background preloader

Francesi

Facebook Twitter

Perché vedere la mostra di Jean-Paul Goude a Milano. “So Far So Goude” è una mostra dedicata al fotografo, disegnatore e regista francese Jean-Paul Goude, in corso al PAC di Milano fino al 19 giugno: raccoglie 230 schizzi, fotografie e servizi pubblicitari realizzati da Goude per importanti stilisti e riviste internazionali, oltre che i famosissimi ritratti della modella e cantante Grace Jones, che Goude trasformò in un’icona dell’immaginario pop.

Perché vedere la mostra di Jean-Paul Goude a Milano

Lo stile di Goude è molto riconoscibile: colori accesi, cut-up (la pratica di tagliare le fotografie e ricomporle), esaltazione di corpi nudi e sensuali in immagini al limite della pornografia ma anche piene di senso dell’umorismo, l’accostamento del corpo umano a quello degli animali, il mescolamento dei generi con donne che sembrano uomini e viceversa. La pubblicità di Chanel con Vanessa Paradis Nel novembre del 2015 si è tornato a parlare parecchio di Goude: era l’autore dell’ormai celebre servizio fotografico su Kim Kardashian pubblicato dalla rivista Paper.

La Parigi di Brassaï in mostra a Milano. Dal 20 marzo al 28 giugno saranno in mostra a Milano, al Palazzo Morando, oltre 260 fotografie di Brassaï, pseudonimo di Gyula Halász, scrittore, cineasta e fotografo ungherese naturalizzato francese, morto nel 1984.

La Parigi di Brassaï in mostra a Milano

Brassai e Parigi: una storia d’amore in mostra. Questa è la storia d’amore tra un fotografo e la città in cui visse per molti anni.

Brassai e Parigi: una storia d’amore in mostra

Brassai, fotografo ungherese naturalizzato francese, si trasferì molto giovane a Parigi, dove partecipò al clima di fervore artistico e intellettuale che nel primo dopoguerra era fiorito attorno al quartiere di Montparnasse. Amico di scrittori e poeti quali Jacques Prevert e Henry Miller, fece di Parigi il soggetto esclusivo delle sue fotografie. Soprattutto la ritrasse di notte e sotto la pioggia; immortalò coppie borghesi all’uscita dal teatro, bambini divertiti con i giocattoli di una volta, individui solitari sul lungo Senna, ballerine dietro le quinte del Moulin Rouge. Nel 1933 raccolse per la prima volta i suoi lavori nel libro Paris de nuit, che riscosse successo a tal punto da valergli il titolo di “the eye of Paris“. Le esilaranti fotografie vintage di René Maltête. Precursore della street photography, il fotografo francese René Maltête (1930 – 2000) ha catturato le scene più insolite di vita quotidiana di persone (e non solo) che incontrava per caso durante le sue passeggiate.

Le esilaranti fotografie vintage di René Maltête

Scattate nel momento giusto, queste immagini ricche di umorismo sono state rispolverate dal figlio Robin Maltête che ne ha fatto una selezione e ce le ha proposte nel suo portfolio. Raymond Cauchetier: the photographer of the French new wave – in pictures. Alain Laboile - French photographer Alain Laboile: Video Interview, Part 1. This is a wonderful, insightful, candid interview — rich with photographic insights, humanity and compassion.

Alain Laboile - French photographer Alain Laboile: Video Interview, Part 1

French photographer Alain Laboile is a self-taught master of intimate photography, focusing on his own family. He photographs the freedoms of childhood among six siblings "at the edge of the world" in rural France. We express our gratitude to Alain Laboile and his family for their generosity, wisdom, joy and hospitality. To see more of his amazing photographs, see these feature articles in LensCulture: L’Europa dei non-luoghi. Nelle foto di Jean-Marc Caracci - Sky Arte - Sky. Trentuno capitali, da Dublino ad Atene, per raccontare in forma di immagini l’Europa contemporanea.

L’Europa dei non-luoghi. Nelle foto di Jean-Marc Caracci - Sky Arte - Sky

Ma lontano dagli stereotipi, con la metafisica surreale delle fotografie che Jean-Marc Caracci espone in queste settimane in Polonia. Le 15 fotografie più famose di Robert Doisneau. Robert Doisneau, anniversario, fotografia, Parigi, Bacio, Senna, Bianco e nero, “Certi giorni basta il semplice fatto di esistere per essere felici.

Le 15 fotografie più famose di Robert Doisneau

Ci si sente leggeri leggeri, ci si sente fatalmente ricchi che viene voglia di condividere con qualcuno una gioia troppo grande. Il ricordo di quei momenti è il mio bene più prezioso. Forse perché sono così rari .Un centesimo di secondo qui , un altro là, sommati insieme non saranno che due o tre secondi rubati all’eternità” Robert Doisneau MILANO – Il primo aprile del 1994 moriva il fotografo tra i più noti e amati del panorama mondiale: Robert Doisneau. PARIGI MON AMOUR - La sua è una Parigi umanista e generosa ma anche sublime che si rivela nella nudità del quotidiano; nessuno meglio di lui si avvicina e fissa nell’istante della fotografia gli uomini nella loro verità quotidiana, qualche volta reinventata. Nel giorno della ricorrenza della sua morte, vi proponiamo una piccola selezione dei suo indimenticabili scatti. JeanYves Lemoigne photographer. Il libro più completo su Robert Doisneau.

La casa editrice Taschen ha pubblicato una monografia dedicata al fotografo francese Robert Doisneau – uno dei più popolari e amati del Novecento – curata da Jean Claude Gautrand, tra i più importanti esperti francesi di fotografia, a sua volta fotografo e amico di Doisneau.

Il libro più completo su Robert Doisneau

Il libro raccoglie oltre 400 immagini ed è il più esaustivo pubblicato finora sull’artista: comprende le sue fotografie più famose, come Il bacio all’Hotel de Ville, e composizioni meno conosciute, a volte inedite, che raccontano semplici gesti e scene di vita quotidiana. Le immagini sono accompagnate da citazioni del fotografo, mentre la prefazione è stata scritta dalle figlie, Francine Deroudille e Annette Doisneau.

Il libro è distribuito in Italia nell’edizione multilingue italiano, spagnolo, portoghese. Insieme a Henri Cartier-Bresson, Doisneau è stato un pioniere del fotogiornalismo ed è diventato famoso negli anni soprattutto per le foto scattate in strada.

Cartier-Bresson