background preloader

Maestri

Facebook Twitter

Archivio Franco Vimercati. David Bailey - Living Corriere. Helmut Newton, Palazzo Ducale, a cura di Denis Curti e Matthias Harder – mostre di fotografia – Milano Arte Expo. Helmut Newton, mostra a Palazzo Ducale Genova curata da Denis Curti e Matthias Harder Helmut Newton, Palazzo Ducale Genova, a cura di Denis Curti e Matthias Harder – mostre fotografiche.

Helmut Newton, Palazzo Ducale, a cura di Denis Curti e Matthias Harder – mostre di fotografia – Milano Arte Expo

Rubrica I grandi fotografi di Francesco Tadini per Milano Arte Expo – Helmut Newton. Fotografie. Bill Brandt e Francesca Woodman. Un modo di guardare, due fotografie leggermente diverse: si veda un'immagine dal primo libro di Bill Brandt (1904-1983) Perspective of Nudes (1961) e una della serie On Being an Angel (1977) di Francesca Woodman (1958-1981).

Bill Brandt e Francesca Woodman

Foto in interno, un bianco e nero esasperato, profondità di campo accentuata – un primo piano e uno sfondo – macchina orientata diagonalmente rispetto alla stanza in modo da contenere nel mirino l'angolo in cui le pareti si incontrano. In mezzo, quasi vent'anni di differenza, contesti storico-geografici completamente distanti, età e sesso opposti. Per non lavorare esclusivamente su delle coincidenze, si provi ad analizzare ancora una location esterna, come i nudi in spiaggia di Brandt (1979) e i primi nudi all'aperto di Woodman (1976): corpi non adagiati, stesi, quanto immersi e fusi nell'ambiente. Le strade di Hong Kong nelle Fotografie di Fan Ho.

Fra il 1950 e il 1960, il fotografo cinese Fan Ho, ha catturato la vita di strada di Hong Kong.

Le strade di Hong Kong nelle Fotografie di Fan Ho

Le sue fotografie sono state pubblicate nel libro “Ho Fan: Hong Kong Memoir”. Gli scatti permettono di viaggiare nello spazio, raggiungendo un tempo lontano e silenzioso, distante dalla vita frenetica e caotica dell’odierna città. È uno dei fotografi più amati in Asia, i suoi scatti mostrano curiosi punti di vista di una Hong Kong in bianco e nero. Bruce weber photographs richmond’s father/daughter dances. When Bruce Weber walked out the doors of a Richmond, Virginia jail this spring, he felt free.

bruce weber photographs richmond’s father/daughter dances

There to photograph a daddy/daughter dance organized for incarcerated fathers, it was one of those shoots where the emotional stakes were higher than high. Lee Friedlander. Bailey's Stardust - Photographs by David Bailey. As a youth, David Bailey had a very limited vision of his future: "You could become a boxer, a car thief, or maybe a musician".

Bailey's Stardust - Photographs by David Bailey

Herb Ritts, tra star e corpi nudi. La grande fotografia a colori - I pionieri. Lewis Wickes Hine. Il fotoreporte David Douglas Duncan domani compie cento anni. David Douglas Duncan il 23 gennaio compie 100 anni.

Il fotoreporte David Douglas Duncan domani compie cento anni

Noto in tutto il mondo come uno dei più importanti fotoreporter di guerra, al pari di Robert Capa, il fotografo ha immortalato il drammatico mondo della seconda guerra mondiale, della guerra in Corea e in quella del Vietnam. I suoi scatti sono apparsi sulle riviste più famose dell’epoca e la sua serie più nota, dedicata al conflitto vietnamita è stata pubblicata nel libro This is war nel 1951 i cui diritti d’autore sono stati devoluti alle vedove e agli orfani dei marines morti sul campo. The Story of Ansel Adams, Imogen Cunningham and a Pot Plant.

In 1975 I was in California and stopped to visit Ansel Adams in Carmel, but I was way too intimidated to get out a camera and ask him to take his picture.

The Story of Ansel Adams, Imogen Cunningham and a Pot Plant

This was Big Dome himself, and I was only a rank beginner. Me and my friend David Dearden shared some Minor White stories with Ansel, and we were soon on our way.A few days later, I traveled up to San Francisco to photograph Imogen Cunningham. I canyon di Ansel Adams. Irving Penn (USA 1917 – 2009)Fotografare in Digitale. Irving Penn, fratello maggiore del regista cinematografico Arthur Penn, nacque nel 1917 nel New Jersey e studiò presso la Philadelphia Museum School of Industrial Art presso la quale si è laureato nel 1938, studiando sotto Alexey Brodovitch.

Irving Penn (USA 1917 – 2009)Fotografare in Digitale

Ancora durante gli studi, il giovane Penn cominciò a collaborare con la rivista Harper Bazaar che pubblicò parecchie delle sue opere, in particolare disegni ma anche qualche opera pittorica. Diane Arbus: l'occhio dell'altro. Diane Arbus, Self-portrait “Una fotografia è un segreto che parla di un segreto.

Diane Arbus: l'occhio dell'altro

Più essa racconta, meno è possibile conoscere” (Diane Arbus) Diane Arbus. Weegee e la New York di sempre. Pubblicato mercoledì 1 aprile 2015 Dici New York e dici Weegee, una leggenda.

Weegee e la New York di sempre

Il fotografo nato austro-ungarico (vero nome Arthur Fellig) è l’equivalente di quello che nel cinema è stato raccontato in Cotton Club di Francis Ford Coppola o in C’era una volta in America di Sergio Leone. La New York di Weegee, 70 anni dopo. I libri fotografici su New York sono un genere di particolare successo, che mostrino la città nel presente o nel passato, che siano il lavoro di fotografi emergenti o prestigiosi. Tra questi ultimi c’è sicuramente Weegee, il più famoso fotoreporter di cronaca nera nella New York degli anni Trenta e Quaranta del Novecento, che ha ritratto la città in centinaia di scatti: molti saranno pubblicati nella Guida di Weegee a New York, che uscirà il 30 marzo per la casa editrice Prestel. Le immagini, in bianco e nero, mostrano una città con poco traffico, pochi manifesti pubblicitari e molto fascino. La guida di Weegee – che per ora è soltanto in inglese, con il titolo The Weegee Guide to New York: Roaming the City with its Greatest Tabloid Photographer – è divisa in 11 sezioni, ognuna dedicata a un quartiere di New York.

Le celebrità nelle vecchie foto di Julian Wasser. Palladium Photography. Fotografa americana (Philadelphia 1912 – Londra 2012). Allieva di Brodovitch alla New School for Social Research di New York, è stata la prima donna membro della celebre agenzia fotografica Magnum Photos (1957). Questa è conosciuta soprattutto per le fotografie scattate a Marilyn Monroe, tuttavia ha saputo ritrarre persone di provenienza sociale diversa (dai lavoratori nomadi ai capi di Stato) con sguardo onesto e sensibile e con assoluta precisione tecnica. Pioniera del foto-giornalismo, per i suoi reportage Eve. ha vinto il National Book Award (1980) e il Lifetime Achievement Award dall’American Society of Magazine Photographers. Inoltre, è stata eletta Master of Photographer dall’International Centre of Photography di New York (1995) e membro del comitato consultivo del National Museum of Photography, Film & Television (1997, Regno Unito).

La fotografia surreale di Thomas Barbèy. L’arte surreale del fotografo visionario Thomas Barbèy è un esempio di creatività tradizionale ed elaborazione digitale. Cresciuto a Ginevra, ha lavorato per 15 anni a Milano e molti altri in giro per tutto il mondo, durante i quali ha perfezionato la parte tecnica della propria inventiva. Ad oggi, Thomas vive a Las Vegas e lavora esclusivamente in bianco e nero o le sue varianti fra cui il seppia, trasformando magistralmente fotomontaggi incolori in arte surreale.

Una delle sue tecniche include il posizionamento dei negativi analogici in prospettiva, per poi essere fotografati uno sull’altro, oltre ovviamente alle tradizionali elaborazioni digitali con Photoshop. Il risultato è una potente raccolta di opere fantasiose che visualizzano un mondo differente, fatto di protagonisti onirici all’interno di immagini tradizionali. Thomas Barbèy: il fotografo surrealista che reinventa la realtà. Le fotografie di fabbriche di David Lynch. Sam Taylor Wood : biographie. Sam Taylor-Wood est une réalisatrice britannique, photographie, mais également une artiste conceptuelle.

Cet article vous présentera ses débuts au sein d'une famille peu commune, mais également l'ascension de sa carrière et ses différents travaux jusqu'à sa situation actuelle. Portraits of Famous Photographers with Their Iconic Photographs. Photographer Tim Mantoani is the man behind one of the great photo projects and books of our time. Le facce dietro fotografie famosissime. Il fotografo americano Tim Mantoani, che ha lavorato tra gli altri per i marchi Coca-Cola, Oakley e per le riviste Sports Illustrated e Newsweek, ha fotografato 158 fotografi mentre tengono in mano la loro fotografia più famosa, o la loro preferita, e le ha raccolte nel libro Behind Photographs: Archiving Photographic Legends.

L’idea di Mantoani è quella di spiegare che le foto più iconiche della storia non sono capitate per caso, e che dietro ognuna di esse c’è una persona che ha dedicato la sua vita alla fotografia: «Sentivo che c’era questo tipo di vuoto. BEHIND PHOTOGRAPHS. Q&A: Tim Mantoani, San Diego. Tim Mantoani remembers the moment he first held a 35mm camera in his hand and raised it to his eye to take a photograph of his high school counselor. His love of image making drew him to Brooks Institute of Photography, where he specialized in advertising photography. After graduation he became studio manager for renowned photographic educator Dean Collins. He opened his own San Diego studio in 1995. Andreas Gursky Photography. W. Eugene Smith - The Big Book: W. Eugene Smith. Shotguns and sundaes: Gordon Parks's rare photographs of everyday life in the segregated South.

‘A Long Hungry Look’: Forgotten Gordon Parks Photos Document Segregation. BOSTON — In 1950, Gordon Parks was the only African-American photographer working for Life magazine, a rising star who was gaining the power to call his own shots, and he proposed a cover story both highly political and deeply personal: to return to Fort Scott, Kan., the prairie town where he had grown up, to find his 11 classmates in a segregated middle school. DAVID HOCKNEY : PHOTOS / COLLAGES. Robert Mapplethorpe - Mapplethorpe in Paris. If I had been born one hundred or two hundred years ago, I might have been a sculptor, but photography is a very quick way to see, to make a sculpture. —Robert Mapplethorpe In an interview given in 1987, just two years before his death, Mapplethorpe explained that photography in the 1970s was the perfect medium for a fast-paced time.

He did not really choose photography; photography chose him. In many ways, Mapplethorpe was a sculptor at heart, a plastic artist driven by the question of the body and its sexuality and obsessed by the search for perfect form. DAGOART. Sono pochi i fotografi prolifici e stimati come Philippe Halsman, uno tra i migliori del ventesimo secolo. Propaganda: la fotografia irriverente di Martin Parr. Martin Parr's 'Life's a Beach'

GB. England. La fotografia concettuale di John Hilliard. John Hilliard è un fotografo britannico, esponente dell'arte concettuale inglese. John Thomson: il primo fotografo di strada. Ci sono state molte discussioni su chi sia stato il vero “padre” della fotografia “di strada ” . Il francese Eugene Atget ha spesso ottenuto questo titolo, ma le sue fotografie ritraggono principalmente opere architettoniche, mettendo in secondo piano le persone. PHoto Espana - Arissa: Shadow and Photographer. Anonymous Sculptures - Loves by Domus. Inspirations – In a Photoshop Era, Peter Lindbergh’s Timeless Beauty Transcends. Intervista a Sebastião Salgado: natura, Brasile, umanità. E anche fotografia. 10 fotografie di Lewis Hine. I ritratti in bianco e nero di celebrità di Helmut Newton. Ernst Haas: Color Correction.

Herbert List Estate - Galleries. L'événement Henri Cartier-Bresson.

Wenders

Kubrick. Elliot Erwitt. Robert Capa. Cindy Sherman. Jeff Wall. McCurry. LaChapelle. Michael Wolf. Gregory Crewdson. Duane Michals. Vivian Maier. Italiani.