background preloader

Light and Matter: open-source physics textbooks

Light and Matter: open-source physics textbooks
Related:  Physics

Suprathreshold stochastic resonance Suprathreshold Stochastic Resonance (SSR) is a variant of stochastic resonance (SR) that occurs for a specific set of conditions that are somewhat different from those of stochastic resonance. Like stochastic resonance, suprathreshold stochastic resonance describes the observation of noise enhanced behaviour in signal processing systems. Unlike conventional stochastic resonance, suprathreshold stochastic resonance does not disappear when the signal is no longer "subthreshold." Introduction Suprathreshold stochastic resonance was first demonstrated in arrays of identical threshold devices in 2000. Most importantly, stochastic resonance occurs regardless of whether the input signal is entirely subthreshold or not, and indeed the suprathreshold stochastic resonance peak in performance is maximized when the threshold levels are set equal to the signal mean, and diminishes otherwise. Figure 1 shows a simple example that satisfies these properties. Key theoretical results Auditory nerve See also

schoolphysics Physics | Main Richard Feynman is a hero of mine. If you like physics, you should get to know his work. You can find a list of Feynman resources here. A note on how I teach mechanics The kinematic equations are commonly presented and used in the mechanics portion of introductory physics courses. The problem I have with introducing them too early is that they lead to a rote approach to problem solving that in the end won't serve you well in your study of physics. Instead, I strongly suggest that you solve every problem as if you were "re-inventing the wheel" every time. Think about problems in the simplest terms: What is happening physically? You'll find that in no time, as you repeat similar kinds of problems and as you notice patterns, that you'll start to take shortcuts. All of the problems solved in problem sets and examples in this section are solved using this approach.

Einstein for Everyone Title page, Preface and Table of Contents for Einstein for Everyone Introduction: the Questions Special Relativity Special Relativity: the Principles Special Relativity: Clocks and Rods Special Relativity: Adding Velocities Special Relativity: the Relativity of Simultaneity Is Special Relativity Paradoxical? E=mc2 Origins of Special Relativity Einstein's Pathway to Special Relativity Spacetime Spacetime Spacetime and the Relativity of Simultaneity Spacetime, Tachyons, Twins and Clocks What is a four dimensional space like? Philosophical Significance of the Special Theory of Relativity. Skeptical Morals Morals About Theory and Evidence Morals About Time The Conventionality of Simultaneity Non-Euclidean Geometry Euclidean Geometry: The First Great Science Euclid's Fifth Postulate Non-Euclidean Geometry: A Sample Construction Non-Euclidean Geometry and Curved Spaces Spaces of Constant Curvature Spaces of Variable Curvature General Relativity General Relativity Gravity Near a Massive Body Cosmology and Black Holes

La Brachistocrona | Giocando con la Gravità | Fandom powered by Wikia Il problema della brachistocrona consiste nel trovare la particolare traiettoria che un corpo, soggetto alla sola forza peso, deve compiere nel passare da un punto ad un punto posto ad una quota più bassa, che sia tale da minimizzare il tempo di percorrenza. La ricerca di questa curva può avvenire notando l'analogia con quanto avviene per la rifrazione della luce. e si trovano agli estremi di due strati di materiali diversi e di uguale spessore h. e percorre i tratti con tempi di percorrenza . . Dove con abbiamo indicato gli angoli di incidenza e di rifrazione dispetto alla normale alla superficie di separazione. con una opportuna costante. Si può generalizzare questo risultato applicando più volte ad una successione di strati contigui di uguale spessore e di materiali diversi. al una velocità e resta determinato il punto di passaggio tra ciascuno strato. al punto è dato da: allora sarà tanto piccolo quanto più è piccolo e quindi se la velocità nel primo tratto tende a zero allora Sia costante L'angolo

The Physics Classroom Open Source Physics Home SxT ilnuovosaggiatore.sif 1 Introduction A sudden blast of votes on an electronic voting machine, an unexpected dive on a transoceanic flight, beams of stainless steel becoming brittle and decreasing their density. This is what can happen when high-energy neutrons interact with electronic chips or with atoms in the lattice of solid materials. Interaction of neutrons with atomic nuclei is intimately connected to the fact that, unlike the interaction of charged particles such as protons or ions with nuclei, neutrons do not have to overcome the Coulomb repulsion to penetrate into the nucleus, and have therefore a high penetration into materials. When high-energy neutrons collide with an electronic device, or with a metal, they interact directly with the nuclei, producing charged secondary particles, such as protons or alpha particles, that can in turn interact with the electrons in the material, giving rise to ionisation. As early as 1942, in Fermi’s reports on the operation of the uranium-graphite reactor, E.P.

ilnuovosaggiatore.sif 1 I materiali del futuro L’ottimizzazione nella sintesi dei materiali è senza dubbio alla base della realizzazione di tecnologie innovative in grado di affrontare le grandi sfide della società contemporanea. Soffermandosi sulla storia della fisica dei semiconduttori, si capisce che i maggiori successi sono stati spesso compiuti grazie alla disponibilità di materiali di elevata qualità cristallina. Un esempio calzante è la microelettronica, che non sarebbe esistita senza il silicio (Si) ultra puro. E che dire dell’effetto Hall quantistico che ha portato Klaus von Klitzing a vincere il premio Nobel per la fisica nel 1985? Non c’è alcun dubbio che la scoperta di quest’ultimo è strettamente legata alle raffinate strutture ad alta mobilità di portatori costituite da transistor a effetto di campo a base di Si e di eterogiunzioni di semiconduttori dei gruppi III-V della tavola periodica. 2 Proprietà di cambiamento di fase dei calcogenuri (IV-VI)x - (V2 - VI3)1 – x 6 Transizione metallo-isolante

ilnuovosaggiatore.sif 1 Smart Windows Elettrocromiche Le smart windows consentono di progettare una “membrana adattiva”, in dialogo con l’ambiente circostante, puntando a massimizzare il comfort termico e visivo. Esse si basano sull’impiego di materiali e dispositivi cromogenici, ossia un’ampia gamma di materiali responsivi, o smart, capaci di cambiare caratteristiche cromatiche in ragione della variazione di uno stimolo esterno specifico. Il target dei sistemi cromogenici consiste nel controllo dinamico del fattore di trasmissione solare g (rapporto tra energia termica globalmente trasmessa dalla lastra e quella incidente). Secondo diversi ricercatori, tra cui Azens et al., il risparmio energetico derivante da una finestra elettrocromica supererebbe la produzione di energia elettrica che si otterrebbe applicando sulla medesima superficie un sistema fotovoltaico, di pari area. 2 Smart windows fotoelettrocromiche e fotovoltacromiche

ilnuovosaggiatore.sif 1 Introduzione La radiazione elettromagnetica trasporta essenzialmente quattro tipi distinti di informazione: direzione, tempo, energia e polarizzazione. Le prime tre proprietà della luce sono familiari a tutti noi, e le corrispondenti tecniche osservative (imaging, timing e spettroscopia) sono ormai strumenti di routine per lo studio degli oggetti celesti a tutte le lunghezze d’onda. Gli sviluppi che queste tre branche dell’astronomia X hanno vissuto, sulla scorta dei progressi tecnologici dell’ultimo mezzo secolo, sono niente meno che spettacolari ed è sufficiente, e.g., uno sguardo anche distratto ad una delle ormai celebri immagini di Chandra (come quella mostrata in fig. 1) per avere un’idea del grado di sensibilità e del livello di dettaglio raggiunti. La polarizzazione è una proprietà della luce comparativamente più complessa, che ha a che vedere con la direzione di oscillazione del campo elettrico associato alla luce stessa. Se la risposta azimutale ha la forma tipica

Xaonon: Hawking Radiation Calculator Black holes were so named because they were once thought to give off no radiation whatsoever, but Stephen Hawking showed that this is not the case. Black holes do produce radiation, with an intensity inversely proportional to the square of their mass. Since most black holes are thought to form from collapsed stars and are very massive, they give off very little radiation. However, a smaller hole (on the order of only a few billion tons) would radiate a great deal more, making it an excellent power source for an advanced civilization. The series of input forms below (Javascript source) calculates various useful characteristics of a black hole and its emissions. The radius of a Schwarzchild black hole of mass M is As per [Hawking 1974], the thermodynamic temperature of such a hole is with brackets delimiting constants of multiplication. making the Hawking radiation luminosity at least At a distance r from a hole with mass M, the incident radiation flux is therefore And since dE = dM c2, where

Related: