background preloader

Mrstoppazzini

Facebook Twitter

Story. Contenuti, struttura, stile, principi per la sceneggiatura e per l’arte di scrivere storie. Story è prima di tutto un libro su come si narrano le storie e non si limita a essere valido per quelle ideate per il cinema.

Story. Contenuti, struttura, stile, principi per la sceneggiatura e per l’arte di scrivere storie

Leggendo Story si acquisiscono quella consapevolezza e quelle nozioni necessarie per scrivere un racconto o un romanzo. McKee in questo libro va al di là dei meccanismi essenziali della sceneggiatura. Dall’idea di partenza al manoscritto finale, eleva la scrittura da esercizio intellettuale a emotivo, ci fa comprendere perché lo sceneggiatore non sia un artigiano ma un artista. Story è il manuale necessario per chi sta cercando di vincere la guerra contro i cliché.

Story parla di forma, non di formule. STORY di Robert McKee + SAVE THE CAT! STORY di Robert McKee + COME SI SCRIVE UN ROMANZO di Daniel AlarcónCome si scrive un romanzo, un nuovo manuale dove i consigli di scrittura te li danno fuoriclasse come HARUKI MURAKAMI o MARIO VARGAS LLOSA o STEPHEN KING o JONATHAN LETHEM o PAUL AUSTER. Un assaggio del manuale Se ne dice bene. Le carte di propp. Il manifesto. Il viaggio dell'eroe. Un modello per leggere e generare storie. Il viaggio delleroe. 05 leggere film. What makes a hero? - Matthew Winkler. The Hero Archetype in Literature, Religion, and Popular Culture: (along with a useful PowerPoint presentation teachers can download at this URL: )Maricopa Center for Learning and Instruction (users embark on their own hero's journey): American Masters Lesson from PBS for Teachers on George Lucas, the Power of Myth, and the Hero's Journey: an interactive approach to the Hero's Journey: of course, information about Joseph Campbell's works on the subject, on the Joseph Campbell Foundation site:The Hero With A Thousand Faces Hero's Journey (semi-biographical film): the stories of (a) Odin hanging from the world tree, Yggdrasil, (b) the Buddha seated under the Bodhi Tree, and (c) the crucifixion of Jesus Christ.

What makes a hero? - Matthew Winkler

Do all of these religious episodes follow the pattern of the hero’s journey? Find a comparable story from another continent. Audiodoc, promuovere in Italia la cultura dell’ audio-documentario. È il mezzo di comunicazione di massa che per primo ha fatto il suo ingresso nelle case delle persone: attraverso la radio, infatti, si è potuta sviluppare un’ informazione immediata e accessibile a tutti.

Audiodoc, promuovere in Italia la cultura dell’ audio-documentario

Un’ informazione che ha avuto negli audio documentari un tassello estremamente importante, un tipo di comunicazione che ha permesso approfondimenti di grande pregio ed impatto, ma che negli ultimi anni è stata un po’ messa da parte e si è vista tagliare spazi e risorse. Una situazione critica che ha spinto sei persone a reagire e a dar vita, nel 2006, ad Audiodoc, un’associazione che con caparbietà e professionalità ha deciso di produrre, distribuire e far ascoltare audio documentari. Sul sito di Audiodoc si possono ascoltare e scaricare molti ottimi esempi di giornalismo radiofonico, approfondimenti sociali e storici realizzati con grande cura e attenzione. LSDI ha intervistato Andrea Giuseppini, membro dell’associazione Audiodoc e autore di audio documentari. Rai.tv - Tre soldi. ContentItem-fede2e29-f7da-4b6d-a55f-564f11e2b592.

Internazionale. Il mondo raccontato dagli audiodocumentari - Jonathan Zenti. Da questa settimana il sito di Internazionale apre una sezione dedicata agli audiodocumentari.

Il mondo raccontato dagli audiodocumentari - Jonathan Zenti

La sezione Audio nasce di fatto tre anni fa, quando ho cominciato a collaborare con il festival di Internazionale a Ferrara inserendo tra gli appuntamenti anche uno spazio per l’ascolto puro: la rassegna Mondoascolti, organizzata in collaborazione con l’associazione Audiodoc. In questi anni abbiamo scoperto che l’ascolto ha un binario di narrazione esclusivo, di cui gli altri modi di fare e consumare informazione non dispongono. L’ascolto non ha la velocità di un tweet, non ha l’impatto di un video, non ha l’assertività dell’opinione di un post. Ha però quell’assenza di campo e quel tempo necessario a tirare le fila degli elementi di una storia, a descriverne le relazioni, a esplorarne e spolverarne gli angoli.

Il tempo dell’ascolto ci consente di sbrogliare quei fili e di uscire dall’esperienza uditiva non solo con la matassa in parte ordinata, ma anche con l’inizio di una sciarpa ben fatta.