background preloader

Orlando Furioso

Facebook Twitter

Donne, cavalieri, armi, amori: una mostra sull'Orlando Furioso - minima&moralia. Di minima&moralia pubblicato lunedì, 26 settembre 2016 · 2 Commenti Foto realizzate da Andrea Bighi — riproduzione vietata di Licia Vignotto Da quali suggestioni nasce la poesia?

Donne, cavalieri, armi, amori: una mostra sull'Orlando Furioso - minima&moralia

Cosa ricorda chi congegna l’intreccio di una storia? LUDOVICO ARIOSTO L’ORLANDO FURIOSO. L’ORLANDO FURIOSO: identikit Il poema ariostesco vede 3 edizioni: Nell’ultima edizione non. - ppt scaricare. Memoradio - Piccolo pianeta – Ludovico Ariosto. Memoradio - Orlando Furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino. La grande radio - La grande radio - Orlando, Furioso da cinque secoli. L’Orlando immaginato. Memoradio - L’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino.

Rai.tv - L'Orlando Furioso. L’Orlando furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino - Furioso 2016. Il 22 aprile del 1516 viene data alle stampe la prima versione dell’Orlando furioso di Ludovico Ariosto.

L’Orlando furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino - Furioso 2016

Sono passati Cinquecento anni da un anniversario da ricordare. Rai Radio 6 Teca lo fa riproponendo una vera chicca conservata in Audioteca, cioè L’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino, serie del 1968 realizzata per il Programma Nazionale (Radio Uno); la lettura poetica dei canti è di Giorgio Albertazzi, Giancarlo Sbragia, Arnoldo Foà e Alberto Lupo; la voce narrante che legge i commenti di Calvino è di Gianni Bonagura.

La regia è di Nanni de Stefani e le musiche originali di Bruno Nicolai. Il programma è in dodici parti (ognuna contiene due puntate integrali della trasmissione originale): ciascuna puntata può essere riascoltata in audio on demand. A cura di Elisabetta Malantrucco. Torna il vero «Furioso» Abbiamo imparato da tempo che non sempre l’edizione definitiva di un’opera è migliore dei tentativi che l’hanno preceduta.

Torna il vero «Furioso»

Ormai diffidenti verso le “magnifiche sorti e progressive”, abbiamo adottato una visione pluralistica: le diverse stesure di un’opera sono appunto interessanti nella loro diversità, espressioni di un percorso magari accidentato, di momenti molteplici nella vita dell’autore, nella storia che sta vivendo. Il che non vuol dire, naturalmente, che di volta in volta una versione non ci possa piacere più o meno di un’altra, che non possiamo apprezzare l’impegno di revisione formale, e magari l’effettivo miglioramento che si è verificato.

Ludovico Ariosto - Il proemio dell'Orlando furioso - Letteratura italiana. 1 Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i Mori d’Africa il mare, e in Francia nocquer tanto, seguendo l’ire e i giovenil furori d’Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano sopra re Carlo imperator romano. 2 Dirò d’Orlando in un medesmo tratto cosa non detta in prosa mai, né in rima: che per amor venne in furore e matto, d’uom che sì saggio era stimato prima; se da colei che tal quasi m’ha fatto, che ‘l poco ingegno ad or ad or mi lima, me ne sarà però tanto concesso, che mi basti a finir quanto ho promesso. 3 Piacciavi, generosa Erculea prole, ornamento e splendor del secol nostro, Ippolito, aggradir questo che vuole e darvi sol può l’umil servo vostro.

Ludovico Ariosto - Il proemio dell'Orlando furioso - Letteratura italiana

Ludovico Ariosto - La follia di Orlando - Letteratura italiana. XXIII, 100 Lo strano corso che tenne il cavallo del Saracin pel bosco senza via, fece ch'Orlando andò duo giorni in fallo, né lo trovò, né poté averne spia.

Ludovico Ariosto - La follia di Orlando - Letteratura italiana

Giunse ad un rivo che parea cristallo, ne le cui sponde un bel pratel fioria, di nativo color vago e dipinto, e di molti e belli arbori distinto. 101 Il merigge facea grato l'orezzo al duro armento ed al pastore ignudo; sì che né Orlando sentia alcun ribrezzo, che la corazza avea, l'elmo e lo scudo. Quivi egli entrò per riposarvi in mezzo; e v'ebbe travaglioso albergo e crudo, e più che dir si possa empio soggiorno, quell'infelice e sfortunato giorno. 102 Volgendosi ivi intorno, vide scritti molti arbuscelli in su l'ombrosa riva. Tosto che fermi v'ebbe gli occhi e fitti, fu certo esser di man de la sua diva. Ludovico Ariosto - Letteratura italiana. Ludovico Ariosto (Reggio Emilia, 1474 - Ferrara, 1533) è stato uno dei più importanti poeti italiani dell'epoca rinascimentale e uno dei principali scrittori della nostra tradizione.

Ludovico Ariosto - Letteratura italiana

Di famiglia nobile ma con difficoltà economiche, è stato uomo di corte e di quell'ambiente ha sperimentato aspetti positivi e negativi, pur vivendo per anni a Ferrara presso gli Este cui la sua fama è indiscutibilmente legata. Si è cimentato nei generi poetici più diversi, scrivendo rime di ispirazione petrarchesca, satire (uno dei pochi esempi della letteratura del XVI sec.) e commedie, dedicando al teatro una parte non irrilevante della sua attività di scrittore. Biografia La giovinezza e il servizio a Ippolito d'Este.