background preloader

Consorzio di bonifica - 1D

Facebook Twitter

Agricoltura biologica. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. L'agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che considera l'intero ecosistema agricolo, sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati, vuole promuovere la biodiversità dell'ambiente in cui opera e limita o esclude l'utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (OGM). Definizione[modifica | modifica wikitesto] La parola "biologica" presente in agricoltura biologica è in realtà un termine improprio: l'attività agricola, biologica o convenzionale, verte sempre su un processo di natura biologica attuato da un organismo vegetale, animale o microbico.

I principali obiettivi dell'agricoltura biologica così come sono stati definiti dall'International Federation of Organic Agricolture (I.F.O.A.M.) sono[1]: Teoria[modifica | modifica wikitesto] Legislazione[modifica | modifica wikitesto] Nel giugno del 2007 è stato adottato un nuovo regolamento CE per l'agricoltura biologica, Reg. Le multinazionali contro il cibo biologico. Spiegazione del video. Tecnologie di bonifica e riqualificazione ambientale in linea con i principi della green economy — Enea.

L’efficienza energetica e le fonti di energia rinnovabile per la bonifica e la riqualificazione dei siti industriali Sergio Cappucci, Andrea Carloni e Massimo Maffucci (download pdf) Introduzione La terra ha risorse naturali limitate e la maggior parte dei paesi industrializzati nell’ultimo secolo ha sfruttato il patrimonio ambientale oltre ogni livello accettabile di sostenibilità. Le ragioni di tale depauperamento sono riconducibili allo sviluppo demografico, all’innalzamento dell’età media alle abitudini della popolazione poco attenta all’etica dei consumi, anche se negli ultimi trenta anni si è acquisita molta più consapevolezza rispetto all’impatto delle attività produttive, che non sempre hanno tenuto in debito conto l’effetto di fattori quali il consumo energetico, delle materie prime e dei prodotti, il fabbisogno infrastrutturale, e l’aumento delle emissioni di inquinanti.

Figura 1 - Una discarica di “fanghi rossi”, scarto di lavorazione della Bauxite per la produzione di Allumina. Aspetti negativi della Bonifica. Bonifica prima e dopo. Consorzio di Bonifica Veronese. Paludi Bonificate. .:: CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE ::. Consorzio di bonifica. Asbesto. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Fibre di amianto antofillite (immagine SEM ) L' asbesto (o amianto ) è un insieme di minerali del gruppo degli inosilicati , appartenente alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli . Tipi [ modifica ] I minerali classificati dalla normativa italiana come amianti sono: Nocività [ modifica ] Fibre di amianto.

In natura è un materiale molto comune. Divieto d'uso in Italia [ modifica ] La produzione e lavorazione dell'amianto è fuori legge in Italia dal 1992 , ma non la vendita [10] . In seguito alla normativa indicata, nel 1995 venne stabilita una procedura amministrativa che vedeva coinvolto l' INAIL per l'accertamento dei presupposti di legge per il riconoscimento dei predetti benefici previdenziali. Valori limite [ modifica ] Valori limite previsti dalla legislazione italiana per gli ambienti di lavoro.

Valori limite previsti dalla legislazione italiana in interventi di bonifica [12] . Dispositivi di protezione individuale [ modifica ] La Bonifica Idraulica. La storia della bonifica, intesa come attività volta a risanare aree paludose, è antica e complessa; essa si snoda attraverso i secoli intrecciandosi con quella socio-economica del paese, diventandone spesso l'elemento principale. Nel mondo tra i primi tentativi di bonificare terreni paludosi, quello olandese, iniziato nel XIII secolo, merita particolare rilevanza per la sua vastità. In Italia i primi tentativi di bonifica di cui si è a conoscenza risalgono a Giulio Cesare e furono più volte riavviati in età imperiale romana; dal medioevo fino all'età moderna furono ripetuti da alcuni pontefici (Bonifacio VII, Leone X, Sisto V, Pio VI).

La nascita della bonifica in Italia trova motivazioni di ordine principalmente civile per rispondere alle esigenze sanitarie e di sicurezza idrogeologica del paese. Fino al secolo scorso la bonifica veniva intesa come attività volta al recupero di paludi e acquitrini. 1582.gif (Immagine GIF, 250x200 pixel) Bonifica dei suoli. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. La bonifica del suolo contaminato è una materia molto attuale ed in continua evoluzione. Si occupa dei metodi di pulizia di terreni contaminati e delle acque sotterranee dalle più diverse sostanze. Sostanze soprattutto in fase liquida, che versate sui terreni ne alterano le caratteristiche o ne compromettono l'uso. L'obbligo alla bonifica dei siti contaminati è determinato, in Italia, per il responsabile, dal Decreto legislativo 152/2006 e s.m.i; questo decreto ha introdotto la possibilità di valutare la pericolosità dell'inquinamento in un sito contaminato tramite l'analisi di rischio sanitaria.

Si definisce, infatti, sulla scorta di quanto stabilito dal succitato decreto, sito contaminato (e quindi da bonificare) il sito nel quale i valori della concentrazione delle sostanze contaminanti (CSC) superino la concentrazione massima ammissibile (CSR) determinato con l'applicazione dell'analisi di rischio sito specifica. DEFINIZIONE DA TRECCANI. DEFINIZIONE DA WIKIPEDIA.