background preloader

Macchina semplice

Macchina semplice
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Tavola sulle macchine semplici dalla Cyclopaedia di Chambers del 1728. È necessario anzitutto studiare le macchine semplici per comprendere macchine più complesse. Una macchina semplice è chiamata così perché non si può scomporre in macchine ancora più elementari. Una delle caratteristiche distintive della specie umana è la capacità di fabbricare strumenti con i quali costruirne altri. L'uso delle macchine ha permesso all'uomo di compiere lavori per cui erano richieste forze superiori alla sua, sfruttando ad esempio la forza del vento, dei combustibili e dell'acqua. Per "macchina" si intende quindi qualsiasi apparecchio utilizzato per aumentare il valore della forza, cambiarne la direzione o aumentare la velocità con cui si esegue un lavoro. Esistono macchine di tanti tipi e dimensioni, ma sebbene possano sembrare complesse, tutte le macchine non sono altro che una combinazione di macchine semplici o la modificazione di una macchina semplice.

Verricello. Gli organi meccanici delle macchine - Pagina originale Esistono poi altri importanti componenti : Cilindro : La parte in cui scorre il pistone. Praticamente un grosso Foro. Testa : E' la parte superiore che chiude il cilindro. Camera di scoppio o di combustione : E' la parte superiore del cilindro cioè lo spazio che rimane tra la testa ed il pistone quando questo è nella posizione più elevata. Carter o Basamento : E' generalmente la struttura che circonda e sostiene tutti gli altri organi meccanici e che comprende i cilindri. Cielo del pistone : E' la parte superiore del pistone, quella a arriva a sfiorare la testa e sulla cui superficie avviene la combustione. Fasce : Sono delle guarnizioni che garantiscono la tenuta dei gas, e limitano l'usura tra pistone e cilindro. Bilanciere : E' una massa che fa parte dell'albero che ha lo scopo di equilibrare il motore, cioè di ridurre le vibrazioni. E' necessario dare qualche nome alle dimensioni caratteristiche di un motore. (D) Alesaggio: Il diametro del pistone Un paio di definizioni :

Carrucola Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. La carrucola è una macchina semplice adatta al sollevamento di carichi. In marina viene chiamata bozzello. Tipi[modifica | modifica sorgente] Carrucola fissa[modifica | modifica sorgente] Nella carrucola fissa, l'asse della puleggia è fisso, e la ruota ha una sola funzione cioè quella di deviare la forza applicata ad un'estremità della fune. In pratica il rapporto F:m è invece sempre superiore a 1 e deriva dal rendimento della carrucola e cioè: dove: ηc è il rendimento della carrucola μp è il coefficiente d'attrito del perno μ = coefficiente d'attrito della fune D e d, nel dimensionare la carrucola dipendono da df, il diametro della fune, perciò in pratica ηc si fa dipendere da df. Mobile[modifica | modifica sorgente] Composta[modifica | modifica sorgente] Una carrucola composta è un insieme di due o più carrucole. I sistemi di carrucole multiple sono anche detti paranchi. Voci correlate[modifica | modifica sorgente] Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

L' asse della ruota. Le macchine semplici (Informazioni rielaborate) carrucola Argano. Leonardo Da Vinci (Informazioni rielaborate) Carrucola leva La puleggia. Attrezzi e dispositivi di uso quotidiano Carrucole Esperimento CAR1 Uno sguardo diverso alla carrucole Riferimento agli esperimenti A11 e A12 della Sezione Forze ed Equilibrio Scopo: Introdurre un modo più semplice e universale di quello che fa riferimento ai generi delle leve per ricavare il valore del “vantaggio” di un sistema di carrucole. Materiali: - L’occorrente per montare su un tavolo semplici sistemi di carrucole, oppure dispositivi predisposti disponibili in commercio. - Masse tarate con doppio gancio da 5, 10 e 20 grammi o comunque di valore dello stesso ordine di grandezza della massa del dispositivo commerciale utilizzato. - Dinamometro di portata adeguata ai pesi dei carichi utilizzati, azzerabile secondo la direzione della forza da misurare. - Riga da disegno o asta metrica millimetrata. - Metro flessibile (per esempio un metro da sarti). Procedimento: - Si misurano con il dinamometro i pesi delle carrucole disponibili FM × dM = FC × dC FM×dM = FC×dC, che si può anche scrivere FC/ FM = dM/ dC

Il paranco. La carrucola

Related: