background preloader

Materie Letterarie e TIC

Facebook Twitter

Generazioni Connesse - Safer Internet Centre Italia - Home. SlideShare - per condividere presentazioni. Generatore di codici QR - Crea qui gratuitamente i tuoi codici QR. La Classe Capovolta - A346 - Google Sheets. Insegnare nell'era digitale. Giuseppe Corsaro. Breve storia di Internet Una timeline realizzata da tutte le alunne e gli alunni della Terza D per celebrare i 30 anni di Internet in Italia.

Giuseppe Corsaro

Clicca sull’immagine sottostante per vederla. #italianinternetday Mi piace: Mi piace Caricamento... Prima Guerra Mondiale Una mia lezione sulla Grande Guerra pubblicata su RaiScuola Rai Scuola – La prima guerra mondiale Una mia lezione creata con BlendSpace Rivoluzione industriale 4.0 Per vedere l’estratto della trasmissione Report sulla nuova rivoluzione industriale in corso. Testo (formato PDF) Così sono diventata un'Insegnante 2.0 e rivoluziono la scuola. Neoassunta, quasi completamente digiuna di didattica digitale, con tanto entusiasmo e desiderio di imparare: questa era due anni fa Vittoria Paradisi, prima di ottenere l’assegnazione in ruolo all’Istituto Comprensivo “G.

Così sono diventata un'Insegnante 2.0 e rivoluziono la scuola

Leopardi” di Saltara. Oggi Vittoria è in possesso del titolo di formatore IET (Innovative Educational Trainers), docente in due classi digitali, collaboratrice del blog Insegnanti 2.0, iscritta all’elenco formatori regionali Marche e con ancora più entusiasmo e desiderio di imparare. Vittoria ci racconta il suo progetto spinto dal “basso” per rivoluzionare la scuola a partire dalle classi digitali. PARTIAMO DALL’INIZIO. Nel luglio 2012 mi presento nell’ufficio del Dirigente scolastico Paolo Olivieri che, nel darmi il benvenuto, mi parla di una sperimentazione interna che sarebbe stata avviata nel nuovo anno scolastico: a Saltara quindi sarebbe partita una classe digitale. I MEZZI. GLI OBIETTIVI. IL SUPPORTO DEGLI ALTRI INSEGNANTI 2.0. Tra BYOD, classi virtuali e classi senza aula: soluzioni innovative per una d...

Di Vittoria Paradisi e Paolo Olivieri I.C.

Tra BYOD, classi virtuali e classi senza aula: soluzioni innovative per una d...

Giacomo Leopardi – Saltara (PU) scarica la versione PDF del lavoro Con il Byod prende il via la “rivoluzione digitale”. Allargare l’ambiente di apprendimento e renderlo più flessibile e maggiormente rispondente alle esigenze di alunni e docenti: questo l’obiettivo primario che ha guidato le scelte operate negli ultimi anni dalla nostra scuola, l’I.c. L’innovazione parte nell’anno scolastico 2012\2013, quando viene introdotto il metodo BYOD (bring your own device, ovvero ogni alunno porta il suo device a scuola) per realizzare il progetto classe digitale con il quale abbiamo inteso utilizzare le tecnologie nella sperimentazione di nuove metodologie di insegnamento/apprendimento anche attraverso la trasformazione dell’ambiente di apprendimento.

Abbiamo iniziato pertanto a puntare ad una didattica che sia davvero nuova ed efficace: laboratoriale, coinvolgente per i ragazzi, stimolante per i docenti. LA DIDATTICA BLENDED: PIATTAFORME E AMBIENTI DI CONDIVISIONE. Do you speak social? Avete mai percepito l’aspetto schizofrenico dei gruppi sui social network?

Do you speak social?

Mi spiego meglio. L’idea è fantastica: ci si confronta e si condivide con centinaia, a volte migliaia di persone tra loro lontanissime, e molti contributi sono interessanti, costruttivi e indispensabili. Ma non siamo tutti uguali! In questi gruppi spesso si trovano post o commenti che fanno sorridere: come chi propone corsi a pagamento senza alcuna referenza, o condivide il proprio fantastico sito dove però nessuno può accedere perché è privato, o chi pretende che in due parole gli si spieghi questa o quella tecnologia o teoria educativa, meglio se la risposta è corredata da risultati statistici completi di curva di Gauss!

Poi ci sono quelli che vogliono fare sempre polemica, quelli che sono contro a prescindere, o quelli che la devono buttare in politica. E allora mi sono chiesta ma perché mai saranno sempre così scarsamente propositivi costoro? Immagine by Edutopia Non esiste una regola unica. Mi piace: Wikimedia Italia - Wikimedia Italia. Risorse utili per insegnanti 2.0 - Jenny Poletti Riz. Internet dipendente, lettrice vorace e onnivora (in fatto di libri) ma vegetariana (in tutto il resto).

Risorse utili per insegnanti 2.0 - Jenny Poletti Riz

Insegnante di lettere per scelta, appassionata, entusiasta. Fondatrice di una web agency. Innamorata del proprio marito, del proprio figlio e della vita. Adoro insegnare e imparare a insegnare sempre meglio; mi piace usare le TIC in classe, ma soprattutto farei qualsiasi cosa per veder scintillare gli occhi dei miei studenti. Per loro ho creato anche un blog: Scrittori di classe. Un forte desiderio di condivisione e l’entusiasmo per le esperienze degli ultimi anni mi hanno portato a diventare formatrice, in particolare sulle TIC nella didattica, ma anche sul Writing e Reading Workshop che ho introdotto per prima in Italia (che io sappia!)

Curriculum e altre risorse. Scuola Aumentata - il miglior blog per insegnanti di lettere e non solo. Contro la discriminazione - Materiali didattici in italiano. Avere una buona reputazione digitale, regola n.1. Ricordate: il web non dimentica - CyberbullismoCyberbullismo. Siamo sicuri di avere una buona reputazione digitale?

Avere una buona reputazione digitale, regola n.1. Ricordate: il web non dimentica - CyberbullismoCyberbullismo

Attenzione, il web non dimentica. Postiamo selfie osè? Pubblichiamo immagini personali compromettenti nei social? Siamo taggati in foto al limite della decenza? Tutto questo potrebbe compromettere il posto di lavoro o lo studio. L’avvertenza è rivolta anche al cyberbullo che crede di essere un vincente e si prende gioco della propria vittima.

A mettere nero su bianco e a spiegare quali sono le conseguenze di una cattiva reputazione digitale, ad ogni modo, è una ricerca shock.