Giornalismo

Facebook Twitter
Ugo e Giorgio sono due giovani professionisti con un’idea in testa: il giornalismo può diventare impresa partendo dal basso. Circa quattro mesi fa hanno deciso di creare una piattaforma web per far incontrare la domanda e l’offerta di contenuti giornalistici professionali anche al di fuori delle grandi testate tradizionali: un giornalista produce un’inchiesta, ne pubblica un estratto e la mette all’asta sul sito, chi paga meglio e più velocemente ha l’esclusiva su quella notizia e il sito prende il dieci per cento. Si chiama To Report, “riferire, riportare” in inglese ed è solo uno di una serie di progetti che in questo periodo stanno nascendo in Italia per organizzare e rifondare dal basso il mestiere del giornalista, indebolito dalla crisi del settore. Il Ducato online ne ha contati almeno cinque, nati nel giro di pochi mesi: vere e proprie piattaforme che intermediano la domanda e l’offerta, come To Report, o organizzazioni più o meno strutturate di giovani free lance. Le aziende non assumono i giornalisti si fanno impresa | Istitut Le aziende non assumono i giornalisti si fanno impresa | Istitut
Les trucs d'un journaliste pour faire parler de vous dans les mé Contrairement à ce que pensent certains lecteurs, produire un article ne consiste pas uniquement à s’asseoir derrière un ordinateur et à taper ! Je dirais même que l’aspect écriture est presque secondaire par rapport au long parcours qui précède la rédaction. Pour vous aider à mieux comprendre pourquoi l'information que vous proposez à un média est susceptible d'être reprise et sous quelle forme, je vous propose de suivre pas à pas les différentes étapes nécessaires pour aboutir à un article.L’idéeAir du temps, fait novateur, anticipation par rapport à un événement planifié, suggestion d’un attaché de presse, information glanée dans un dîner en ville… Au commencement est toujours l’idée ! Il faut bien sûr qu’elle corresponde à la ligne éditoriale du journal et qu’en plus elle s’insère dans une de ses rubriques.La pré-enquêteCe n’est pas parce qu’on a une idée d’article qu’elle est forcément bonne… Il faut donc la valider. Comment ?

Les trucs d'un journaliste pour faire parler de vous dans les mé

Buoni propositi dell'informazione
La svolta epocale del Giornalismo Partecipativo - AgoraVox Itali
You may have noticed – you could hardly miss it – the blizzard of anniversary stories last month about the fall of Lehman Brothers, an event that helped spark last year's financial meltdown. The coverage reminded me that journalists failed to do their jobs before last year's crisis emerged, and have continued to fail since then. It also reminds me of a few pet peeves about the way traditional journalists operate. So here's a list of 22 things, not in any particular order, that I'd insist upon if I ran a news organization. The new rules of news | Dan Gillmor | Comment is free | guardian

The new rules of news | Dan Gillmor | Comment is free | guardian

Crise dans les médias

Dans les semaines qui viennent, ce blog ne publiera plus beaucoup de nouveaux billets. Il va se mettre en mode "curator". Pour parler concrètement, je vais reprendre d'anciens articles. Crise dans les médias compte 1298 articles. Crise dans les médias
Chacun sent que le Web entre aujourd’hui dans une nouvelle phase de son développement. Les tentatives de synthèse fleurissent, mais ne semblent pas suffire à rendre compte des évolutions en cours. Peut-être sont-elles encore trop vagues? ou déjà trop précises? Cratyle.net

Cratyle.net

Passo le giornate a osservare i comportamenti delle aziende sul web e ho un sentimento ricorrente: la solidarietà. Per coloro che operano nel marketing e nell’ADV e che sono abituati a spot scintillanti girati in 70 mm, Jingle in dolby surround, foto da galleria d’arte, impaginazioni grafiche da museo. Le marche, infatti, sono abituate a comunicare con una perfezione stilistica totale e oggi si ritrovano di punto in bianco immerse in una vasca in continuo fermento dove la gente le chiama col nome sbagliato, fa loro il verso in contro-spot spesso più popolari dell’originale, ne prova i prodotti e ne parla in pubblico (e non sono modelle, ma consumatrici brufolose e sovrappeso). Solidarietà – sincera – perché sento il disagio che provano coloro che sono i detentori del linguaggio della marca. Sento che si chiedono, nei confronti della Rete: devo davvero portare il mio brand lì dentro? E come? Internet e la “vivisezione” dei Brand « Internet P.R. Internet e la “vivisezione” dei Brand « Internet P.R.
Arianna Huffington spiega il futuro dei media | festivaldelgiorn
Arianna Huffington Interview: SOTB 2009 - Technorati Blogging Arianna Huffington Interview: SOTB 2009 - Technorati Blogging Richard Jalichandra: How did you discover blogging? Arianna Huffington: For me it was the excitement of seeing the conversation moving online. I wanted to be a part of that so we started Arianna Online. The key thing was the interactivity.
il mondo visto dal web
festivaldelgiornalismo | Il Cannocchiale blog Vento di speranza: gli ‘amici’ dei giovani giornalisti Tra le tante cose che si potevano dire a favore di noi aspiranti, illusi, giornalisti o “scribacchini”, Gianni Mura ha detto quelle più vere. Provocato da un sarcastico e pungente, ma anche amichevole Smorto (coo-direttore della Repubblica), sulla situazione in Italia delle giovani promesse della “macchina da scrivere”, ha risposto “Se non hai una raccomandazione non vai avanti; puoi essere bravo quanto ti pare ma, qui in Italia, rimani sempre allo stesso punto”. Questa è una realtà che in molti conosciamo e che condividiamo, chi da più anni chi da meno, ma che nessuno hai mai ascoltato seriamente quando è stata esplicata. Non cambieranno le cose le parole di Mura ma, come una brezza estiva, rincuorano in qualche modo: se se ne è reso conto un giornalista come lui, forse ce ne sono altri; e tanto basta per continuare a battere su questa macchina da scrivere digitale. festivaldelgiornalismo | Il Cannocchiale blog
festivaldelgiornalismo | Il Cannocchiale blog
On the iPad On the iPad For years, me and thousands of other techies have been wondering what comes after the Personal Computer as we’ve known it. Yesterday, in Apple’s iPad, we caught a glimpse. If I had to pick one predominant emotion in reaction, it would be “disturbed”. The iPad is an attractive, thoughtfully designed, deeply cynical thing.
Online Writing The five most recent posts. Last week, investor Chris Dixon posed a provocative dichotomy when introducing his employer’s USD $25M investment in Bitcoin service Coinbase: “The press tends to portray Bitcoin as either a speculative bubble or a scheme for supporting criminal activity. In Silicon Valley, by contrast, Bitcoin is generally viewed as a profound technological breakthrough.” Online Writing
Blog Archive » Leggere gratis le prime pagine dei giornali ameri Un blog, un servizio web gratuito e un lettore di ebook e leggere le prime pagine dei giornali americani non è mai stato così facile. Come fare? Semplicissimo! Front Pages è un blog (su Tumblr) che pubblica le prima pagine del New York Times, Washington Post e altri giornali, insieme ai link diretti agli articoli della prima pagina stessa. Iscrivendosi a Instapaper, ogni volta che sei sulla pagina relativa d un articolo, cliccando su un link salvato nei tuoi preferiti (bookmarklet in gergo) lo metti da parte. Quando hai finito vai su Instapaper e ti scarichi il file per il tuo ebook reader, anche in versione Kindle, e il gioco è fatto.
Hi Kids, I received an email on Friday from Paul Sparrow @ Newseum. He requested that reposting of Newseum front page images be discontinued on this tumblr. I will comply to that request, so posting will be halted indefinitely starting tomorrow. Hopefully, we can come to a resolution so that posting can continue here. Front Pages | “All the News That’s Fit without Print”
An Apology To Our Readers On Monday evening I received a phone call from someone I trust who told me that one of our interns had asked for compensation in exchange for a blog post. Specifically, this intern had allegedly asked for a Macbook Air in exchange for a post about a startup. After an investigation we determined that the allegation was true. In fact, on at least one other occasion this intern was almost certainly given a computer in exchange for a post.
Un grazie e un arrivederci... Cari lettori, Mediablog si ferma qui, almeno per il momento. Lascio un giornale straordinario, il Corriere della Sera, dopo otto anni entusiasmanti per una nuova avventura editoriale in Condé Nast. Blog Mediablog di Marco Pratellesi. Corriere Della Sera
FactCheck.it - Chi salva un fatto salva la verità intera Dal blog sergiomaistrello.it, in crossposting. Sta uscendo in questi giorni nelle principali librerie digitali il mio nuovo ebook dedicato al fact checking. Il fact checking non è altro che la verifica puntigliosa dei fatti, un rinforzo al metodo giornalistico, messo a punto negli Stati Uniti intorno al 1920 per migliorare l’accuratezza dei prodotti editoriali e poi progressivamente abbandonato nelle case editrici. Oggi il fact checking torna di attualità grazie alla moltiplicazione di servizi indipendenti specializzati nella verifica delle affermazioni dei politici (come Politifact in America o Pagella Politica in Italia), ma è interessante, e per questo me ne sono appassionato, soprattutto come proposta di metodo diffuso e collaborativo nel fragile ecosistema della rete, frontiera su cui una piattaforma come Factchecking di Fondazione Ahref è all’avanguardia.
iPad, i giornali sono applicazioni
Formati
The Information Divide: The chasm between social and traditional
The Cycle of Breaking News from Social to Traditional to a New H
Piccoli Giornalisti - Il sito degli aspiranti giornalisti
Archivo delle Categorie: Il manifesto di Eretici digitali
What should news apps on the iPad look like? John-Henry Barac on
Peggy Nelson on new media narratives: “Every Twitter account is
Reputation Patterns - Design Pattern Library
Living Stories can reinvent the article
Le conseguenze di iPad sull’editoria: il presente