background preloader

Dipartimento della Protezione Civile

Dipartimento della Protezione Civile
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Esso si occupa a livello nazionale della previsione, prevenzione, gestione e superamento di disastri, calamità, umane e naturali, di situazioni di emergenza, di eventi straordinari ed in generale anche ad attività di difesa civile. Può anche avvalersi della collaborazione dei soggetti operanti nell'ambito del servizio civile nazionale. L'attuale capo del Dipartimento Nazionale è l'ex prefetto dell'Aquila Franco Gabrielli. Storia[modifica | modifica sorgente] Classificazione sismica del territorio italiano, a cura del Dipartimento della Protezione Civile, nel 2012. Prima della costituzione di un servizio statale di protezione civile vero e proprio, un servizio di soccorso pubblico non era previsto a livello legislativo, essendo rimesso alla discrezione di privati e di organizzazioni non statali né pubbliche; solitamente era l'esercito che forniva un primo intervento nelle aree interessate da disastri. La riforma del 2012[modifica | modifica sorgente] Related:  sicurezza - 3c

Incendio Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. L'incendio è una reazione ossidativa (o combustione) non controllata che si sviluppa senza limitazioni nello spazio e nel tempo dando luogo, dove si estende, a calore, fumo, gas e luce. Gli incendi rappresentano e hanno rappresentato da sempre il fattore di maggior rischio per le attività umane e pertanto nel corso dei tempi sono state create metodologie per prevenirli e strumenti per combatterli. In particolare, con l'aumento delle concentrazioni di persone in spazi chiusi o comunque limitati, tipico degli agglomerati urbani e con l'aumento delle attività potenzialmente pericolose, il rischio incendi è divenuto uno dei più comuni. Cause[modifica | modifica sorgente] Incendio di sostanza chimica (combustione violenta ad alta temperatura) Un incendio può essere provocato da diverse cause sia naturali (autocombustione, fulmini, ecc) che per mano dell'uomo per motivi casuali, leciti o illeciti (fortuito, provocato o doloso). Il triangolo del fuoco dove:

Frana Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Con il termine frana si indicano tutti i fenomeni di movimento o caduta di materiale roccioso o sciolto dovuti alla rottura dell'equilibrio statico preesistente ovvero all'effetto della forza di gravità che, agendo su di esso, supera le forze opposte di coesione del terreno. Descrizione[modifica | modifica sorgente] Le frane possono dare luogo a profonde trasformazioni della superficie terrestre, e a causa della loro alta pericolosità, in alcune aree abitate, devono essere oggetto di attenti studi e monitoraggi. Per frana o dissesto è da intendersi qualsiasi situazione di equilibrio instabile del suolo, del sottosuolo o di entrambi, compreso fenomeni di intensa erosione superficiale, o fenomeni franosi che interessano i pendii in profondità, tali movimenti sono controllati dalla gravità. Parti di una frana[modifica | modifica sorgente] In genere una frana è caratterizzata da tre parti: nicchia di distacco;alveo o pendio di frana;accumulo della frana

Rischio Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Concetto di rischio[modifica | modifica sorgente] Ci sono molte definizioni di rischio che dipendono dalle applicazioni e dal contesto. Più in generale, ogni indicatore di rischio è proporzionale all'effetto atteso e alla sua probabilità di accadimento. Più recentemente al rischio è stato associato un significato più ampio di rischio/opportunità, dove non necessariamente un evento incerto è solo visto come rischio negativo ma anche generare un'opportunità positiva. In genere il valore del "rischio reale" risulta differente sia del "rischio ipotetico" (che è il valore ottenuto da stime tecnico-scientifiche) sia dal "rischio apparente" (che è soggettivo, in quanto dipendente dalla percezione umana del rischio). Rischio per l'impresa[modifica | modifica sorgente] All'interno di un'impresa i rischi possono essere divisi anche in: Valutazione del rischio[modifica | modifica sorgente] R = P × Vu × Val dove Valutazione professionale[modifica | modifica sorgente]

Terremoto Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Schema di cosa genera un terremoto. L'improvviso spostamento di una massa rocciosa, di solito non superficiale, genera le onde sismiche che raggiungono in breve tempo la superficie terrestre facendo vibrare gli strati rocciosi e i terreni soprastanti. In geofisica i terremoti (dal latino terrae motus, cioè "movimento della terra"), detti anche sismi o scosse telluriche (dal latino Tellus, dea romana della Terra), sono vibrazioni o oscillazioni improvvise, rapide e più o meno potenti, della crosta terrestre, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo. Secondo il modello della tettonica delle placche il movimento delle placche è lento, costante e impercettibile (se non con strumenti appositi), ma modella e distorce le rocce sia in superficie che nel sottosuolo. Descrizione[modifica | modifica sorgente] Mappa delle zone sismiche terrestri Cause[modifica | modifica sorgente] Tipi di faglie[modifica | modifica sorgente]

Sport Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Hermes, uno degli dei e patrono Olimpico dell'atletica Lo sport è l'insieme di attività fisiche effettuate per fini salutistici, formativi, ricreativi, competitivi, ecc. Ad oggi, con il termine «sport» si indicano tutte le discipline fisiche in tutte le sue forme e fini (sin da prima della nascita del termine stesso), e inoltre fa riferimento pure a tutto ciò che riconduce allo sport, ad esempio l'abbigliamento. Etimologia[modifica | modifica sorgente] Il termine sport è l'abbreviazione della parola inglese disport che significa divertimento. Con il termine sport si indicano tutte le discipline fisiche in tutte le sue forme e fini, che c'erano da prima dell'uso della parola deportare ad oggi, e inoltre fa riferimento pure a tutto ciò che riconduce allo sport, esempio l'abbigliamento. Storia[modifica | modifica sorgente] Lo sport nella Preistoria[modifica | modifica sorgente] Origini dello sport[modifica | modifica sorgente]

I rischi di Internet I dati raccolti dalla Società italiana di Pediatria nel corso di numerose ricerche sull’argomento, per altro in linea con quanto indicato da altre autorevoli fonti di ricerca, tracciano un quadro evidente di come Internet stia progressivamente prendendo spazio nelle abitudini quotidiane di vita degli adolescenti, avvicinandosi a quel punto di flesso in cui da opportunità positiva potrebbe trasformarsi in fonte di dipendenza. E’ ormai universalmente riconosciuto che Internet, al pari di fumo, alcol, droga, gioco d’azzardo,… può determinare dei veri e propri fenomeni di dipendenza: dall’esigenza di assumerne “dosi” sempre maggiori per raggiungere uno stato di soddisfacimento, fino allo stadio in cui il “consumo” non è più vissuto come momento di piacere, ma è l’astinenza a creare disagio. I SINTOMI - L’elenco che segue, in parte ricavato dagli ampi studi effettuati sull’argomento dalla sociologa americana Kimberly S.

Calamita Naturali Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2007) di Paolo Migliorini Calamità naturali "Calamità naturale deve intendersi ogni fatto catastrofico, ragionevolmente imprevedibile, conseguente a eventi determinanti e a fattori predisponenti tutti di ordine naturale, e a loro volta ragionevolmente imprevedibili" (Franceschetti, 1973). Questa definizione tende a sottolineare il fatto che la locuzione calamità naturale può essere fuorviante, in quanto non sempre la responsabilità delle conseguenze calamitose può essere attribuita a eventi naturali: se si accerta l'incidenza di cause determinanti e di fattori predisponenti ricollegabili all'attività umana ‒ come accade il più delle volte ‒ occorrerà valutarne gli effetti sui processi risultanti, prima di attribuire all'evento naturale la responsabilità dei fatti accaduti. Ai disastri naturali si contrappongono i disastri provocati essenzialmente dall'uomo, nei quali sono del tutto ininfluenti i fattori naturali. sommario 1. 1. 2.

alluvioni in Italia Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Lista delle principali alluvioni e inondazioni avvenute in Italia. Alluvioni e inondazioni avvenute in Italia tra il 2000 e il 2014[modifica | modifica sorgente] Alluvioni e inondazioni avvenute in Italia fra il 1947 e il 1999[modifica | modifica sorgente] Alluvioni e inondazioni avvenute nel Regno d'Italia fra il 1861 e il 1946[modifica | modifica sorgente] Alluvioni e inondazioni avvenute sul territorio italiano in periodi remoti[modifica | modifica sorgente] Note[modifica | modifica sorgente] Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Related: