background preloader

Computer quantistico

Facebook Twitter

The Long-Awaited Promise of a Programmable Quantum Computer. Physicists have unveiled a programmable five-qubit processing module that can be connected together to form a powerful quantum computer. The quest to build a powerful quantum computer is one of the great challenges of 21st century physics. And although the hurdles are significant, physicists are chasing them down, one by one. They’ve gradually learned how to control quantum particles with the precision necessary to run quantum algorithms on a small scale with just a few qubits.

The big challenge now is scale—combining these techniques in a way that can handle large numbers of qubits and perform powerful quantum calculations. Today, Shantanu Debnath and pals at the University of Maryland in College Park unveil a five-qubit quantum computer module that can be programmed to run any quantum algorithm. But crucially, they say, this module can be linked to others to perform powerful quantum computations involving large numbers of qubits. That’s what Debnath and co have set out to change. [1603.04512] Demonstration of a programmable quantum computer module. Attenzione. Microsoft’s Quantum Mechanics. In 2012, physicists in the Netherlands announced a discovery in particle physics that started chatter about a Nobel Prize. Inside a tiny rod of semiconductor crystal chilled cooler than outer space, they had caught the first glimpse of a strange particle called the Majorana fermion, finally confirming a prediction made in 1937.

It was an advance seemingly unrelated to the challenges of selling office productivity software or competing with Amazon in cloud computing, but Craig Mundie, then heading Microsoft’s technology and research strategy, was delighted. The abstruse discovery—partly underwritten by Microsoft—was crucial to a project at the company aimed at making it possible to build immensely powerful computers that crunch data using quantum physics. “It was a pivotal moment,” says Mundie. “This research was guiding us toward a way of realizing one of these systems.”

Microsoft is now almost a decade into that project and has just begun to talk publicly about it. Tied Up in Knots. New qubit control bodes well for future of quantum computing. (Phys.org)—Yale University scientists have found a way to observe quantum information while preserving its integrity, an achievement that offers researchers greater control in the volatile realm of quantum mechanics and greatly improves the prospects of quantum computing. Quantum computers would be exponentially faster than the most powerful computers of today. "Our experiment is a dress rehearsal for a type of process essential for quantum computing," said Michel Devoret, the Frederick William Beinecke Professor of Applied Physics & Physics at Yale and principal investigator of research published Jan. 11 in the journal Science. "What this experiment really allows is an active understanding of quantum mechanics. It's one thing to stare at a theoretical formula and it's another thing to be able to control a real quantum object.

" In quantum systems, microscopic units called qubits represent information. Qubits can assume either of two states—"0" or "1"—or both simultaneously. How Does a Quantum Computer Work? Computer del futuro: creato il chip che funziona con la luce. I computer del futuro? Funzioneranno con la luce. Presso il laboratori del Cnr è nato un micro laboratorio quantistico che usa i fotoni per trasmettere i dati. È solo un piccolo chip di vetro di pochi centimetri ma al tempo stesso è il più piccolo laboratorio in grado di simulare fenomeni fisici quantistici complessi. Il chip è frutto della collaborazione tra i ricercatori del dipartimento di Fisica dell’Università Sapienza di Roma, dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifn-Cnr) e del Politecnico di Milano.

Il dispositivo creato dai ricercatori utilizza i fotoni, cioè la luce, per trasmettere i dati. Ma come funziona? I ricercatori hanno disegnato, grazie alla tecnica di scrittura mediante laser a impulsi ultrabrevi, un vero e proprio circuito ottico all’interno di un chip in vetro. Gli studi sono stati pubblicati sulle riviste Nature Communications e Nature Photonics. Francesca Mancuso Leggi anche: Super computer quantistico un solo atomo per i PC del futuro. L'evoluzione si chiama computer quantistico | GeekYourself.it. Classico o quantistico? Lo rivela un test. Un nuovo metodo per testare il comportamento di sistemi quantistici di complessità arbitraria è stato messo a punto da un gruppo di ricercatori statunitensi. Il risultato, oltre a rappresentare un notevole contributo dal punto di vista teorico, apre la strada a una maggiore conoscenza dei processi che permetteranno di sviluppare computer e tecniche di crittografia basate sul mondo dei quanti (red) I sistemi quantistici sono controllabili e prevedibili, almeno in linea teorica, e c'è un test che permette di sapere se si stanno comportando effettivamente in modo quantistico e non classico.

Lo dimostra un articolo pubblicato su “Nature” a firma di Ben W. Reichardt e colleghi della facoltà di Ingegneria dell'Università della California a Los Angeles, che rappresenta un contributo importante alla comprensione dei costituenti di base dei computer quantistici con notevoli ricadute anche sulla loro realizzazione pratica. Sono ancora sul tavolo questioni fondamentali. Si avvicina a grandi passi il computer quantistico. Un gruppo di ricercatori coordinati da due ingegneri australiani ha potuto realizzare il primo bit quantistico operativo basato su unsingolo atomo di silicio, preparando così la strada alla realizzazione, seppur per un domani non vicinissimo, dei computer quantistici del futuro. I risultati della ricerca, condotta presso l'University of New South Wales (UNSW) sono stati pubblicati sulla rivista Nature e sottolineano in modo particolare come sia sato possibile leggere e scrivere informazioni utilizzando lo spin degli elettroni di un singolo atomo di fosforo integrato in un chip di silicio.

Il professor Andrew Dzurak, coordinatore della ricerca assieme al dottor Andrea Morello, ha commentato: "Per la prima volta abbiamo dimostrato la possibilità per rappresentare e manipolare i dati mediante lo spin per formare un bit quantistico, o "qubit", l'unità base di un computer quantistico. I Pc del futuro saranno a computazione quantistica « I Think Italia.

La velocità con cui la tecnologia computazionale e informatica avanza è straordinaria: processori sempre più potenti e rapidi vengono ideati e quelli che solo ieri ci sembravano innovativi diventano desueti. I geek saranno felici, naturalmente, ma questo progresso inarrestabile presto subirà un mutamento profondo.

La notizia che entro 75 anni, forse meno, la velocità di processione raggiungerà il limite massimo è ormai cosa nota. La “Legge di Moore” postula che, approssimativamente ogni due anni, la velocità e la capacità dei PC aumenta più o meno del doppio. Per farci un’idea è come se un volo da New York a Parigi, che nel 1978 costava 900 dollari e arrivava a destinazione in 7 ore, oggi costasse un centesimo di dollaro ed avesse un tempo di percorrenza di un secondo. Fino ad oggi nel campo dei computer questa legge è stata rigorosamente certa, ma che fare se mancassero solamente 75 anni al limite massimo di progresso scientifico in campo informatico?

Computer quantistici: un obiettivo sempre più vicino. L’IBM ha annunciato notevoli progressi nella costruzione dei computer quantistici, sviluppando il lavoro svolto nell’anno passato presso l’Università di Yale (New Haven, Connecticut, Usa) e quella della California (Santa Barbara, California, Usa), che si basa sull’utilizzo di materiale superconduttore (renio e niobio) sulla superficie di un semiconduttore, raffreddato ad una temperatura prossima allo zero assoluto dove manifesta comportamento quantistico. La notizia è stata diffusa dal New York Times. La compagnia ha messo insieme un gruppo di ricerca presso il Thomas J. Watson Research Center in Yorktown Heights a New York, assumendo personale proveniente dai laboratori di Santa Barbara e di Yale. Attualmente ha iniziato un progetto di ricerca della durata di cinque anni. “L’IBM. è molto interessata a riprendere lo studio che questi gruppi di ricerca hanno iniziato”, afferma David Di Vincenzo, fisico della compagnia e manager della ricerca.

Roberta De Carolis. Computer quantistici: ecco come saranno i PC del futuro. Come costruire un computer quantistico - Lezione_Morsch_Slides.pdf. Dall'abaco al computer quantistico. Fotoni ed elettroni uniti per leggere un qubit. Dimostrata la possibilità di leggere uno stato quantistico di spin in un singolo atomo con un approccio ibrido, ovvero sfruttando tecniche ottiche ed elettriche insieme.

Questo approccio pone le basi per realizzare i qubit, i componenti elementari dei futuri computer quantistici, che potranno essere anche collegati in rete proprio grazie alle tecnologie optoelettroniche, fino a costruire un'internet quantistica (red) Lo stato quantistico di spin di un singolo atomo può essere letto mediante un dispositivo a funzionamento misto, ottico ed elettrico: lo dimostra uno studio pubblicato su "Nature" da un gruppo di ricercatori dell'Università del New South Wales, dell'Australian National University e dell'Università di Melbourne.

Il risultato è considerato un passo in avanti importante per la realizzazione dei qubit, i bit d'informazione quantistica che rappresentano i componenti elementari per la futura realizzazione dei computer quantistici. la sperimentazione. La sperimentazione. Realizzato il primo prototipo di processore per computer fotonico. Computer quantistici, il qubit in un nucleo atomico.

Hyperlink. Quantum Computing. Quantum Computing. Hyperlink. Fisica & Meccanica, Quantistica.