background preloader

Agenda Digitale

Facebook Twitter

Digital Agenda for Europe. Agenda digitale europea. PISA 2009: Digital Technologies and Performance. The puzzling results of the PISA test in “digital reading performance” The last week the OECD released its most updated report with the results of the students “digital reading performance”.

The puzzling results of the PISA test in “digital reading performance”

This assessment was applied to 470 000 students in 2009, and taken by 26 million 15-year-olds in the schools of the 65 participating countries. Before reviewing some of the most relevant results, please take a look of this curious chart (VI.6.10a) Figure VI.6.10a shows that, across OECD countries, “students who spend no time using a computer during school lessons perform the best, and the more time students spend using a computer during school lessons, the lower their scores in all three core subjects”.

Intensity of computer use in school lessons, and digital reading performance [OECD average-15] [Source: OECD PISA 2009 Database, Tables VI.6.8c-f.] Cittadini europei digitali. Nel corso della 17esima Conferenza su “ Technology supported Learning and Training”, il tradizionale incontro di idee ed esperienze che Berlino annualmente ospita, la Commissaria Neelie Kroes, responsabile dell’ “iniziativa faro”- l’Agenda Digitale per l’Europa - ha sottolineato alcuni punti dell’iniziativa, auspicando condivisione e sinergia da parte degli insegnanti con un intervento che chiedeva di “ transforming learning through technology” e l’impegno conseguente di inventare “… new tools for teachers, new opportunities for students”.[1] Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad una rivoluzione nel mondo del digitale, della quale ancora non conosciamo le possibili conseguenze.

Cittadini europei digitali

Molte sono dunque le piste da seguire, per essere europei digitali. Noi qui, diamo qualche notizia in più per quanto riguarda le proposte che fanno speciale riferimento ai sistemi e processi di istruzione e formazione: alfabetizzazione digitale, competenze, inclusione. Ed oggi, a che punto siamo? E-Skills Week - European Commission. European e-Competence Framework 2.0. Linee Guida e-Competence Framework.

Agenda Digitale Italiana. Cabina di Regia. Documento del Governo Italiano. Ministero dello Sviluppo Economico - MIUR. MIUR - Francesco Profumo. Scuola Digitale. Competenze. “Every European Digital” N.

Competenze

Kroes L’Agenda Digitale Europea (DAE) è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 finalizzata a stabilire il ruolo chiave delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per raggiungere gli obiettivi che l'Europa si è prefissata per il 2020[1]. È proprio nell’Agenda che viene segnalata una grave carenza nelle “competenze professionali nel settore delle TIC e di analfabetismo digitale. Queste carenze escludono molti cittadini dalla società e dall'economia digitale e limitano il forte effetto moltiplicatore sull'aumento della produttività che deriverebbe dall'adozione delle TIC.

La strada da percorrere è lunga e complicata, ma l’Europa ha tracciato la rotta verso il 2020. Bibliografia David Buckingham, Media Education: Literacy, Learning, and Contemporary Culture, Polity Press, Cambridge, 2003 Calvani, Fini, Ranieri, La Competenza digitale nella scuola, Ed. Competenze digitali e insegnamento. Mlaa$g`{od`lco`}i laa$lxxzo`mgco`}i!

Competenze digitali e insegnamento

Mlaal }zl{cg{{gi`o moaal ki`i{ko`rl {oki`mi u` cimoaai kicxiz}lco`}g{}l i kid`g}gg{}llaa$oaljizlrgi`o moaal ki`i{ko`rl {oki`mi u` cimoaai ki{}zu}}gg{}l i ki``o}}gg{}l! Ml u` {g{}ocl dozlzkngki .miko`}o#lau``g' l u` {g{}ocl zo}gkialzo g` kug {gl laizgrrl}i gaki`}zgju}i mog xlzg laa$lxxzo`mgco`}i! Mlaa$izmg`o {g{}ocl}gki! Ag`olzo o {o|uo`rglao o mlg }ocxg au`dng la mg{izmg`o gxozcomglao o lg}ocxg jzog! Mlaal {kuial kico }iz}uzl laal {kuial kico dgiki .Zgia}oaal! Certificazioni professionalita' ICT e competenze digitali dei docenti. Competenze digitali e insegnamento - slide. 6,597 views Con studenti "digital native" e nell'era del web 2.0 la scuola deve sapersi trasformare.

Competenze digitali e insegnamento - slide

Come ha suggerito Antonio Calvani è forse il momento di passare dall'insegnare "la" tecnologia o "con la" ... Con studenti "digital native" e nell'era del web 2.0 la scuola deve sapersi trasformare. Wu Ming 2 - Le 10 competenze digitali del prof. Jenkins. Wu Ming 2 Le 10 competenze del professor Jenkins Quella che segue è la registrazione dell'intervento di Wu Ming 2 al convegno per insegnanti "Il diavolo in corpo - la Biblioteca delle Passioni Giovanili", organizzato dalla Fondazione Mondadori e svoltosi il 15 novembre 2007 in quel di Palazzo Visconti, a Milano.

Wu Ming 2 - Le 10 competenze digitali del prof. Jenkins

Il titolo della relazione era "Scrivere in Rete", ma in realtà si parla di educazione alla Rete come strumento di una cultura partecipativa. Ne risulta una sorta di approfondimento degli ultimi capoversi scritti da Wu Ming per l'introduzione a Cultura Convergente di Henry Jenkins. Nessuno sembra capace di attivare un confronto sulle "competenze digitali" che sempre più determinano la formazione sociale, culturale e professionale degli individui. Competenze digitali e innovazione scolastica. Regioni (intervista a Carlo Maccari) "Solo grazie alle Regioni, l’Italia potrà centrare alcuni degli obiettivi dell’Agenda digitale: superare il digital divide infrastrutturale e culturale, assicurare l’interoperabilità dei servizi adottati dagli enti locali”.

Regioni (intervista a Carlo Maccari)

Carlo Maccari è già all’opera: da metà aprile rappresenta le Regioni all’interno della Cabina di regia interministeriale per l’Agenda, essendo già assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione della Regione Lombardia. In particolare, quale sarà il vostro ruolo all’interno della Cabina di regia? Mostreremo quello che le Regioni hanno già fatto, per il digitale, e che cosa è possibile fare già da subito nelle sei aree tematiche dell’Agenda. Poi chiederemo al governo quali sono le risorse disponibili. Da parte nostra, metteremo nella Cabina di regia la nostra capacità di coordinare tutte le azioni che il territorio deve mettere in pista. Le Regioni avranno insomma il ruolo di distribuire sul territorio la rivoluzione digitale. Bologna 2020. Lombardia.

Agenda Digitale Lombarda. Italian Digital Agenda Annual Forum: Carlo Maccari. Consultazione Pubblica. La consultazione e’ aperta a tutti i cittadini, organizzazioni private o istituzioni pubbliche che vogliano inviare un contributo ad uno o più dei sei tavoli di lavoro dell’Agenda Digitale.

Consultazione Pubblica

Per partecipare alla consultazione ti verrà chiesto di rispondere ad alcune domande e di inviare dei contributi che serviranno a identificare le priorità e a raccogliere idee e azioni da perseguire per lo sviluppo dell'Agenda Digitiale Italiana. Discussione pubblica: "ideario" Promozione e dibattito. Italian Digital Agenda Annual Forum. Agenda digitale per Confindustria. Quella che segue è una cronaca dell’incontro, nella quale abbiamo cercato di evidenziare le affermazioni di maggior rilievo fatte dai numerosi partecipanti.

Agenda digitale per Confindustria

L’incontro, moderato da Luca De Biase, è stato aperto da Attilio Befera, che ha sottolineato come la possibilità della “riduzione dei costi pubblici grazie all’innovazione e la digitalizzazione possono essere messi a disposizione del settore privato, intensificando l’attività del mercato informatico, aumentando il PIL”. La ricetta proposta dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate è quella di “Liberare risorse ed eliminare costi, investire in modo efficiente, più sul software e meno sulle infrastrutture.

Spostare le risorse dove c’è maggior valore aggiunto.” Molte le voci che hanno arricchito la manifestazione di testimonianze, esperienze e suggestioni. Eppure in Italia l’uso di Internet è ancora poco diffuso, anche tra i giovani, e soprattutto per gli anziani. Questo è quanto si è detto oggi. Neelie Kroes. Carlo Infante. Maurizio Mayer. Gianni Dominici. Matteo Renzi. Marco Polillo. Attilio Befera. Corrado Passera. Le 10 risposte di Stefano Parisi di Confindustria Digitale. Dopo i nomi della politica, Paolo Gentiloni per il PD e Antonio Palmieri per il PDL, stavolta a parlarci di Agenda Digitale è il Presidente di Confindustria Digitale Stefano Parisi.

Le 10 risposte di Stefano Parisi di Confindustria Digitale

Presidente Parisi, si è da poco conclusa l’esperienza del primo Forum sull’Agenda Digitale italiana, qual è il suo bilancio dell’incontro? Direi molto positivo. Il Forum ha, di fatto, rappresentato il debutto pubblico di Confindustria Digitale, avvenuto di fronte a un pubblico qualificato di oltre mille persone e coinvolto interlocutori autorevoli quali la commissaria europea Neelie Kroes e i ministri dello Sviluppo economico Corrado Passera e dell’Istruzione Francesco Profumo. Con quest’iniziativa, le imprese italiane dell’Ict, ponendosi come partner del Governo, hanno potuto evidenziare l’opportunità che anche in Italia, l’Agenda Digitale diventi un grande progetto nazionale in grado di aprire il Paese a un nuovo ciclo economico.

Si tratta del nostro piano operativo. Stefano Parisi - intervento. Stefano Parisi - intervista. Agenda Digitale Italia (YouTube) Movimentando - Speciale Sole 24 ore. Proposta di legge del PdL. Youdem TV. Le 10 risposte di Paolo Gentiloni (PD) Continua la serie di interviste sul tema dell’Agenda Digitale con cui Tech Economy sta dando voce ai politici dei diversi schieramenti, per avere la loro opinione su una questione così centrale per lo sviluppo del Paese. Dopo Antonio Palmieri , la parola passa a Paolo Gentiloni del PD. Deputato, ex Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni è il Responsabile Comunicazione del Pd I. Flavia Marzano. Riccardo Donadon. Riccardo Donadon - I luoghi dell'innovazione. Riccardo Donadon - Ogni uomo è un educatore. RADIO 24. Aequinet Hub.