attività di marketing e promozione aziendale attraverso apposite digital strategies, all’attività di fundraising per il terzo settore, riconoscendo nella sua declinazione digitale un quid fondamentale oltre che un plus di valore irrinunciabile.

Il nostro team, che annovera anche diversi collaboratori, crede fortemente nel lavoro di gruppo, nella condivisione delle conoscenze e nel valore delle competenze. Uscire dal recinto è un’abitudine che ci piace coltivare! Il bambino e lo smartphone. Di Alessandro MastromarinoRichiamando una piacevole serie di analogie di Andew Piper, nel suo Il libro era lì, anche io apro questa parentesi sulla relazione bambino smartphone/tablet con un richiamo alla mia vita famigliare.

Il bambino e lo smartphone

Prima di diventare padre pensavo che un eventuale figlio non avrebbe mai e poi mai toccato il telefono o il tablet almeno fino ai 6 anni, e non mi potevo sbagliare così tanto. La sera, quando la mia piccola non si vuole mai addormentare abbiamo un momento tutto nostro, a volte fatto di favole per quanto riesca già a capirle, a volte fatto di video (opportunamente scelti) che la accompagnano verso il sonno. Questa riflessione viene a seguito dell’incontro al Goethe Institute di Roma, tenuto da Ilaria Tontardini, membro dell’associazione culturale Hamelin e tutor didattico alla Scuola di Psicologia e Scienza della Formazione di Bologna, dal titolo “Dal libro alla app.

Il Monologo di Paola Cortellesi sul Bullismo da Far Vedere in tutte le Scuole. Sulle parole della canzone “Guerriero” di Marco Mengoni, Paola Cortellesi inizia il monologo sul bullismo: “mi chiamo Giancarlo Catino e credo nell’amicizia”.

Il Monologo di Paola Cortellesi sul Bullismo da Far Vedere in tutte le Scuole

Interpretato durante lo show di “Laura&Paola”, la Cortellesi racconta la storia di questo studente vittima di bullismo durante tutto il suo percorso scolastico, fatto di insulti, offese e violenza fisica. Davvero molto emozionante: è consigliata la riproduzione del video all’interno delle vostre Scuole! Genitori, fate i veri Genitori: insegnate la resilienza ai vostri figli. Ve l... Ads by Partiamo dal primo quesito: CHE COS’È LA RESILIENZA?

Genitori, fate i veri Genitori: insegnate la resilienza ai vostri figli. Ve l...

È, in breve, la capacità di reagire alle difficoltà e alle sfide della vita, trasformandole in opportunità e andando avanti nonostante le delusioni e le frustrazioni. Si tratta di una risorsa indispensabile, insieme all’autostima, per crescere affrontando la vita a testa alta. Una persona dotata di resilienza è una persona più serena. Che cosa è il Design Thinking e come attuarlo in classe (in 6 step) “Essere empatici.

Che cosa è il Design Thinking e come attuarlo in classe (in 6 step)

Cercare di capire a che cosa la gente dia veramente valore. La grande cosa del Design Thinking è che permette alle persone di costruire idee sulle idee degli altri. LIM, questa sconosciuta. – Animatori Digitali - Portale di informazione degli ADAnimatori Digitali – Portale di informazione degli AD. Non tutte le scuole impiegano la LIM, alcune non ne conoscono appieno le potenzialità e la facilità di utilizzo.

LIM, questa sconosciuta. – Animatori Digitali - Portale di informazione degli ADAnimatori Digitali – Portale di informazione degli AD

Ma, soprattutto, cos’è la LIM? Di seguito vi proporremo una piccola guida, un “how-to” per conoscere bene questo strumento che rende la scuola, e le classi, davvero multimediali e digitali. La LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) è una periferica multimediale del computer, ossia uno strumento interattivo con cui è possibile proiettare lo schermo di un pc ed interagire con esso sia con strumenti accessori (quali pennarelli proprietari o non) sia utilizzando le dita, in base ovviamente al modello di LIM che si acquista. Oggi le tecnologie si sono spinte oltre, presentando sul mercato proiettori a focale ultra corta, che permettono la proiezione di un’immagine e l’interazione con essa senza l’ausilio di una lavagna LIM.

Corso di autoformazione sulle competenze digitali. Blendspace è un'applicazione web che consente di creare lezioni in modo semplice e in breve tempo, raccogliendo e organizzando risorse in uno spazio virtuale e condividendole con i propri studenti.

Corso di autoformazione sulle competenze digitali

L'idea di base è molto semplice: l'insegnante svolge un lavoro di ricerca e selezione di risorse multimediali sul web, individuando quelle che possono essere utilizzate per sviluppare la propria lezione. Tali risorse vengono poi organizzate con gli strumenti messi a disposizione da Blendspace. Terminato questo lavoro la lezione è pronta e può essere condivisa con la propria classe. Le risorse necessarie alla realizzazione della lezione possono essere caricate dal docente dal proprio pc (upload). Regolamento-accesso-Rete-e-Wifi_2015_10_20. Impara il Marketing Digitale - Corso Online Gratuito Google. LearningApps: in 3 minuti.