background preloader

Vita da mamma

Facebook Twitter

Calmare un bambino arrabbiato: le frasi da dire consigliate dagli esperti - Universo Mamma : Mamiblock - So macht Kindern das Zähneputzen Spaß =) Zum... Sopravvivere al figlio preadolescente: regole, consigli e 10 film (da vedere insieme) Arriva alle medie e non è più lui (o lei).

Sopravvivere al figlio preadolescente: regole, consigli e 10 film (da vedere insieme)

Nessun accompagnamento è tollerato, i bacini di saluto vietati. Meglio tenersi in disparte, senza farsi notare. Intanto le richieste si moltiplicano, ed è sempre più difficile far fronte. Come sopravvivere a un figlio pre-adolescente: 6 consigli basati sulle neuroscienze. Facebook. TheDadLab. Sargolini a publié une vidéo... - Federica Sargolini. Gioco in movimento/ 3-4-5 anni - giochi animazione bambini. Giochi di animazione per bambini.

Gioco in movimento/ 3-4-5 anni - giochi animazione bambini

Molti tipi di gioco per feste e ludoteca. Giochi di movimento. Lupo mangia verdure Materiale: nessuno Giocatori: più di uno Spazio: chiuso o aperto. Barattolo della calma: come costruirlo secondo il metodo Montessori. Le tavole per la matematica secondo il metodo Montessori. Le tavole per la matematica realizzate secondo il metodo Montessori sono state pensate appositamente per aiutare il bambino nell’apprendimento della matematica.

Le tavole per la matematica secondo il metodo Montessori

Sottrazioni, addizioni, moltiplicazioni, divisioni vengono viste dai bambini come linguaggi sconosciuti e difficili da comprendere. Ecco allora che grazie al metodo Montessori, il bambino potrà avvicinarsi a questa materia in modo ludico. Ecco allora le indicazioni da seguire per costruire le tavole della matematica secondo questo metodo. Le tavole di Seguin fanno parte dei materiali didattici utilizzati nelle scuole Montessori. Si tratta di semplici tavolette di legno, su cui sono stampati i numeri. Addizione e sottrazione Per insegnare ai bambini l’addizione e la sottrazione, il metodo Montessori utilizza le tavole per la matematica con le asticine. Moltiplicazione e divisione Le tavole Montessori per la matematica sono state pensate per aiutare anche quei bambini che hanno difficoltà nell’apprendimento di questa materia. Strumenti di pregrafismo in stile Montessori.

Tra i 3 e i 5 anni è importante, per i bambini, iniziare a giocare con attività che stimolino le capacità di pregrafismo e prescrittura, e già prima che preparino il corpo ad eseguire esercizi di motricità fine: non solo perché imparino a scrivere (quello è – diciamo – il completamento del percorso, e la scrittura verrà acquisita piano piano tra la prima e la seconda elementare), ma soprattutto perché imparino ad esercitare la capacità del gesto grafico in sé, ovvero anche la coordinazione oculo manuale di cui abbiamo sempre parlato quando abbiamo giocato con il Metodo Montessori, e in particolare nelle attività di motricità fine suddivise per età.

Strumenti di pregrafismo in stile Montessori

Tutto inizia dal disegno dello scarabocchio: già verso i tre anni i bambini cercano di imitare il gesto della scrittura e le lettere, ma non per questo sono già pronti a imparare a scrivere. Noi possiamo rinforzare questo percorso rispettando i loro tempi, e proponendo attività divertenti di pregrafismo / prescrittura e motricità fine. Il bambino aggressivo - mammaepapa.it. 6 attività artistiche Montessori che liberano l'anima. L’arte è la manifestazione più alta dell’interiorità di un individuo, che espressa su foglio libera l’anima e le permette di volare.

6 attività artistiche Montessori che liberano l'anima

Pur essendo una persona legata fortemente alla terra, alla praticità della vita, una non seguace della libera fantasia, Maria Montessori riteneva fondamentale la possibilità dell’espressione attraverso il disegno e l’arte figurativa, anche se con uno scopo più concreto visto come l’opportunità di rappresentare la realtà circostante e soprattutto in vista di una preparazione alla scrittura. “Esiste un istinto di espressione che cerca le sue proprie vie. Autostima nei bambini: come combattere insicurezza, timidezza e paure. I bambini si vedono con gli occhi degli adulti e spesso mancano di autostima a causa della concezione di sé che credono di suscitare negli altri.

Autostima nei bambini: come combattere insicurezza, timidezza e paure

E’ importante accompagnarli in un percorso verso un corretto “uso” dell’autostima, con la giusta dose di apprezzamento di sé e conoscenza dei propri limiti, nel rispetto degli altri. I problemi di autostima nei bambini possono infatti condizionare tutta la loro vita, ecco perché è opportuno prestare sempre la giusta attenzione al comportamento dei nostri figli, al modo in cui questi gestiscono le loro relazioni sociali sia a casa che a scuola e se si ritiene necessario chiedere anche il parere di un esperto senza la paura di essere giudicati genitori iper apprensivi.

Vediamo qual è il concetto di autostima, come avviene il suo sviluppo nell’età infantile, e quanto siano importanti i luoghi e le persone che concorrono a formare la stima di sé in un bambino. Autostima: 10 cose da non dire ai bambini - Età prescolare - Bambinopoli. Certe frasi, pronunciate spesso senza volontà di ferire, ma semplicemente con superficialità in momenti di rabbia o fretta, andrebbero evitate del tutto con i bambini.

Autostima: 10 cose da non dire ai bambini - Età prescolare - Bambinopoli

Il rischio, infatti, è quello di minare il processo di acquisizione dell'autostima personale, fondamentale per affrontare al meglio le sfide della vita presenti e future. di Manuela Magri. Come insegnare ai bambini a perdere - Nostrofiglio.it. Un tiro al pallone sfortunato, una torre che crolla, o un disegno mal riuscito possono scatenare lacrime e rabbia a ogni bambino in età prescolare.

Come insegnare ai bambini a perdere - Nostrofiglio.it

L'esperienza di 'perdere' nel corso di un gioco (da solo o con gli amichetti) o non farcela a concludere un'attività con successo, spesso, dà vita a una (mezza) tragedia... Occorre insegnare al piccolo a perdere? Disturbo-oppositivo-provocatorio1.pdf. Educare senza urlare. La rabbia non serve a nulla. Il talento non esiste. Il talento non esiste, e se esiste non conta poi molto per il successo.

Il talento non esiste

Ecco perché è meglio non tirarlo in ballo con i nostri figli se vogliamo che diventino veramente intelligenti. Foto ©Nathan Russell utilizzata con licenza Creative Common. 6 paroline magiche per far smettere gli schizzinosi  Di Leigh Anderson Quando mio figlio maggiore aveva diciotto mesi, a un certo punto aveva smesso di mangiare ciò che gli proponevo.

6 paroline magiche per far smettere gli schizzinosi 

All'ora dei pasti mi piantava delle grane interminabili e indicava la dispensa dove tenevamo i cracker e il pane. Come interpretare gli scarabocchi dei bambini. Come interpretare gli scarabocchi dei bambini, un linguaggio non verbale che rivela molto sulla personalità dei piccolissimi. Non sono disegni di senso compiuto, eppure hanno un significato profondo, configurandosi come tentativo di comunicare le proprie emozioni a mamma e papà.

Paura, gioia, sconforto, malinconia, allegria, gli scarabocchi racchiudono nel loro non-senso messaggi tutt’altro che sconclusionati. Forma, posizione, colori, questi gli elementi base che vanno tenuti in considerazione quando si parla di interpretazione degli scarabocchi. Premesso che le teorie in materia variano a seconda dell’orientamento psicologico, ecco alcune linee guida per interpretare questi spaccati visivi sull’interiorità dei bimbi. La posizione sul foglio. Educare bambini:Non sgridarli,li predisponi alla violenza.PerchèJEDA NEWS. Autostima: le 10 cose da non dire ai bambini. Nella crescita di un bambino le parole sono estremamente importanti. Frasi che per noi adulti sembrano totalmente innocue possono invece fissarsi nella mente dei più piccoli con grande prepotenza e avere, a lungo termine, anche degli effetti sul carattere e la personalità dei figli.

Ecco perchè NON dire "bravo" ad un bambino - Eticamente.net. Pensateci bene: quante volte al giorno dite a vostro figlio “Bravo!” ? Tante, troppe volte.