background preloader

TESINA FOTOGIORNALISMO DI GUERRA

Facebook Twitter

Le 10 foto di guerra che hanno fatto la storia. La caduta della statua di Saddam Hussein nel 2003.

Le 10 foto di guerra che hanno fatto la storia

Foto scattata in un campo di concentramento nazista tra il 1942 ed il 1943. L'uomo sopra la montagna di cadaveri è Fritz Klein, il medico tedesco del campo ci prigionia. Foto scattata da Joe Rosenthal nel 1945. Celebre foto di Alfred Eisenstaedt, che mostra un soldato baciare un'infermiera, durante i festeggiamenti per l'appresa notizia della fine della guerra. Foto scattata da Robert Capa nel 1936, intitolata "Loyalist Militiaman at the Moment of Death", che mostra l'attimo esatto in cui un soldato viene colpito, prima di cadere a terra.

Foto scattata da Robert Capa nel 1944, durante il secondo conflitto mondiale. Foto scattata in un ghetto in Polonia nel 1943. Vietnam 1972, foto scattata da Huynh Cong Ut. Nella foto l'esplosione della bomba atomica sopra Nagasaki, nell'agosto 1945. INGLESE (WORLD PRESS PHOTO) Samuel Aranda Photographer. World Press Photo 2010 - La Storia. La foto di un concorrente che cadeva dalla sua motocicletta durante una gara, vinceva il primo World Press Photo of the Year.

World Press Photo 2010 - La Storia

L’anno era il 1955. La prima foto in assoluto a vincere. Da allora ogni anno ha il suo concorso e la sua immagine vincitrice. Molte di queste sono diventate delle icone; una ragazza nuda che corre dopo un attacco di napalm in Vietnam, un monaco buddista che si da fuoco, un giovane dimostrante solo davanti ai carri armati in Piazza Tiananmen. Queste icone hanno creato tendenze, stabilito lo stile del foto giornalismo. Quel premio del 1955 arriva quando i membri dell’unione dei foto giornalisti olandesi ebbero l’idea di creare una competizione internazionale che andasse ad integrare quella nazionale, the Zilveren Camera. Il 1960 vide la costituzione della Fondazione che pose le basi della odierna organizzazione. Il primo decennio del nuovo secolo ha visto non solo il 50° anniversario del World Press Photo, ma un'ulteriore ristrutturazione dell’organizzazione.

World Press Photo 2012: fotografie e storie in tour. Una donna ‘celata’ che sostiene un uomo svelato e ferito durante le proteste contro il presidente Ali Abdullah Saleh (World Press Photo of the Year 2011, Samuel Aranda, Spagna, pubblicata su The New York Times), l’infanzia negata delle spose bambine dello Yemen Primo premio Contemporary Issues Stories, Stephanie Sinclair, USA, VII Photo Agency per National Geographic Magazine), una modella della settimana della moda senegalese di Dakar nella bottega di strada del sarto (Secondo premio Arts and Entertainment Singles, Vincent Boisot, France, Riva Press per Le Figaro Magazine), la trincea di una prostituta tossicodipendente Ucraina fotografata a Kryvyi Rig (Primo premio Contemporary Issues Singles, Brent Stirton, Sudafrica, Reportage Getty Images per Kiev Independent) e l’Alzheimer di Monica (Primo premio Daily Life Stories Alejandro Kirchuk, Argentina).

World Press Photo 2012: fotografie e storie in tour

World Press Photo. IL  Neorealismo Cinematografico. La Fotografia e il Neorealismo in Italia 1945-1965. Barbara Grespi Fotografia Neorealismo. Su Milano-Torretta dal ’50), dall’altro la fotografia di viaggio (PietroDonzelli e Enrico Pasquali, dal ‘46), infine la fotografia di strada,pittoresca o bozzettistica, pubblicata su Il mondo (i famosissimiBerengo Gardin e Spampanato, dal ‘50).Nell’annuario di Casabella si dice però qualcosa di diverso.

Barbara Grespi Fotografia Neorealismo

Siriconosce in Lattuada, cioè nella sua attività fotografica, una sortadi eccezione, l’inizio della linea realista. Lattuada: dunque ancoraqualcuno che lavora tra cinema e fotografia, il nodo èevidentemente lì. Vietnam, 35 anni fa finiva la guerra - Panorama. Vietnam.pdf (Oggetto application/pdf) John Filo. Eddie Adams. Nick Ut. Fotografia di guerra. Se il reportage fotografico aveva aperto la strada alla pubblicazione di libri e alla nascita di riviste illustrate, fu nel periodo fra le due guerre che quella del fotoreporter divenne una professione definita, creando i suoi miti e i suoi eroi.

fotografia di guerra

In America era stato il settimanale illustrato Life, lanciato nel 1936 da Henri Luce, a raccogliere intorno a s uno staff di validi fotografi, prima fra tutte Margaret Bourke-White, seguita da Alfred Eisenstaedt, Thomas McAvoy, Peter Stackpole. Spesso criticato per la superficialit e il sensazionalismo degli articoli, nonch per la linea politica imposta dal suo editore e fondatore, Life non aveva rivali per quanto riguardava i servizi fotografici e la sua formula venne ben presto imitata anche in Europa. Life fu anche uno dei pi accesi sostenitori dell'intervento americano alla Seconda Guerra Mondiale e, all'entrata in guerra, invi parecchi fotografi in Europa e nel Pacifico per seguirne gli avvenimenti.

Segue.