background preloader

MATE 1°

Facebook Twitter

Apprendere insieme: MATEMATICA. (II livello) Clicca sul personaggio qui sotto e forma i numeri.

Apprendere insieme: MATEMATICA

Ancora un gioco di formazione dei numeri Applica la proprietà associativa dell'addizione Provate il gioco qui sotto per ripetere la proprietà dissociativa dell'addizione. Applica la proprietà distibutiva della moltiplicazione. Scegli i divisori ed esegui le divisioni. Trova l'operatore. In questo gioco, per fare goal bisogna scegliere, fra quelle proposte in basso,l'operazione giusta, cioè quella che dà come risultato il numero scritto sul pallone. Esercizi con l'abaco. Abaco. In questa guida vedremo come rappresentare i numeri con l'abaco.

Abaco

L'abaco è uno strumento molto antico, che veniva utilizzato per svolgere le principali operazioni tra numeri: l'addizione e la sottrazione. Nota: questa guida riguarda argomenti di prima elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria. Perché contiamo proprio in base 10? Perché contiamo proprio in base 10?

Perché contiamo proprio in base 10?

Un momento di riflessione… Semplice, guardiamoci le mani: abbiamo esattamente 10 dita! Fin da bambini siamo stati abituati a contare nel tradizionale sistema numerico decimale ideato migliaia di anni fa da popolazioni antiche, ma in pochi sanno come esso realmente funzioni. Tale sistema numerico è basato sulle note 10 cifre (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9) da cui deriva il nome “decimale” o “in base 10“. Tappa alla decina. Sappiamo bene eseguire le addizioni in colonna e le sottrazioni in colonna, o ancora con l'aiuto dell'abaco, ma non dobbiamo sottovalutare la potenza di calcolo del nostro cervello, anzi dobbiamo rinforzare le sue capacità così da eseguire velocemente i conti senza carta e penna.

Tappa alla decina

Nota: questa guida riguarda argomenti di prima elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria. Moltissimi ragazzi che frequentano la scuola secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore) hanno difficoltà nell'eseguire a mente anche delle semplici addizioni. Si tratta di una lacuna che si ripercuote per l'intera durata del loro percorso scolastico e...oltre. I numeri fanno parte della nostra vita: DigiScuola – Matematica – Pagina 25 – Percorso didattico per la classe prima. Ho dato ad ogni bambino 30 cannucce e 3 elastici.

DigiScuola – Matematica – Pagina 25 – Percorso didattico per la classe prima

Abbiamo rappresentato alcuni numeri, come il 27 (la data di oggi), il 20, il 30, ecc. A turno ho chiamato un bambino a mettere le cannucce nelle scatole dell'IKEA, che ho etichettato da e u. Nelle foto la rappresentazione dell'11 con le cannucce e la loro sistemazione nelle scatole trasparenti. Dopo questo lavoro con le cannucce, i bambini hanno completato questa scheda. SFO 978 88 590 0328 1 Aritmetica in pratica. Rubado-raggruppare. SOTTRAZIONE COME RESTO E DIFFERENZA Splashragazzi. Scuola. Verifiche matematica scuola primaria: I raggruppamenti - scheda - classe 1.

Raggruppamento in basi diverse. In questa guida parleremo di un argomento interessante e per nulla difficile che servirà ad introdurre le decine, o meglio i numeri a due cifre: il raggruppamento in basi diverse.

Raggruppamento in basi diverse

Purtroppo non è immediato capire a cosa porterà un tale concetto ed è per questo motivo che molti genitori si chiedono che valenza didattica abbia. Con calma parleremo anche di questo, ma cominciamo dall'inizio... Nota: questa guida riguarda argomenti di prima elementare, ed è rivolta a genitori, maestri e a chiunque sia appassionato alla didattica della Scuola Primaria. Che cosa vuol dire raggruppare? Geometria in prima. Geometria in prima elementare: progettazione di situazioni didattiche Progetto di formazione continua svolto nel I e II circondario SC con la formatrice prof.ssa Silvia Sbaragli anno scolastico 2012-13 I documenti sono in formato .pdf Introduzione Il punto di vista di alcuni insegnanti Bibliografia Presentazione delle attività.

geometria in prima

Geometria09 03 15. Didattica matematica scuola primaria: Il rapporto addizione - sottrazione - classe seconda. Per affrontare in modo chiaro e sistematico il rapporto logico tra le operazioni di addizione e sottrazione iniziamo con un'attività ludica che permetta di partire da una situazione problematica.

didattica matematica scuola primaria: Il rapporto addizione - sottrazione - classe seconda

Noi abbiamo usato un mazzo di carte da gioco che erano presenti in classe. Giochiamo con le carte. Giacomo ha 18 carte rosse e 9 carte blu. Quante carte ha Giacomo? 18 + 9 = 27Giacomo ha 27 carte; 9 sono blu. Possiamo quindi far comprendere facilmente agli alunni che addizione e sottrazione sono operazioni inverse. Base tre-quattro ecc. IN CLASSE PRIMA. Didattica matematica scuola primaria: Rapporto addizione – sottrazione - classe prima. Consideriamo questa situazione, scriviamola alla lavagna, leggiamo e copiamo sul quaderno: "Nel porto ci sono 4 barche a vela e 5 barche senza vela.

didattica matematica scuola primaria: Rapporto addizione – sottrazione - classe prima

Quante barche ci sono? " Rappresentiamo la situazione con il disegno e con l'operazione.Costruiamo poi insieme l'enunciato inverso. "Nel porto ci sono 9 barche; se quelle senza vela sono 5, quante sono le barche a vela? " BIRIBÒ. Più alto / più basso - fai l'esercizio - download.

BIRIBÒ

CLASSE A COLORI: La sottrazione. “Ciascun alunno va messo in condizione di utilizzare, inizialmente, materiali diversi, comuni o strutturati, che forniscano adeguati modelli dei concetti matematici implicati nelle varie procedure operative”. Meritano particolare attenzione e cura i concetti di differenza (quanti in più, quanti in meno) e la ricerca della parte complementare nel primo caso, quello che ha come modello intuitivo il togliere via, la cosa è intuitiva perché c’è coincidenza tra significato formale e significato intuitivo; nel secondo caso è assai più spontaneo il ricorso a strategie addittive come è addittiva ogni strategia di “complemento a”, come, per esempio, l’operazione di dare il resto in un negozio: il negoziante di solito non fa la differenza, ma fa, passo a passo, il complementare a partire dalla spesa fino ad arrivare alla somma versata.B.

M

Maestra Anna Maria. .Primo passo: conoscere lo strumento La linea del 20, con le funzioni ON e OFF dei tasti, può essere assimilato ad un computer analogico!