background preloader

Storytelling step by step

Storytelling step by step
Tweet (Contributo originale di Anna Rita Vizzari) Le sezioni in cui si articola il presente contributo sono le seguenti (cliccando si approda alle singole sezioni): A) Che cos’è e a che cosa serve lo Storytelling. B) Tipologie di “prodotto” di Storytelling. C) Fasi e step dello Storytelling. D) Strumenti utili per lo Storytelling. Lo Storytelling è il procedimento del narrare una storia con obiettivi precisi: Qua ci interessa particolarmente il Digital Storytelling, ossia la narrazione che viene effettuata con strumenti digitali: questa categoria a volte viene considerata di per sé stante e altre volte viene considerata comprensiva di altre fra quelle sotto riportate, il cui nome fa riferimento al medium o allo strumento al quale si ricorre per la narrazione. Quali tipologie di “prodotto” si possono realizzare con il Digital Storytelling? In genere, quando si parla di prodotti legati allo Storytelling si individuano 3 fasi: 1) Pre-produzione, 2) Produzione, 3) Post-produzione. In Inglese

http://www.pnsdsardegna.eu/blog/2016/08/03/storytelling-step-by-step/

Related:  Digital StorytellingStory mapping e storytellingpagine web

22 forme di narrazione per scrittori e storyteller Quanti modi esistono per raccontare una storia? O, meglio, quante forme di racconto possiamo usare per la nostra storia? In ogni progetto narrativo va decisa anche la struttura del racconto – romanzo, racconto propriamente detto, dramma teatrale, storytelling, fino ai progetti transmediali – e le sue caratteristiche. In questo post ho elencato 22 forme narrative che possono essere utili a chi scrive, a chi deve raccontare per lavoro o per puro piacere personale. Digital Storytelling: Cos'è, Quali Significati Assume in Ambito Didattico, con Quali Strumenti si Realizza Il Digital Storytelling o storytelling realizzato con strumenti digitali (web apps, webware) consiste nell'organizzare contenuti selezionati dal web in un sistema coerente retto da una struttura narrativa, in modo da ottenere un racconto vario, perché costituito da molteplici elementi di vario formato (video, audio, immagini, testi, mappe, ecc.); dotato del fascino delle storie, perché si tratta di un racconto; ricco di stimoli e significati e dotato di un'alta densità informativa, perché mescola insieme codici, eventi, personaggi, informazioni, che interagiscono tra loro attraverso molteplici percorsi e diverse relazioni analogiche. Si tratta quindi di una forma di narrazione particolarmente indicata per forme comunicative come quelle proprie del giornalismo, della politica, del marketing, dell'autobiografia e anche della didattica. 1.

Usare la LIM per una didattica inclusiva Molto interessante il contributo di Ivana Sacchi sull'uso della LIM per una didattica inclusiva. Il video è stato registrato ed inserirto su Icarcolab, il sito che ospita la piattaforma e-learning dell’Istituto Comprensivo Arco e documenta l'intera conferenza svoltasi a Romarzollo (TN) il 3 settembre 2013. Potrete conoscere quali strategie quali strumenti e modalità possono essere adottati utilizzando la lavagna interattiva nella didattica quotidiana. In Youtube trovate i due video che documentano l'intera formazione Fonte: Maestro Antonio

dagli animatori digitali – PNSD Sardegna (#PNSDsar) – Formazione Animatori Digitali Sono Maria Cristina, l’Animatrice digitale dell’Istituto Comprensivo n. 4 di Oristano, diretto dalla Dott.ssa Giuseppina Loi, desidero condividere nel Blog del PNSD le “Azioni di Sistema”, che sono state adottate nel nostro Istituto, nell’ a.s. 2015-16. Come avvicinare in modo significativo ogni lezione alle aspettative dei “nativi digitali“, che in gran numero frequentano la nostra Scuola? Dato che la tecnologia, che si utilizza ogni giorno, permette una costante connessione nel web, è facile intuire che gli studenti di oggi non si accontentino delle classiche lezioni “tradizionali” degli insegnanti che si avvalgono solo talvolta di qualche supporto informatizzato. Ma quale insegnante non desidererebbe trasformare il suo lavoro, adeguandolo al passo con i tempi, per sfruttare le molteplici potenzialità offerte dalla tecnologia, per modificare il modo d’insegnare e rendere l’esperienza didattica gradevole non solo per sé, ma soprattutto per gli alunni?

Non solo video: trasformare la visione di un video in una esperienza comunicativa interattiva 1. I video nella didattica online L’introduzione di nuovi modelli e tecniche didattiche incentrate sul web ha posto in primo piano la funzione dei video nell’e-learning: documentari, video lezioni, videoclip musicali, tutorial, screencast, sono solo alcune delle tipologie di video su cui si concentrano Blended Learning e Flipped Classroom. Tuttavia la fruizione di video didattici online da parte degli studenti non fa altro, se non supportata da altri strumenti, che trasferire i limiti della didattica tradizionale trasmsissiva, incentrata sulla lezione frontale, dall’aula al web. Si potrebbe anzi argomentare che la situazione sia comunicativamente anche peggiore della tradizionale lezione frontale, in cui la possibilità dell’interazione comunicativa è comunque garantita e la discussione sempre possibile.

Storytelling Lo storytelling è l'atto del narrare, disciplina che usa i principi della retorica e della narratologia. Il termine storytelling si riferisce ai vari tipi di opere di narrativa, sia opere audiovisive e sia opere letterarie. Tale termine non è da confondersi con lo storytelling management. Pedagogia[modifica | modifica wikitesto] Tra le applicazioni più importanti dello storytelling c'è la pedagogia. Anna Rita Vizzari: Archivio di risorse e applicazioni sul digital storytelling Una utilissima risorsa realizzato da Anna Rita Vizzari che si è presa la briga di realizzare con Pearltrees un archivio sul digital storytelling dove raccogliere ordinatamente applicazioni, strumenti e materiali su questo tema. Il nome dell'archivio è Narrare. Cassette per gli attrezzi sul Digital Storytelling

esercizi di inglese da stampare? L'infinito (scarica qui tutta l'unita in pdf) I pronomi personali soggetto (scarica qui tutta l'unita in pdf) Il simple present to be (scarica qui tutta l'unita in pdf) There is / There are (scarica qui tutta l'unita in pdf) L'articolo (scarica qui tutta l'unita in pdf) Safer Internet Day 2016: una buona occasione per educare alla sicurezza informatica – BRICKS docente di Matematica, IIS “A. Castigliano” – ASTI stella.perrone@ipsiacastigliano.it Scarica la versione PDF del lavoro

La privacy e le scuole. Una guida che raccoglie le indicazioni del Garante: dai tablet alle graduatorie, dalla gravidanza ai temi in classe - Orizzonte Scuola Negli anni il Garante della privacy è più volte intervenuto sulle questioni della privacy legata al mondo scolastico. Vi proponiamo una ricognizione delle indicazioni più significative, corredate da una serie di articoli pubblicati dal nostro portale. Esiti scolastici degli alunni. Lecito pubblicarli all’albo della scuola Sull’argomento il Garante per la protezione dei dati personali a distanza di anni e in diversi comunicati afferma che la pubblicazione degli esiti scolastici degli alunni non costituisce violazione della privacy.

Narrativa, narrazione e storytelling Cosa c’entra un genere letterario, la narrativa, con la campagna presidenziale americana? Nulla: le frasi nell’immagine, prese da alcuni media italiani, sono il risultato di traduzioni superficiali dall’inglese che non hanno riconosciuto i falsi amici narrative ≠ narrativa. In inglese narrative nella sua accezione più recente indica una modalità di comunicazione con un’esposizione argomentata che riflette coerentemente una visione, dei valori e degli obiettivi. È un concetto relativamente nuovo che da qualche anno in italiano viene reso con una risemantizzazione di narrazione* (ad es. narrazione berlusconiana e narrazione renziana) e a volte con racconto. Non è una soluzione del tutto soddisfacente perché crea ambiguità.

Related:  digital storytelling