Google +

Facebook Twitter
Da qualche giorno sono entrato in Google+, la nuova creatura del colosso di Mountain View che ha il gravoso compito di riscattare i precedenti modesti risultati nel campo delle proposte social. Premetto subito che non avuto tempo di spaziare molto in un ambiente che, per forza di cose, è ancora relativamente spopolato, se escludiamo gli addetti ai lavori, tuttavia ho ritrovato al suo interno una serie di elementi interessanti. Prima di tutto è notevole il respiro della manovra di Google: prima il pulsante +1, poi Me on the Web che ha favorito la compilazione dei profili personali, ancora la nuova grafica con la sandbox in alto e infine l’apertura (con qualche incertezza) del nuovo strumento. Inoltre questa volta l’interfaccia sembra più semplice, almeno nella gestione delle cerchie di amici, cosa che non si poteva dire del defunto Google Wave e in parte anche di Google Buzz. Google+ e la logica dell’ecosistema « Internet Manager Blog Google+ e la logica dell’ecosistema « Internet Manager Blog
Google’s open invitation for businesses, brands, organisations and education establishments to apply for a dedicated Google+ business profile, may have already attracted over 36,000 signups in one week, The Next Web can reveal. Last week, Google said it was planning to introduce Google+ for businesses before the year is out, allowing brands to create profiles on the site without using workarounds. Businesses were told to hold off on creating consumer profiles as the search giant would begin testing “non-user entities” soon. Over 36,000 businesses may have already signed up for Google+ Over 36,000 businesses may have already signed up for Google+
E sì, sono anche io in quella minoranza eletta che può già provare in anteprima il nuovo Google Plus (o Google+, d’ora in poi G+). Premetto che sono in vacanza, e che sono connesso circa un’ora al giorno, non di più. Ma a volte essere poco connessi ha il vantaggio di farti vedere le cose con un certo distacco. Sapevo di questo progetto da tempo, da quando mi arrivò (grazie a Marco di CommonSense, AKA Piccolo Imprenditore) questo whitepaper (“The Real Life Social Network“) in cui uno dei componenti del team di G+ descriveva il concetto delle differenti reti sociali per ogni individuo, secondo il quale ognuno di noi è più di uno (io sono il blogger qua, sono il papà là, sono l’ex giocatore di basket lì, e l’ex bocconiano laggiù, ecc.) e che sta alla base dei Circles (cioè i sottogruppi in cui suddividi i tuoi amici in G+, Cerchie in italiano, in modo da poter differenziare i contenuti condivisi). Perché questo Google Plus non mi interessa Perché questo Google Plus non mi interessa
Google Plus e la privacy: prime impressioni Google Plus e la privacy: prime impressioni Da due giorni sul Web si parla quasi esclusivamente della notizia del lancio di Plus, il nuovo social network di Google. Dal momento che il servizio è ancora in beta, in tanti (tra cui il sottoscritto) si sono affrettati a procurarsi un invito per provare quello che è stato definito come “l’anti-Facebook”. Ovviamente qui non troverete recensioni o “prove sul campo” di Google+ che prendano in considerazione virtù e vizi del nuovo social network (che, nei prossimi giorni, pubblicherò su LeggiOggi nell’ambito degli approfondimenti dedicati a “Social Networks per avvocati”). Da avvocato, infatti, oltre alle funzionalità ero interessato a leggere i termini del servizio (il passaggio cui, di solito, si riservano pochi secondi cliccando con fede cieca su “Prosegui“); in particolare c’era molta attenzione sulla riservatezza dei dati degli utenti e, in generale, sulle implicazioni in materia di privacy. Privacy e social networks: “relazione complicata”
Google+ (plus) che sarà mai? Un dentifricio di casa Google? (^_^) No, è semplicemente il terzo social network di Mountain View dopo il fallimento di Wave e Buzz. Già da mesi si vociferava di questo ennesimo tentativo ma ho saputo della sua esistenza solo mercoledì 29 giugno. Mi iscrivo per ricevere l’invito. Il giorno successivo, verso le 9:30, ho avuto la fortuna di essere invitato grazie all’amico Andrea, che colgo l’occasione di ringraziarlo ancora! Guida Google Plus. | Michelangelo Giannino. Tanta teoria, ma molta più pratica e confronto. Guida Google Plus. | Michelangelo Giannino. Tanta teoria, ma molta più pratica e confronto.
Google+, Facebook e Twitter a confronto | Il Blog di Stefano Epifani Google+, Facebook e Twitter a confronto | Il Blog di Stefano Epifani Google+ è il tema del momento per chi si occupa di Social Network. In questi giorni sono rimbalzate in rete pagine e pagine di commenti, impressioni, critiche, descrizioni della piattaforma social di Google. Riuscirà a sbaragliare Facebook? Metterà alle strette Twitter?