background preloader

TES Teach: creare e condividere lezioni multimediali

TES Teach: creare e condividere lezioni multimediali
Geniale per la sua semplicità, fantastico per le diverse opportunità che offre a docenti e studenti, TES Teach è uno strumento per creare lezioni multimediali che vi consiglio di custodire gelosamente tra i vostri bookmarks. Potete accedere con il vostro account Google e creare una vostra classe virtuale a cui sarà assegnato un codice. A quel punto iniziate a generare la prima lezione digitale, indicando il titolo ed cominciando a scegliere i contenuti da aggiungere. Per ogni pagina potete scegliere se utilizzare un editor di testo, inserire un quiz a risposta multipla o integrare tutta una serie di contenuti che gestirete dal pannell di destra. In particolare potrete ricercare ed inserire un video da youtube, operare una ricerca di link o immagini in Google, inserire immagini da Flickr, caricare file da Drive o Dropbox, o dal vostro pc. I docenti potranno ovviamente avere il report di quali e quanti studenti hanno avuto accesso alla lezione e tutti i risultati dei quiz assegnati.

http://www.robertosconocchini.it/flipped-classroom/5650-tes-teach-creare-e-condividere-lezioni-multimediali.html

Related:  EducationFlipped Classroomflipped classroomClassi virtuali

Il coding nella scuola primaria: un'introduzione Il coding nella scuola primaria: un'introduzione Cos'è il coding Le magie dei Micromondi, esperienza didattica di Giusi Landi Il software Micromondi Jr Io sono Pinocchio, esperienza didattica di Patrizia Battegazzore La robotica I Bee-Bot Abitare i luoghi, esperienza didattica di Rodolfo Galati Code.org Zimmer Twist Il tuo amico Dino Sauro, esperienza di Daniela Corallo Digital storytelling: Il riuso del calzino spaiato, esperienza di Caterina Moscetti Scratch Coding = Programmare Raccolta di risorse per la classe capovolta (e non solo) Ho trovato online questa raccolta di risorse 3.0 per la Classe Capovolta e credo possa essere molto utile a prescindere dall'adozione di questa specifica metodologia didattica. Si tratta nello specifico di strumenti per collaborare online e trovate, subito dopo il loro nome, il link, la descrizione, eventuali esempi di utilizzo, guide e tutorial con autore. Le varie risorse sono archiviate in relazione alle seguenti categorie: Creazione di siti web, Piattaforme eLearning, Archiviazione e condivisione di materiale, Archiviazione digitale di link, Presentazioni / Storytelling / Scrittura creativa, Cattura schermo / Video / Tutorial / Videoediting, Linee del tempo, Webquest, Infografiche/Grafici, Pubblicazione di Podcast, Creazione di eBook, Questionari e sondaggi, Creazione di fumetti, Gamification, Avatar e modelli 2D e 3D, fotoritocco, Varie, Mappe mentali e concettuali, Ricerca veloce sito (Codice QRcode), Coding / Programmazione, Apprendimento collaborativo, Libri ed eBook utili.

Flipped classroom in azione: documentazione di una sperimentazione didattica sul campo – BRICKS scarica la versione PDF del lavoro Certamente la “Classe Capovolta” è l’argomento caldo nell’ambito dell’innovazione didattica e, lasciatemelo dire, va di moda. In realtà molti ne parlano ma pochi sanno veramente in cosa consista, o meglio, pochi la mettono veramente in pratica. Da due anni io sto sperimentando questa pratica in un liceo Scientifico del Nord Est, a Pordenone.

“Persone online”, come il web ci ha cambiati negli ultimi 18 anni “Quando nel 1999 è stata pubblicata la prima edizione de la Psicologia di Internet (Raffaello Cortina, 2017, edizione italiana, a cura mia e di Stefano Moriggi) dominavano ancora le librerie di calce e mattoni”, così prende avvio la prefazione alla seconda edizione del volume di Patricia Wallace. Che non si tratti di una seconda edizione, ma di un libro integralmente nuovo lo dimostra, proprio, questo incipit. Dalla fine dello scorso millennio le tecnologie digitali della comunicazione sono, infatti, radicalmente mutate e con loro è cambiato radicalmente il nostro modo di interagire con esse e conseguentemente la nostra vita. In questi diciotto anni, il mondo è divenuto “digitale” e Internet è diffusa ormai quanto la luce elettrica. La psicologia della persona online: libertà di accesso e di critica e narcisismo Per contro e in positivo, chi di noi potrebbe oggi fare a meno di Internet o dei social network anche solo per il proprio lavoro.

EDpuzzle disponibile come app Android per gli studenti Chi utilizza la metodologia dell'insegnamento capovolto conosce ed apprezza EDpuzzle come straordinario strumento per costruire video lezioni con inserimento di test e questo blog ne parlava già tre anni fa. Oggi EDpuzzle si adegua al diffondersi sempre più rapido di dispositivi mobili in ambito didattico e rende disponibile un'app Android con cui gli studenti potranno iscriversi alla propria classe virtuale, trovare le attività assegnate, guardare video e rispondere alle domande inserite all'interno delle video lezioni. Per il momento è stata rileasciata solo l'app lato studente, mentre sembra sia in fase di realizzazione anche quella per gli insegnanti. La stessa app è in grado di gestire più corsi per lo stesso studente. Per scaricare Edpuzzle per Android cliccate qui

La LIM al servizio dell’apprendimento rovesciato Flipped Learning: una “nuova” didattica con le tecnologie digitali – BRICKS scarica la versione PDF del lavoro "I Docenti che aiutano gli studenti diventano a loro volta discenti che possono imparare ad apprendere per loro e per se stessi. " Aaron Sams Se, nella vostra carriera di insegnanti, vi è mai capitato di proporre agli studenti qualcosa da leggere o da studiare prima di averlo spiegato: un argomento sul libro di testo, un esercizio un po’ diverso da quelli proposti, un libro da leggere, o, più recentemente, un approfondimento di un argomento presentato su di un sito, per poi riprenderlo in classe: avete applicato, forse senza saperlo, la flipped classroom. Qualcuno scuoterà la testa in senso di disapprovazione: la flipped classroom è un’altra cosa. Forse è vero, ma bisogna pensare che se la fantasia è senza limiti, i modelli di pensiero, a cui fa riferimento la mente dell’uomo, e la loro strutturazione in forma di immagini, di schemi o modelli è più o meno sempre quella.

Perché è importante includere le competenze informative in rete nel test PISA Finalmente anche l’OCSE si accorge dell’importanza fondamentale delle competenze informative in rete per la scuola e le include nel test PISA, che sarà somministrato agli studenti nel 2018, come “competenza globale”, antitesi del pensiero acritico. È così che il direttore OCSE per le competenze e l’education, Andreas Schleicher, ha affermato che “Le scuole possono fare molto per fornire agli studenti il ​​tipo di capacità cognitiva per accedere e analizzare i significati, la cultura, le pratiche” e che, poiché i social media creano una sorta di “cassa di risonanza” in cui gli utenti ascoltano solo da punti di vista simili al proprio, è essenziale che i giovani abbiano il senso critico necessario per discutere diversi punti di vista e opinioni. Questo significa anche evitare il rischio del “pensiero unico”, mono-culturale, verso un pensiero multi-culturale e multi-religioso.

Nimbus: estensione Chrome, Firefox e Mozilla per registrare Screenshot e Video Screen Diventa sempre più semplice poter registrare e condividere Screenshot o Screen Video. Una delle conferme ci arriva da Nimbus, un' estensione per browser Chorme, Firefox e Mozilla completamente gratuita che permette di catturare tutto quello che state facendo nel vostro pc e registrarlo per creare ad esempio lezioni per la classe capovolta o per realizzare semplici tutorial. Con questo add-on, è possibile catturare lo screenshot di un'intera pagina web o di una parte di essa. Dopo aver prelevato lo screenshot, potrete aggiungere didascalie, caselle di testo, frecce o altre forme.

Terzo webinar gratuito: Capacità di sintesi, strumenti ed attività a scuola Grazia Paladino è docente di scienze e matematica alla scuola secondaria di I grado. Da diversi anni si occupa di formazione nell’ ambito delle tecnologie digitali, di didattica inclusiva e flipped classroom. E’ vicepresidente dell’Associazione Flipnet che si occupa della promozione della didattica capovolta e amministratrice dei gruppi facebook “La classe capovolta” ed “Il compito autentico nella classe capovolta“. In videconferenza parlerà della capacità di sintesi e come questa possa venire “educata” e “coltivata” attraverso diversi strumenti digitali presenti in rete, gratuiti a disposizione di docenti e studenti.

Related: