background preloader

900

Facebook Twitter

(Contro?)cultura in Urss: un’intervista sugli anni ’80    – Aiso Italia. Di Marco Gabbas Marco Gabbas è un nuovo socio di AISO.

(Contro?)cultura in Urss: un’intervista sugli anni ’80    – Aiso Italia

Sta concludendo un dottorato all’università statale di Milano con una ricerca sull’influenza del maoismo e del comunismo cinese nella sinistra italiana tra il 1949 e il 1976; vive a Budapest, dove ha frequentato il master alla Central European University tra il 2015 e il 2017. Si presenta a noi con questo articolo, nato come tesina per un corso su Controculture nel socialismo di stato fra il 1960 e il 1990, tenuto dai professori ungheresi Balázs Trencsényi e Gábor Klaniczay. È un bel regalo, che ci fa piacere condividere con tutti i soci e i “visitatori”. In vari paesi socialisti dell’Europa orientale ci furono diversi tipi di controculture nell’arco di tempo dal 1960 al 1990. BBC Four - The Joy of Stats, Hans Rosling's 200 countries, 200 years, 4 minutes. Breve storia del colonialismo italiano. Nelle ultime settimane è tornata di attualità una questione che ciclicamente riaffiora nel dibattito pubblico italiano: come giudicare l’eredità culturale di Indro Montanelli, che fu non soltanto un famoso e popolare giornalista, ma anche un difensore dell’Impero coloniale costruito dall’Italia tra la fine dell’Ottocento e la Prima guerra mondiale, oltre che un entusiasta partecipante all’ultimo conflitto di quell’avventura.

Breve storia del colonialismo italiano

Il dibattito si è concentrato su un episodio in particolare, raccontato da Montanelli in più di un’occasione: il suo acquisto e il successivo “matrimonio” con una giovane etiope di 12 anni. Ma la questione coloniale va ben oltre il giudizio sui comportamenti di Montanelli. Risultati di ricerca per nazionalismo. “L’Occidente non è il centro di nulla” Intervista ad Ashis Nandy, studioso della “decolonizzazione” indiana e critico delle politiche americane ed europee ostili agli immigrati GIANCARLO BOSETTI Rep 11/10/2016 Ashis Nandy vede venditori di nazionalismo far danni in tutto il mondo, compresa la sua India.

Risultati di ricerca per nazionalismo

Risultati di ricerca per kershaw. Dietro la riverita icona di un Kafka santo e nevrotico Interviste.

Risultati di ricerca per kershaw

Incontro con Reiner Stach, che per per vent’anni ha raccolto i materiali per la sua trilogia sull’autore del «Castello»Luca Crescenzi Manifesto Alias Domenica 16.4.2017, 16:13 Lebenswerk, come tanti altri composti tedeschi, è un’espressione dalle molteplici sfumature. È usata, di solito, per descrivere l’insieme delle opere di un autore o anche il singolo capolavoro al quale ha lavorato per gran parte della sua vita, come il Faust di Goethe o I promessi sposi di Manzoni. Risultati di ricerca per kershaw. Perché l'Europa? Ascesa e declino del primato europeo tra Otto e Novecento. L’eurocentrismo La presentazione di questa summer school afferma che in ambito scolastico l’Europa non è mai stata una «questione sensibile», rimanendo lo «”sfondo naturale” e quasi ovvio» di grandi temi come la rivoluzione francese, l’industrializzazione e la colonizzazione.

Perché l'Europa? Ascesa e declino del primato europeo tra Otto e Novecento

È inutile dire che concordo, ma con due precisazioni. In primo luogo va tenuto conto del fatto che è naturale per gli studenti stabilire con il mondo esterno un rapporto mentale che li pone al centro della scena. Da qui, come in un sistema di cerchi concentrici, è pure naturale che prendano le mosse dal loro paese e dal loro continente, lasciando sullo sfondo le altre aree del globo.

In secondo luogo è ovvio che nella didattica della storia tali visioni debbano essere relativizzate, assumendo un punto di vista globale. I nazionalismi in Europa. Indicazioni didattiche La questione nazionale e la storia del nazionalismo in Europa sono temi centrali nella programmazione della disciplina storica per le classi quarte e quinte della Scuola secondaria di secondo grado.

I nazionalismi in Europa

Gli stati nazionali, così come si configurano oggi nell’Europa contemporanea, si strutturano tra la fine del Settecento e la fine della Prima guerra mondiale. Peraltro le due guerre mondiali rappresentano l’esito drammatico delle contraddizioni insite nella storia del nazionalismo, termine complesso per descrivere sia l’ideologia dello stato nazionale, sia quel processo politico che prepara e legittima la formazione dello stato nazionale.

La decolonizzazione del Mediterraneo: una chiave per capire il presente.

Colonialismo italiano

Colonialismo tedesco: una mostra sul passato e sul presente, in questi giorni a Berlino. – Ascari e Schiavoni. Di Alessandro Casellato.

Colonialismo tedesco: una mostra sul passato e sul presente, in questi giorni a Berlino. – Ascari e Schiavoni

Per qualche giorno a Berlino durante il Capodanno, ho visitato la mostra sul colonialismo tedesco allestita presso il Deutsches Historisches Museum. L’esperienza coloniale tedesca è durata solo trentacinque anni: cominciata nel 1884, poco più un decennio dopo il raggiungimento dell’unità nazionale, si è conclusa nel 1919, quando a seguito della sconfitta nella Prima guerra mondiale la Germania fu privata delle sue colonie in Africa (corrispondenti agli attuali Togo, Camerun, Namibia, Tanzania, Ruanda e Burundi) e in varie isole del Pacifico.

Storia introduzione al primo modulo. Storia: i grandi imperi coloniali seconda parte at DuckDuckGo. Ignore this box please.

Storia: i grandi imperi coloniali seconda parte at DuckDuckGo

DuckDuckGo Shortcuts to other sites to search off DuckDuckGoLearn More Settings. Storia: i grandi imperi coloniali prima parte. Maurizio Gusso, “Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative. Un esempio: lo studio del Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione”: relazione (28 agosto 2018) nella XXIV Scuola Estiva di Ar. | lug 1st, 2019 | By maurizio | Category: Media e storia Maurizio Gusso, Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative.

Maurizio Gusso, “Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative. Un esempio: lo studio del Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione”: relazione (28 agosto 2018) nella XXIV Scuola Estiva di Ar

Un esempio: lo studio del Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione: versione riveduta e corretta del 1° luglio 2019 della presentazione in PowerPoint della relazione (28 agosto 2018) nella XXIV Scuola Estiva di Arcevia - Corso di formazione per insegnanti di storia Rendere affascinante e formativa la storia generale (Arcevia, 28-31 agosto 2018), promosso da ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Arcevia (AN), Clio ’92, Comune di Arcevia (AN), Giunti Scuola (Firenze), Istituto Comprensivo di Arcevia con Sezioni associate di Montecarotto e Serra de’ Conti (Arcevia) – CAD (Centro Audiovisivi Distrettuale), Mariotti Costruzioni S.r.l. (Arcevia) e Rete “Le Marche fanno storie” - Presentazione in PowerPoint - Presentazione e programma del Corso di formazione.

Maurizio Gusso, “Una proposta di repertorio per la storia del Novecento” (27 aprile 2019) - storieinrete.org. | mag 10th, 2019 | By maurizio | Category: Metodi e strumenti Maurizio Gusso, Una proposta di repertorio per la storia del Novecento (27 aprile 2019), seconda versione della presentazione in PowerPoint della relazione (23 marzo 2019) al Convegno nazionale Prendiamoci cura delle conoscenze (Imperial Beach Hotel, Rimini, 23-24 marzo 2019), promosso da Clio ’92 - Presentazione in PowerPoint - Programma del Convegno nazionale del 23-24 marzo 2019.

Maurizio Gusso, “Una proposta di repertorio per la storia del Novecento” (27 aprile 2019) - storieinrete.org

Maurizio Gusso, “Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative. Due esempi: lo studio del Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione; il ‘lungo Sessantotto internazionale’” (2 luglio 2019) - s. | lug 2nd, 2019 | By maurizio | Category: Media e storia Maurizio Gusso, Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative. Due esempi: lo studio del Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione; il ‘lungo Sessantotto internazionale’ (2 luglio 2019), rielaborazione riveduta e aggiornata della relazione Criteri di selezione e organizzazione sistemica delle conoscenze storiche significative.

. - Testo della versione del 2 luglio 2019 - Presentazione in PowerPoint della relazione. Maurizio Gusso, “Una proposta di repertorio per la storia del Novecento” (27 aprile 2019) - storieinrete.org. “Una proposta di repertorio per la storia del Novecento”, relazione di Maurizio Gusso (ISIS Zenale e Butinone, Treviglio/BG, 29 gennaio 2020) - storieinrete.org. | feb 23rd, 2020 | By maurizio | Category: Metodi e strumenti Una proposta di repertorio per la storia del Novecento, presentazione in PowerPoint della relazione di Maurizio Gusso (ISIS Zenale e Butinone, Treviglio/BG, 29 gennaio 2020), nell’ambito del Percorso Cambiamo questa storia!

(IC Verdellino-Zingonia di Verdellino/BG, ISIS “Zenale e Butinone” di Treviglio/BG e Liceo “Secco Suardo” di Bergamo, dicembre 2019 – maggio 2020), promosso da Associazione Proteo Fare Sapere, Clio ’92 e Rete S:O.S. (Rete Scuola: Offerta Sostenibile) – Treviglio (BG) Articoli correlati: Abstract del Laboratorio “Insegnare il secondo Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione. Un esempio: la storia del ‘Sessantotto’ come ciclo internazionale (metà anni ’50 – anni ’70) di movimenti sociali, politici e culturali. Canzon. | giu 27th, 2019 | By maurizio | Category: Didattica laboratoriale, Media e storia Abstract del Laboratorio Insegnare il secondo Novecento per temi/problemi e processi di grande trasformazione. Un esempio: la storia del ‘Sessantotto’ come ciclo internazionale (metà anni ’50 – anni ’70) di movimenti sociali, politici e culturali. Canzoni, film, letteratura, storiografia, coordinato da Maurizio Gusso (Istituto Comprensivo, Arcevia/AN, 29-30 agosto 2018), nella XXIV Scuola Estiva di Arcevia - Corso di formazione per insegnanti di storia Rendere affascinante e formativa la storia generale (Arcevia, 28-31 agosto 2018), promosso da ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Arcevia (AN), Clio ’92, Comune di Arcevia (AN), Giunti Scuola (Firenze), Istituto Comprensivo di Arcevia con Sezioni associate di Montecarotto e Serra de’ Conti (Arcevia) – CAD (Centro Audiovisivi Distrettuale), Mariotti Costruzioni S.r.l.

(Arcevia) e Rete “Le Marche fanno storie” - Abstract del Laboratorio. Maurizio Gusso, “Le migrazioni internazionali nel ’900: persistenze di lunga durata e processi di grande trasformazione” (Arcevia/AN, 28 agosto 2019): presentazione in PowerPoint - storieinrete.org. | mar 22nd, 2020 | By maurizio | Category: Metodi e strumenti Maurizio Gusso, Le migrazioni internazionali nel ’900: persistenze di lunga durata e processi di grande trasformazione (Chiesa di San Francesco, Arcevia/AN, 28 agosto 2019): presentazione in PowerPoint della relazione nel Corso di formazione per insegnanti di storia Prendiamoci cura delle conoscenze storiche per formare cittadini competenti (Chiesa di San Francesco e Istituto Comprensivo di Arcevia/Montecarotto/Serra de’Conti/AN, Arcevia/AN, 27-30 agosto 2019), XXV Scuola Estiva di Arcevia, in memoria di Volfango Santinelli e promosso da ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Arcevia (AN), Clio ’92, Comune di Arcevia (AN), Istituto Comprensivo di Arcevia con Sezioni associate di Montecarotto e Serra de’ Conti (Arcevia) – CAD (Centro Audiovisivi Distrettuale), Mariotti Costruzioni S.r.l.

(Arcevia) e Rete “Le Marche fanno storie” Articoli correlati: Dal gorilla ammaestrato alla società 5.0. Abstract Il percorso degli studenti di alcune quarte e quinte classi del Liceo Scientifico “A:Scacchi” di Bari è partito dagli scritti di Antonio Gramsci per rispondere ad una sfida: possiamo leggere il presente “con le lenti di Gramsci”? La scelta del tema: l’analisi del Quaderno 22 Americanismo e fordismo è stata finalizzata a comprendere se la condizione del lavoratore nel mondo post-fordista sia sostanzialmente mutata.

Il dossier dei documenti, le fasi del lavoro, l’elaborazione collettiva del video prodotto, hanno evidenziato come la frase “gorilla ammaestrato” appare ancora adeguata al mondo del lavoro proiettato verso la robotizzazione. Alla ricerca dell'identità europea. Strumenti concettuali, storia e un dossier didattico. I grandi errori della storia - L' incidente di Chernobyl.

Fascismo

WW2. Shoah. Passato e Presente - S2019/20 - Il martedì nero di Wall Street - Video. La storia della lattina. È successo un '68. Laboratorio di didattica controversiale. Che colpa abbiamo noi.