background preloader

Come gestire una Web Radio con Podomatic

Come gestire una Web Radio con Podomatic

http://www.youtube.com/watch?v=7wwgO7NHlWg

Related:  mfesteggiantesalvatoregiulianoDidattica

software Sappiamo tutti cosa vuol dire software: ma vi siete mai chiesti da dove viene questa parola inglese, così centrale nella tecnologia e nell’economia di oggi, e a quando risale? Lo spiega il suo inventore, il pioniere informatico Paul Niquette, che afferma di averla coniata per scherzo a ottobre del 1953, quando in tutti gli Stati Uniti esistevano soltanto sedici elaboratori elettronici digitali e la parola computer indicava ancora una persona addetta ai calcoli, da effettuare a mano, al massimo con l’aiuto di un regolo calcolatore. All’epoca l’idea di considerare le istruzioni di un programma come un’entità separata rispetto ai componenti fisici del calcolatore e addirittura di poterle trasferire da un calcolatore a un altro era ancora una novità coraggiosa: i programmi, infatti, venivano impostati cambiando fisicamente dei circuiti o dei componenti della macchina.

Riforma sostegno: come si diventa insegnanti, 10 anni prima di chiedere passaggio su cattedra. I contenuti della riforma approvata – Orizzonte Scuola Approvato testo di riforma sostegno. Il nuovo iter di formazione e reclutamento dei futuri docenti di sostegno della scuola secondaria è ormai divenuto realtà con l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, dei decreti attuativi della legge n. 107/2015. Per diventare insegnante di sostegno si dovrà: partecipare al concorso, vincerlo e quindi accedere al percorso FIT. Creare applicazioni a scuola, ecco App Inventor di Andrea Patassini Ogni tanto bisogna mettere mano nella cassetta degli attrezzi per la didattica, è un esercizio utile a capire cosa e come stiamo utilizzando gli strumenti a disposizione, cosa invece possiamo eliminare e cosa, infine, aggiungere. Nel panorama digitale oggi l’offerta è ricchissima, basta provare a curiosare un po’ nel web per trovare cosa può esserci utile. Qualche giorno fa abbiamo parlato di Scratch, ci sono arrivate diverse esperienze e testimonianze interessantissime di chi già lo utilizza. In questo post provo a raccontarvi di un altro strumento scovato in rete che, credo, possa essere applicato a differenti attività didattiche. Parliamo di App Inventor, un software ideato da un gruppo di ricercatori del MIT che grazie al linguaggio di programmazione a blocchi consente di sviluppare applicazioni per smartphone e tablet Android.

Daddy's Car, la prima canzone composta da una intelligenza artificiale Flow Machines è un software di intelligenza artificiale scritto da Sony in grado di comporre autonomamente canzoni a richiesta. Il software ha analizzato oltre 10000 tracce audio di tutti i generi e da tutto il mondo per comprendere la struttura, la melodia, l’armonia e le scale degli accordi, per poi essere in grado di scrivere musica in maniera autonoma in base alle richieste dell’utilizzatore. Nel caso di Daddy’s Car, il compositore (umano) Benoît Carré ha richiesto a Flow Machines di comporre un brano di rock psichedelico in stile Beatles. Il risultato, con l’aggiunta della traccia vocale e dell’arrangiamento da parte di Benoît, è nel video seguente. A quando una AI neomelodica?

mare in Vocabolario - Treccani mare s. m. [lat. mare]. – 1. La parte della superficie terrestre coperta d’acqua (ad eccezione delle acque continentali: laghi, fiumi, ecc.), e quindi, in generale, il complesso delle acque salate che circondano i continenti e le isole, oppure una parte qualsiasi di tale complesso (spesso in contrapp. a terra e cielo): si leva a mille metri sul livello del m.; solcare le ampie distese del m.; animali che abitano negli abissi, nelle profondità del m.; all’orizzonte, l’azzurro del m. si confonde con quello del cielo; aria, vento, brezza di m., che spira dal mare verso terra; le onde, il fragore, il muggito del m.; Infin che ’l mar fu sovra noi richiuso (Dante); noi siamo come il m., che riceve acqua da tutte le parti, e la torna a distribuire a tutti i fiumi (Manzoni); nuotare, tuffarsi nel m., ecc.

Wordseye: tu parli (o scrivi) e il computer te lo mostra - Training Cognitivo Wordseye è uno di quei programmi in grado di far perdere la testa a chi si occupa di linguaggio. Più che descriverlo, è meglio partire con un esempio pratico. Ci registriamo (gratuitamente) alla pagina e iniziamo a scrivere – in inglese – sulla sinistra “Una barca accanto a una casa sul mare”. Il programma genera automaticamente una scena 3d: Programmazione 2014- 2020 156 148K 368Share106 172 3033 ACCESSO A GPU Richiedi/recupera le credenziali di accesso Back to top

I 5 grandi errori sulla tecnologia didattica – Il digitale a scuola – Medium All’indomani della diffusione dei dati OCSE su digitale e scuola, secondo i quali non si erano riscontrati miglioramenti apprezzabili nelle scuole che facevano uso del digitale, avevo scritto un articolo in cui facevo una sintetica rassegna stampa di ciò che era stato detto al riguardo e concludevo con un appello a focalizzare l’attenzione più sulle metodologie che sugli strumenti. Mi era però sfuggito l’interessante articolo “I cinque grandi errori sulla tecnologia didattica e come correggerli” in cui l’autore, Yong Zhao, riprende le argomentazioni di un suo libro dal titolo simile e sintetizza i 5 fondamentali malintesi che fanno vacillare il rapporto tra tecnologia e didattica: 1 La tecnologia non deve sostituire l’insegnante: ci sono cose che le tecnologie possono fare in modo più efficace e che permettono all’insegnante di risparmiare tempo e fatica per dedicarsi a ciò che esse non sono in grado di fare (o comunque non meglio dell’insegnante). Dipende dai tuoi obiettivi didattici.

Related: