background preloader

Il gioco del Vocabolario (Zanichelli)

Il gioco del Vocabolario (Zanichelli)

http://dizionaripiu.zanichelli.it/eliza/giocovocabolario#/esercizi

Related:  vincenzobellinascuolaDidatticaItaliano

Gli interventi didattici differenziati - Idee e percorsi per insegnare - Simone Scuola Gli interventi didattici differenziati Ogni alunno, in quanto essere umano, è diverso dall’altro per età, livello di sviluppo, ritmo di apprendimento, motivazioni, tendenze, aspirazioni. La Costituzione italiana, nell’articolo 3, afferma che è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e ne limitano la libertà e l’eguaglianza. La scuola è lo strumento attraverso il quale la Repubblica forma i cittadini e quindi il suo compito è quello di fornire a tutti gli alunni un’istruzione che soddisfi il principio costituzionale del pieno sviluppo della personalità. È possibile conciliare il pieno sviluppo della personalità e la diversità di ogni essere umano in un solo modo: attraverso un’offerta formativa "individualizzata". Questo, com’è ovvio, non significa affatto che il sistema educativo deve prevedere un insegnante per ogni alunno, anche perché questa soluzione, qualora fosse possibile, non servirebbe allo scopo.

Che cosa è un testo letterario Che cos’è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un messaggio: proprio come i fili del telaio che, intrecciandosi secondo lo schema imposto dalla macchina, formano un determinato tessuto. Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Cittadinanza attiva (glossario) Ammortizzatori sociali (d. lav.) Strumenti di carattere economico normativo volti a sostenere il reddito attenuando gli effetti negativi derivanti da taluni avvenimenti nella vita dei lavoratori, quali ad esempio il licenziamento. In linea generale, rientrano tra gli ammortizzatori sociali gli strumenti, le misure e le prestazioni spettanti ai cittadini, in quanto tali, che si trovano in situazioni di bisogno. Gli ammortizzatori sociali più frequentemente utilizzati in Italia sono: ...per non dimenticare- Shoah: Poesie e Pensieri "...per non dimenticare- Shoah: Poesie e Pensieri" è un opuscolo rivolto dal MIUR (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) agli studenti italiani, con la seguente motivazione: "Questa pubblicazione è rivolta ai nostri studenti, affinché non smettano mai di dedicare le loro forze ad approfondire il tema della Shoah. Dobbiamo suscitare la loro curiosità intellettuale, aiutarli a combattere l’indifferenza, promuovere il loro pensiero critico.Far conoscere ai giovani la tragedia che si è consumata nei campi di sterminiosignifica attualizzarne il senso, esortarli a riflettere sul continuo pericolo di unpossibile ritorno di quei sentimenti che hanno portato allo sterminio ebraico.Acquisire coscienza sulla base della conoscenza. Una delle condizioni per apprendere dal passato è conoscerlo. Dalla raccolta, ho estratto tre frammenti, che riporto di seguito. La Farfalla

Fidenia – Il social learning italiano (e-learning, social network, e-sharing, e-commerce) Venerdì 17 Aprile saremo a Roma all’evento regionale per la presentazione della XIII edizione di Smart Education & Technology Days, convention nazionale del mondo della scuola. Nel corso dell’incontro interverremo per parlare dell’innovazione digitale al servizio della didattica e per raccontare il nostro progetto, illustrarne le principali funzionalità e raccogliere i suggerimenti e le osservazioni dei docenti, studenti e dirigenti che saranno presenti. L’appuntamento è il 17 Aprile alle ore 09.30 presso la sede della Regione Lazio, via C.Colombo 212 – Sala Tevere. Visualizza la locandina completa dell’evento!

Le 33 competenze digitali che ogni Insegnante dovrebbe avere nel 21° SECOLO Ogni singolo docente è preoccupato per le sue pratiche di insegnamento e le competenze coinvolte in questo processo. Quante volte vi siete chiesti in merito a un modo migliore per insegnare la stessa lezione che hanno impartito ad una classe prima di voi? Quante volte avete utilizzato la tecnologia per coinvolgere gli studenti e migliorare il loro apprendimento? Queste sono alcune domande ricorrenti ogni volta che le nostre capacità di insegnamento sono messe alla prova. E 'incredibile come la tecnologia ha cambiato il mondo intero dando vita a nuove forme di educazione a cui non abbiamo mai pensato.

Font per la dislessia: OpenDyslexic Già in passato avevo segnalato un carattere speciale, biancoenero, ideato per favorire la lettura dei bambini dislessici. Oggi vorrei parlarvi di OpenDyslexic, un'altra font progettata per alleviare le difficoltà nella lettura dei testi. Come potete osservare dall'immagine, sono state ingrandite le basi delle lettere per ancorarle alla linea di lettura, evitando in tal modo rotazioni e riflessioni in fase di lettura. Potete utilizzare OpenDyslexic anche su dispositivi mobili iOS e Android, scaricandolo qui. Fonte: Alessandra Chiaretta Articoli correlati

Analisi Grammaticale Se stai studiando la grammatica e devi fare i compiti di analisi grammaticale sei arrivato sul sito giusto! E' uno strumento utile a chi studia la grammatica italiana, a chi deve fare l'analisi grammaticale di una frase, a chi si deve preparare per la lezione di grammatica, a chi vuole verificare i suoi esercizi di grammatica e a chi vuole fare i compiti online. Usate questo analizzatore per controllare on-line i vostri esercizi di grammatica: prima fate i compiti di grammatica, poi confrontate i vostri risultati con quelli di questo analizzatore. Nei momenti di picco può richiedere anche 10 o 15 secondi! L'Analisi Grammaticale si chiama anche Analisi Morfologica, perché analizza le parole basandosi sul loro aspetto, che in Greco si chiama morfo. Nota sugli accenti: se la vostra tastiera non ha le lettere accentate, o se avete dei dubbi, usate semplicemente l'apice: perche', cioe', cosi', e'.

Rai Storia (Edu) - Rai Storia Diretta online - - pubblicità - - >Play Rai Storia (Edu) Rai Storia - Questo canale live offre programmi di intrattenimento. Diretta online: Rai Storia. Rai Storia, precedentemente chiamato Rai Edu 2 e prima ancora Rai Edu Lab 2, e un canale televisivo gratuito tematico italiano edito da RAI. Il Medioevo attraverso mappe mentali Storia: Il Medioevo L'uso delle mappe mentali nella didattica ha una valenza assolutamente strategica nei processi di apprendimento, sia come mezzo di indagine e di studio che come mezzo di sintesi conoscitiva finale per ogni disciplina. Per questo l'uso delle mappe si rivela fondamentale sia nel processo di acquisizione delle conoscenze (come progettazione del percorso di indagine da effettuare), sia al termine del percorso didattico (come schematizzazione delle conoscenze acquisite). Ecco dunque un esempio di mappa mentale o, meglio ancora, mappa grafica dedicata al Medioevo, composta da ben 28 schemi, che può essere liberamente scaricata direttamente da Slideshare. Articoli correlati

Umberto Eco, 40 regole per parlare bene l'italiano Ogni tanto fa bene ricordare che l'italiano ha delle regole complesse e affascinanti. E il blog italianalingua.it ne approfitta per riproporre alcune delle regole si ritrovano tra le pagine della Bustina di Minerva di Umberto Eco. Un libro (ed. Bompiani, 2000) che raccoglie il meglio della rubrica che lo scrittore tiene sull'Espresso dal 1985, "La bustina di Minerva". Si spazia da riflessioni sul mondo contemporaneo, alla società italiana, alla stampa, al destino del libro nell'era di Internet, sino ad alcune caute previsioni sul terzo Millennio e a una serie di "divertimenti" o raccontini. La raccolta dà il senso alla rubrica che, come vuole il titolo, intendeva raccogliere quegli appunti occasionali e spesso extravaganti che talora si annotano nella parte interna di quelle bustine di fiammiferi che si chiamano appunto Minerva.

Relazione finale Tirocinio Formativo Attivo a.a. 2011/2012 Introduzione Credo che l'impresa di dare una spiegazionesia sbagliata già per il semplice motivo che basta comporre correttamente quel che si sa senza aggiungere altro, perché subito si producada sé quel senso di soddisfazione che si ricercamediante la spiegazione.L. Cosa servirebbe veramente alla scuola. Il contributo di un Dirigente Scolastico Mario Fraccaro, DS Istituto Istruzione Superiore Don Milani, Montichiari (BS) - Sono un Preside (oggi si dice Dirigente Scolastico), 62 anni appena compiuti, che tra 3 mesi andrà in pensione, dopo oltre 40 anni di servizio, di cui ben 30 svolti in qualità di Capo d’Istituto; sono stato insegnante elementare, poi Direttore Didattico, poi Preside e poi Dirigente scolastico di un Istituto Comprensivo, fino ad approdare 7 anni fa alla Dirigenza di un Istituto Superiore con oltre 1700 allievi, con indirizzi tecnici, professionali e liceali. Penso dunque di aver tutti i requisiti per poter esprimere liberamente le mie opinioni sui mali della scuola e su cosa bisognerebbe fare (o non fare!)

Tutta la grammatica della lingua italiana in una mappa Molto interessante la mappa della grammatica della lingua italiana, messa a punto dall'ins. Giusy Landi, che schematizza in maniera molto efficace le parti del discorso e la sintassi. La mappa della grammatica italiana è scaricabile in formato .pdf dal sito della collega Maika Rongo. Articoli correlati

Related: