background preloader

Sicurezza e privacy

Facebook Twitter

Untitled. Sicurezza informatica aziendale in Italia?

untitled

Le ricerche sulle aziende di grandi dimensioni, operanti nel pubbliche e nel privato, confermano come la percezione del rischio sia molto acuta rispetto alle priorità e alle strategie atte a tutelare dati, applicazioni, reti e sistemi. La questione è che oggi la maggior parte dei processi è digitale o in qualche modo passa dalle tecnologie digitali. Gli utenti sono tutti connessi, che agiscano in modalità privata o in modalità pubblica, e garantire la business continuity non è e non può essere considerato soltanto un servizio assegnato al team IT. Ecco spiegato il valore di uno studio che ha coinvolto nelle risposte sia i CIO che i CFO sui temi cardine della sicurezza nel nostro Paese. Le aziende stanno cambiando passo La sicurezza è gestita utilizzando risorse interne dal 60% delle grandi aziende e dal 67% delle PA.

Una fotografia italiana della sicurezza informatica aziendale È questo a portare le aziende ad avere per il 2016 esigenze diverse. Cyber security, lavori in corso per regole globali di protezione. Di Pierluigi Paganini, Membro del Gruppo di Lavoro Cyber G7 2017 presso Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Cyber security, tutti ne parlano, troppi abusano dei suoi termini, i molti non riescono andare oltre all’opportunità di business che questa materia promette di offrire nei prossimi anni.

Cyber security, lavori in corso per regole globali di protezione

Da un lato abbiamo una società avida di tecnologia, dall’altra la scarsa consapevolezza della minaccia cibernetica. Basta sfogliare un giornale per comprende che qualcosa di importante sta accadendo, il numero di attacchi informatici è in inesorabile aumento così come il loro livello di complessità. A farne le spese è la collettività, cieca dinanzi ad una lenta emorragia che la sta consumando proprio nel momento in cui ritiene che l’evoluzione tecnologica ci possa portare in ogni dove. Criminali informatici, hacker al soldo di governi, attivisti e cyber terroristi minacciano istantaneamente il nostro vissuto digitale. Ed allora quale soluzione può prospettarsi? Sicurezza informatica nella Pubblica Amministrazione: le nuove linee guida dell'Agid. In attesa dei tempi necessari a definire la regolamentazione completa, l'Agid fornisce precise Linee Guida per la sicurezza ICT delle Pubbliche Amministrazioni attraverso un documento strutturato, intitolato: Misure minime di sicurezza ICT per le Pubbliche Amministrazioni.

Sicurezza informatica nella Pubblica Amministrazione: le nuove linee guida dell'Agid

Sicurezza informatica per la PA significherà che l'approccio non sarà più solo un insieme di best practice relative all'analisi delle minacce, delle vulnerabilità e dei rischi dei sistemi ICT che potrebbero causare interruzione dei servizi, furti e, in generale, danni diretti o indiretti ad aziende e persone. Il Governo, infatti, si sta apprestando a deliberare una normativa molto dettagliata e, come si sa, questo si rifletterà poi nel mondo del privato che dovrà seguire a ruota.

Misure minime di sicurezza ICT per le pubbliche amministrazioni La sicurezza ICT nella PA e il ruolo dell'Agid. Di noi sanno tutto il dottore, la banca... e gli oggetti che usiamo ogni giorno. Vivere nell’era dell’Internet of Things, dove tutti gli oggetti, o meglio dispositivi, sono collegati alla rete e tra loro, vuol dire anche vivere nell’era dei dati.

Di noi sanno tutto il dottore, la banca... e gli oggetti che usiamo ogni giorno

Milioni, miliardi di informazioni che ogni giorno questi oggetti raccolgono, anche quando siamo convinti di non usarli. Sanno tutto di noi, conoscono le nostre abitudini, i nostri dati biometrici, sanno se, quando e quanto ci muoviamo, dove andiamo, con chi (se usiamo i social) interloquiamo o chi incontriamo più spesso. Così la tecnologia controlla le nostre vite E’ l’altra faccia della medaglia della tecnologia. Una tecnologia che negli anni si è evoluta per essere sempre più presente nelle nostre vite, e che tanto è più utile quanto più riesce a sapere di noi, per “vestirci” ogni giorno come un abito su misura. Tant’è che ora una delle questioni più dibattute è quella della privacy. Il caso dell’Amazon Echo che registra tutto (proprio tutto) Perché si puó già parlare di “segreto tecnologico” @aldopecora.

La sicurezza delle informazioni nell'era del Web 2.0. Qualita PA -  Albo pretorio on line. Per Albo Pretorio si intende il luogo e lo spazio dove vengono affissi tutti quegli atti per i quali la legge impone la pubblicazione in quanto debbono essere portati a conoscenza del pubblico, come condizione necessaria per acquisire efficacia e quindi produrre gli effetti previsti.

Qualita PA -  Albo pretorio on line

L’attività dell’albo pretorio consiste quindi, nella pubblicazione di tutti quegli atti sui quali viene apposto il “referto di pubblicazione”: deliberazioni, ordinanze, determinazioni, avvisi, manifesti, gare, concorsi e altri atti del Comune e di altri enti pubblici, che devono essere portati a conoscenza del pubblico come atti emessi dalla pubblica amministrazione;avvisi di deposito alla casa comunale di atti finanziari e delle cartelle esattoriali;provvedimenti tipo piani urbanistici, del commercio, del traffico, ecc. ecc.particolari atti riguardanti privati cittadini, come il cambio di nome e/o cognome.

Albo pretorio on line Cosa deve garantire la PubblicazioneLa pubblicazione on line deve garantire: