background preloader

Nodo italiano della rete internazionale di Transizione

Oboe - Fisica, onde Musica Da "Fisica, onde Musica": un sito web su fisica delle onde e del suono, acustica degli strumenti musicali, scale musicali, armonia e musica. NOTA: tutti i campioni sonori dell'oboe sono stati eseguiti da Francesco Luglini il 26/10/2007. Ingegnere del suono: Valerio Carboni. Struttura dello strumento L'oboe ha un corpo conico con un'apertura un po' più pronunciata in prossimità della bocca dello strumento. A differenza che nel clarinetto e nel saxofono l'ancia dell'oboe è doppia. Come si produce il suono A differenza dell'ancia semplice, in cui una linguetta flessibile oscilla contro un supporto fisso (vedi clarinetto), nell'ancia doppia entrambi i bordi sono flessibili ed oscillano l'uno contro l'altro in opposizione di fase.La funzione dell'ancia, semplice o doppia che sia, è comunque sostanzialmente la stessa, e consiste nel trasformare il flusso d'aria continuo generato dall'esecutore in un flusso oscillante, e quindi in onde sonore all'interno del tubo di risonanza. Il vibrato

Professor Damien Ridge: Creating Hope Out of Your Depression When I told people I was going to go around the country and talk to dozens of people about their depression, the common response was "Oh, that sounds really depressing." But it was actually the opposite. The remarkable courage and creativity that people - dealing with depression and striving to get better - demonstrated, showed me the human spirit at its best. The people I talked to welcomed me into their homes and told me their stories of their road to hell and back. Let me tell you now, negative attitudes to depression - or any mental health problem for that matter - make no sense to me. One in four of us will experience a mental health problem in any given year. Depression is supremely isolating and frequently terrifying. With experience, many people found a way of relating to depression differently. You talked about the tools of the trade. Talking about it, you discovered you were not the failure you thought you were. But there is so much help available now.

Come scrivere un romanzo fantasy di successo Non sono riuscito a capire chi è l'autore di questo piccolo pezzo di satira che gira per la rete, ma poiché è troppo divertente ne abbozzo una traduzione (frettolosa, volutamente abbreviata e senz'altro piena di errori) in italiano. Ok, rischio di violare un principio sacrosanto: il copyright di chi ha scritto queste righe o, per lo meno, il riconoscimento e i ringraziamenti. Mea culpa. Come scrivere un romanzo fantasy di successo 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. Se il Mago avesse veramente usato il suo potere, non avrebbe avuto bisogno dello Sfigato per salvare la Compagnia, e il libro finirebbe in un centinaio di pagine. 8. 9. 10. Altri punti chiave I cattivi sacrificabili. I vecchi veterani. Pure Vergini Guerriere. Tipi fisici. Nomi dei personaggi. Tecnologia i mondi fantasy hanno sempre delle inspiegabili mancanze tecnologiche. Magia. Abitazioni. Le Capanne si trovano in luoghi remoti. E' tutto ciò di cui avete bisogno!

Come NON bisogna scrivere un libro fantasy Non sono un autore pubblicato salvo qualche raccontino su riviste e antologie o sul web, qualche volta pagato ma generalmente no. Per via della mia collaborazione con Fantasy Magazine ho comunque recensito vari libri fantasy italiani e non. E anche qui sul blog mi è capitato di dare un parere riguardo a diversi autori italiani (forse più in passato che in tempi recenti). Il problema è che per quello che ho potuto vedere, questi autori spesso non hanno le minime basi e talvolta fanno errori anche grossolani, per quanto debba dire che la maggior parte sono a posto dal punto di vista della pura e semplice grammatica. - Compagno Stalin, ci sono centomila scrittori che vorrebbero essere pubblicati.- Bene! Sono esistiti scrittori che al primo romanzo ci hanno subito azzeccato e hanno scritto un capolavoro. Quindi se volete un consiglio non vi focalizzate su un solo romanzo come coronamento di tutto quello che volete dire, la vostra somma opera e altre simili romanticherie.

6 dettagli del tuo blog che (forse) stai ignorando I dettagli fanno la differenza: frase inflazionata, ma sempre incisiva. Soprattutto quando il tuo obiettivo è la pianificazione di una buona strategia di blogging. Hai iniziato a scrivere da qualche mese, magari da un anno o due, e hai un buon seguito. Niente paura, sono i dettagli che rivendicano un’attenzione in più. Niente paura! 1. A volte ci concentriamo su mille diavolerie, e perdiamo di vista l’importanza del Feed Rss. Le icone Feed Rss devono essere sempre presenti e ben visibili.Usa Feedburner e le sue potenzialità: statistiche, numero di iscritti, feed via email.Inserisci gli articoli correlati anche nel feed e installa il plugin Rss Footer per avere un link extra per combattere i contenuti duplicati. Poi c’è la solita polemica che affligge la blogosfera: feed intero o preview? 2. Hai dato fondo alle tue risorse e hai pubblicato il tutorial perfetto, definitivo. In questo modo l’utente può scegliere subito l’argomento, risparmiando tempo prezioso. 3. 4. 5. 6. La tua opinione

8 consigli per creare personaggi memorabili | worldofdarkwing.com Giorni fa un lettore mi ha scritto chiedendomi alcuni consigli su come creare dei personaggi interessanti, perciò ho deciso di realizzare questa breve guida sperando che sia utile a quanti si pongono le stesse domande! La regola numero zero I personaggi sono i vostri attori Prima di tutto, ricordate che i personaggi sono gli attori della vostra storia. Dategli modo di farlo. Vediamo, ora, in che modo creare questa affinità per rendere i nostri personaggi vivi e interessanti anche per gli altri, cioè come caratterizzarli. 1. Anche se lo metto come primo punto, in realtà descrivere un personaggio non è sempre un passo necessario. Questa descrizione non deve per forza arrivare puntuale nel momento in cui il personaggio viene presentato, può anche essere fornita gradualmente, ma è bene che entro poche pagine dalla sua introduzione siano date al lettore le informazioni necessarie affinché possa crearsene una raffigurazione mentale. Niente da dichiarare? Tu, burbero maschione! 2. Io scapperei. 3.

Fantasy » Blog Archive » Appunti di editing In questi ultimi mesi di editing e valutazioni – a proposito, per chi fosse interessato sono ancora disponibile almeno fino a questa estate; maggiori informazioni qui – ho notato una serie di problemi comuni. Di alcuni ho già parlato nei Manuali (1 – Descrizioni, 2 – Dialoghi, 3 – Mostrare) o nelle FAQ, ma repetita iuvant. Partendo dalle questioni più semplici: Curate la grammatica. Copertina di Baudolino Tenete sottomano un vocabolario, ce ne sono anche molti gratuiti online – io al momento uso quello Treccani. Mi abbagliano gli occhi le luci chiassose dei negozi [...] Sì, sta roba la scrive un autore pubblicato, anche se il brano da cui cito è inedito. Attualmente si tende a eliminare le cosiddette “d” eufoniche. Non scrivete paragrafi troppo lunghi. Non imitate la signora Rand e inserite delle pause. «bla bla bla bla.» È bruttissimo. La classica espressione da pesce lesso che assumono i personaggi facendo pause a destra e a manca Michele si avvicinò al giardino della casa. Altro esempio:

Fabio Bonifacci Polpettine di miglio e riso al forno (senza glutine!) Difficoltà: Facile Tempo di Preparazione: 40 Minuti Ingredienti 100 gr di Miglio 100 gr di Riso Integrale 2 Cipolle 2 Carote 1 Zucchina Prezzemolo tritato Olio extravergine di Oliva 1 litro di Brodo Vegetale Gomasio di Alghe Procedimento Pulite le verdure e tagliatele a cubetti. When and How to Self-Publish: What to Expect & How to Do it Right | Writers Digest Tutorials Every week, receive updates on new tutorials, helpful tips, and more! Tutorial Details: Self-publishing, if done well, could truly be your answer—your way of achieving personal and professional writing goals. However, the decision to self-publish is a big one, and the last thing you want to do is derail your career. This tutorial is taught by Meredith Barnes. Contrary to what the old ‘stigma’ claimed, it’s actually a very exciting time to consider self-publishing—and many authors have built extremely successful careers through this publishing path. During this 56-minute tutorial video, many of your questions will be addressed: What is the difference between digital publishing and self-publishing?

Hay House World Summit 2013 Get these 10-minute sneak previews of candid conversations between Hay House CEO Reid Tracy and these amazing teachers: Louise Hay , Wayne Dyer , Esther Hicks , Suze Orman , Cheryl Richardson , and Doreen Virtue . During the Hay House World Summit you will have the opportunity to hear these entire hour long conversations! These are only a few of the intimate conversations with your favorite teachers sharing personal stories and practical tips that really work in your everyday life. For 10 consecutive days you’ll be able to learn from our incredible teachers on a variety of topics that are truly life changing. And the best part is you’ll be able to do it all… for FREE . During Gregg Braden ’s fascinating conversation you’ll discover the five key false assumptions we’ve all been led to hold as true, and how this obsolete thinking has contributed to the many crises we face today. Relax and enjoy guided meditation exercises from Denise Linn and Sonia Choquette among many others.

I nuovi contadini "Si fatica, ma siamo rinati" I racconti di chi ha scelto la campagna. La fine della solitudine di un cassintegrato, la sicurezza di una ex commerciante: "Anche se un anno non riesci a vendere niente, sai che comunque puoi mangiare" di ALICE GUSSONI La grande fuga verso la campagna "Qui abbiamo trovato il nostro futuro" C'è chi ha recuperato un terreno di famiglia e chi, licenziato, ne ha comprato uno usando la liquidazione. "Dateci da lavorare i terreni pubblici incolti" Si organizzano proteste e presidi per ottenere l'uso dei campi delle amministrazioni. Il grande ostacolo della burocrazia Il sogno di un ritorno alla terra si deve confrontare con la burocrazia e una normativa estremamente complessa. "L'agricoltura può frenare il dissesto idrogeologico" La presenza umana e una manutenzione costante dell'ambiente può essere un antidoto alla piaga di frane, smottamenti e piene che affligge l'Italia. Nasce il movimento delle occupazioni Archivio Tutte le inchieste e i protagonisti

La battaglia per le terre abbandonate nasce il movimento delle occupazioni Dalla Grecia alla Spagna migliaia di ex operai agricoli, di disoccupati, di precari tornano verso le campagne. Ma senza fondi a disposizione da investire si appropriano di appezzamenti abbandonati e rigorosamente pubblici. La chiesa ortodossa offre i suoi terreni ai giovani che ne fanno richiesta. ROMA - Non puntano a case, fabbriche o hangar ma a terre pubbliche abbandonate. Il governo greco ha avviato da tempo un programma per offrire appezzamenti coltivabili a giovani agricoltori che ne facciano richiesta. Anche in Spagna, come in Grecia ed in Italia, sono sempre più numerosi i giovani laureati che si ricollocano nel primario. Secondo l'Asaja (l'Associazione agraria dei giovani agricoltori), negli ultimi cinque anni 2.500 giovani sono entrati in agricoltura in Castiglia e Leòn, mentre in Castiglia-La Mancha, tra il 2000 e il 2010, i nuovi agricoltori sono stati 8.764. Per approfondimenti: 22 maggio 2013 © Riproduzione riservata Pagina 1 di 0, totale messaggi: 0

Related: