background preloader

Pronuncia italiana

Facebook Twitter

Coppie Minime, italiano

Fonologia della lingua italiana. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fonologia della lingua italiana

Questa voce tratta la fonologia della lingua italiana: si espongono quindi i fonemi, gli allofoni, le varianti libere e le regole fonotattiche della lingua italiana. Il sistema di riferimento è quello dell'italiano standard. Fonemi[modifica | modifica sorgente] L'italiano (nella sua forma standard) prevede i seguenti fonemi. Consonanti[modifica | modifica sorgente] Tutte le consonanti (tranne /z/, /j/ e /w/) possono essere fonologicamente geminate all'interno di parola tra vocali o tra vocale e /l/, /r/, /j/ o /w/. Vocali[modifica | modifica sorgente] Il sistema vocalico della lingua italiana standard comprende sette fonemi /a, ɛ, e, i, ɔ, o, u/. Le vocali poste in sillaba accentata aperta (cioè non seguite da consonante appartenente alla stessa sillaba) sono sempre lunghe, a meno che non si trovino in fine di parola (sciame [ˈʃaː.me]). Prosodia[modifica | modifica sorgente]

ERRORI REGIONALI

Accento. L' italiano corretto si parla con le vocali aperte o chiuse?!? Pronny the pronouncer - Pronny gives you the right pronunciation. Come si pronuncia quella parola? Facile, te lo dice internet... In Italia - organizzato da docenti universitari - e in molti paesi aumentano i siti che suggeriscono come leggere le parole che l'utente segnala.

Come si pronuncia quella parola? Facile, te lo dice internet...

A partire da quel famoso e impronunciabile vulcano islandese... di VLADIMIRO POLCHI ROMA - "Eyjafjallajökul", ricordate? Quel vulcano islandese non offuscò solo la vista a molti piloti d'aereo, ma inceppò anche la lingua a centinaia di giornalisti tv. Tutta colpa di quella parola impossibile. Ma ora arriva l'aiuto dal web. Viaggiando in rete ci si imbatte in Pronny, un nuovo strumento che offre in tempo reale la pronuncia corretta (da parte di madrelingua) di parole ed espressioni di rilevanza internazionale. Anche Forvo.com è un sito web che fornisce clip audio di pronuncia in molte lingue diverse. Su forvo.com pronunce diverse, perché i clip audio sono creati dagli stessi utenti, che possono anche votare su ogni clip, positivamente o negativamente, sulla falsa riga di Wikipedia.

Come si pronuncia? Basta dubbi col Dizionario di Pronuncia! Come si pronuncia per esempio la parola edile?

Come si pronuncia? Basta dubbi col Dizionario di Pronuncia!

L’accento va messo sulla prima e oppure sulla i? Chissà quante volte ve lo siete chiesti, vero? E chissà quante volte avrete optato per la pronuncia sbagliata! Di questa come di tante altre parole… Non allarmatevi: non sono qui per bacchettarvi, ma per aiutarvi. Sulla pronuncia di scervellarsi. Accademia della Crusca. Come si pronuncia? Basta dubbi col Dizionario di Pronuncia! Wikizionario. Come distinguere le vocali aperte da quelle chiuse? Distinzione tra vocali aperte e chiuse. DELLA SERA.it - Forum - Scioglilingua. Vocali aperte e chiuse La signora Vittoria sostiene che è meglio evitare la pignoleria in materia di fonetica, ma credo sia importante sapere che i suoni distinti della e aperta o chiusa corrispondono a due diversi fonemi della lingua italiana, esattamente come sono ben differenti i fonemi della lingua inglese da lei riportati.

DELLA SERA.it - Forum - Scioglilingua

La distinzione propria dell'italiano standard fra le vocali o ed e aperte e chiuse continua in gran parte dell'Italia centrale, non solo in Toscana, ma anche in Umbria, gran parte delle Marche e del Lazio. In tutte queste zone distinguere la pronuncia di pèsca e pésca, botte (o chiusa) e bòtte, ecc. è perfettamente spontaneo e naturale. In realtà, nessun milanese, torinese, sardo o siciliano ha mai pronunciato correttamente queste vocali; la confusione di questi fonemi, influenzata dai vari dialetti locali, non è un fenomeno recente dell'italiano.

Intonazione

Pronuncia ita, dizionari multimediali online. Sorgere treccani. Insorto treccani. Dieta1 in Vocabolario. OMOGRAFIA dètti (da dare) détti (da dire) Imparare a Pronunciare la Lettera "R" Il segreto per pronunciare correttamente la “R” è quello di riuscire a creare la giusta vibrazione.

Imparare a Pronunciare la Lettera "R"

La vibrazione inizia dalla parte posteriore della lingua e si muove in avanti verso la punta come un’onda. Se riesci a pronunciare la parola tedesca “acht” o le consonanti fricative arabe o ebraiche oppure, in ultima analisi, se riesci a schiarirti la gola, allora puoi pronunciare le “R” vibranti. Ciò potrebbe sembrare di non immediata percezione, poiché le “R” vibranti sono piacevoli da ascoltare, mentre le fricative sono abbastanza dure. Come si pronuncia la parola "bene"? Vicere in Vocabolario. Acuto O Grave Accento in “La grammatica italiana. Quando si usa l'aggettivo "edìle" e quando "èdile"? Allo stesso modo, quando "utensìle" e quando "utènsile"? Ci sono varie scuole di pensiero ed ognuna è molto sicura di sé.

Sara Scarabottini Con buona pace delle differenti scuole di pensiero, sulla scorta di grammatiche e dizionari si possono dare risposte di dirimente certezza.

Quando si usa l'aggettivo "edìle" e quando "èdile"? Allo stesso modo, quando "utensìle" e quando "utènsile"? Ci sono varie scuole di pensiero ed ognuna è molto sicura di sé

Nel caso di edile, ci viene in soccorso l'etimologia, ricordandoci il latino aedìlis, parola piana, con l'accento cioè sulla penultima sillaba. Nella Roma antica l'aedilis era il magistrato preposto alla cura degli edifici pubblici e dei templi. "Edìle" o "èdile"? Accento e pronuncia della parola - LINKUAGGIO? Edile o edìle? - Si dice o non si dice? - Corriere.

Pronuncia consonanti

Greci o grechi? Porci o porchi? Plurale delle parole in -co e -go. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Plurale delle parole in -co e -go

Nella grammatica italiana, una particolare problematicità è data delle parole (sostantivi e aggettivi) terminanti in -co e -go, i cui plurali maschili oscillano, per ragioni storiche, tra forme in -ci e in -chi e altre in -gi e in -ghi. La quasi totalità delle grammatiche riportano la seguente regola empirica: La regola - è bene ricordarlo - non ha assolutamente alcun valore prescrittivo: non è, cioè, una regola grammaticale in senso stretto, ma soltanto il sunto di una tendenza generale, riscontrabile nell'evoluzione storica della lingua e, soprattutto, nell'uso dei parlanti. Sembra, inoltre, avere una maggior rispondenza nelle parole piane che in quelle sdrucciole, le quali presentano un maggior numero di "eccezioni", ma anche una serie di sotto regole sempre di natura empirica e comunque non grammaticalmente prescrittive. Origini del fenomeno[modifica | modifica wikitesto] Eccezioni[modifica | modifica wikitesto]

AccademiaAttori.baks

Lezioni Pronuncia - accademia attori.