background preloader

I Barbari - Baricco

Facebook Twitter

I barbari: saggio sulla mutazione - Google Libri. Alessandro Baricco: "I barbari e la mutazione" - Puntata 1. Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 2. Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 3. Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 4. Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 5. Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 6.

Alessandro Baricco: i barbari e la mutazione - Puntata 7. I barbari non ci leveranno la nostra profondità. MI HA molto intrigato l' articolo di Alessandro Baricco pubblicato da Repubblica il 26 agosto con il titolo "2026 - La vittoria dei barbari".

I barbari non ci leveranno la nostra profondità

Mi ha intrigato fin dalle prime righe: «Ci crediate o no, quest' articolo l' ho scritto nel luglio 2026, cioè tra sedici anni. Diciamo che mi sono portato un po' avanti col lavoro. Prendetela così». Baricco è un maestro di scrittura, ne conosce i trucchi e i modi per attirare il lettore e incatenarlo al testo e così ha fatto anche stavolta. Con me c' è riuscito. Il mondo senza nome dei nuovi barbari. Baricco: la mutazione che porta a una nuova civiltà di ALESSANDRO BARICCO CARO Eugenio Scalfari, vedo con soddisfazione che tutt'e due, pur di generazioni e radici diverse, abbiamo la stessa istintiva convinzione: è in corso una mutazione che non può essere spiegata con il normale affinarsi di una civiltà, ma sembra essere, più radicalmente, il tramonto di una civiltà e, forse, la nascita di un'altra.

Il mondo senza nome dei nuovi barbari

Bene. Non tutti hanno la stessa lucida convinzione e, secondo me, su questo abbiamo ragione noi. Poi però le cose si ingarbugliano. Io quando penso ai barbari penso a gente come Larry Page e Sergey Brin (i due inventori di Google: avevano vent'anni e non avevano mai letto Flaubert) o Steve Jobs (tutto il mondo Apple e la tecnologia touch, tipicamente infantile) o Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia, l'enciclopedia on line che ha ufficializzato il primato della velocità sull'esattezza). L'imbarbarimento, di per sé, a me non risulta così interessante. Vai alla risposta di Eugenio Scalfari. La bandiera di Ulisse per il futuro. Di EUGENIO SCALFARI CARO Alessandro Baricco, mi ha fatto un gran piacere leggere la tua lettera.

La bandiera di Ulisse per il futuro

Poteva restare privata, tra te e me, come tu inizialmente volevi, ma è così densa di riflessioni stimolanti e di pensiero che sarebbe stato un peccato non rendere partecipi i lettori del nostro giornale. Sulla differenza tra barbari e imbarbariti siamo in pieno accordo ed hai ragione di ricordare che gli iniziatori d'ogni nuova epoca furono considerati barbari dai loro contemporanei. Quanto agli imbarbariti, tu ritieni che siano l'inevitabile "scarico" che avviene quando un'epoca succede ad un'altra e anche su questo punto sono d'accordo. A mio parere però il fenomeno è assai più pericoloso di quanto tu non pensi: lo "scarico" degli scarti rischia di inquinare l'ambiente e di deviare il corso dell'epoca ai suoi ancora incerti inizi.

Tu dici che sono un barbaro anch'io perché sono curioso del nuovo e del diverso da me e cerco di capirlo.