background preloader

The social school

The social school

https://www.socloo.org/Login.aspx?AspxAutoDetectCookieSupport=1

Related:  martinapClassi virtualipiattaformeSocial didatticiScuola

8 strumenti di presentazione online gratuiti Per chi lavora nel mondo accademico, scientifico, della scuola o degli affari l’utilizzo di programmi di presentazione è diventato oggi indispensabile. Oltre ai più noti (tra tutti PowerPoint e Keynote), esistono in rete strumenti gratuiti (quantomeno in parte) e facili da utilizzare che permettono di realizzare presentazioni professionali e allo stesso tempo originali. Presentazioni animate Scopo di una presentazione multimediale è quello di catturare l’interesse del pubblico a cui si rivolge, illustrando in maniera chiara e possibilmente accattivante e coinvolgente un progetto, un’idea, un prodotto, i risultati di una ricerca e via dicendo. Prezi e PowToon sono due presentation tools che assolvono egregiamente a questo scopo. Prezi Prezi è un software di presentazione cloud-based, sviluppato in Flash e disponibile sia nella versione gratuita che a pagamento.

ClassDojo Student Stories Conosciamo già ClassDojo come strumento molto utilizzato per la gestione del comportamento in classe e della comunicazione scuola-famiglia. Recentemente è stata rilasciata ClassDojo Student Stories, un nuova modalità per costruire il portoflio digitale di ogni alunno e di condividerlo con altri. Si tratta di uno strumento progettato per stimolare lo spirito di inziativa e la partecipazione di ogni studente che andrà a costuire la propria storia scolastica, fissando attraverso immagini e video i momenti più significativi del proprio percorso di apprendimento. WEO: piattaforma digitale per creare ed assegnare contenuti didattici WEO è una nuova piattaforma digitale gratuita per i mobile lerning che vi permette di creare una classe e di inserire manualmente gli studenti o invitarli ad entrare tramite un "codice di classe" unico (come per ClassDojo). Dopo aver creato la classe il docente può iniziare a inserire attività come quiz, compiti a casa, contenuti didattici, lezioni, immagini, video e link per coinvolgere gli studenti. che potranno lavorare con i materiali utilizzando tablet o smartphone. Inoltre, è possibile utilizzare attività già preparate da altri insegnanti e disponibile nell'archivio di WEO. Uno degli aspetti che rendono WEO uno strumento di blended learning personalizzato è la possibilità di monitorare e valutare in tempo reale le attività che gli studenti completano online, con possibilità di differenziare le proposte. Ecco una demo dedicata a Weo.io Articoli correlati

ADiRisorse – Il social network targato ADi Sei un docente o un dirigente scolastico?Cerchi risorse sulla progettazione didattica e sulla valutazione?Vuoi acquisire innovative tecniche di progettazione didatticaper competenze confrontandoti con altri insegnanti? CC Search, il nuovo motore di ricerca per i contenuti senza copyright È stato da pochi giorni annunciato CC Search, il nuovo motore di ricerca per i contenuti senza diritti d’autore di Creative Commons. Tramite questo nuovo strumento, attualmente disponibile in versione beta, gli utenti possono ricercare immagini, video e brani musicali tra i database di Flickr, 500px, YouTube, SoundCloud, Rijksmuseum, New York Public Library, Metropolitan Museum of Art e Europeana. Ad annunciare il lancio di questo nuovo progetto è stato l'amministratore delegato di Creative Commons Ryan Merkely: "È la porta principale per l’universo dei contenuti liberi. Mette insieme i vari database digitali di contenuti liberi da copyright, e dà agli utenti la possibilità di utilizzare un'unica interfaccia".

Otter: comunicare e condividere contenuti digitali in classe Otter è un servizio gratuito che permette di comunicare e condividere contenuti digitali con alunni e genitori della propria classe. Una volta registrati al servizio potrete realizzare pagine web ed inserire 4 diverse tipologie di attività. Raccogliere i compiti svolti dagli studenti, aggiornare il calendario della classe, inseriri avvisi per studenti e famiglie, creare una repository per i documenti della classe. Social network didattici Valenza didattica di un social network Un social network è una "piazza virtuale", in cui si fa community. Esso mette a disposizione degli utenti una serie di servizi online attraverso cui ci si relaziona in maniera rapida e veloce con gli amici, restando sempre in contatto con la propria "rete sociale". Un social network permette di comunicare, condividere informazioni, pubblicare link, immagini e video etc. Per le sue caratteristiche intrinseche, un social network associato ad attività didattiche specifiche, stimola la motivazione, la creatività e la condivisione delle conoscenze negli studenti, in quanto si identifica come ambiente di apprendimento nuovo, in grado di supportare la condivisione, la creazione e lo sviluppo delle conoscenze.

Stud.io: costruire con i LEGO al computer Stud.io è un software che non può mancare nei computer di ogni appassionato di LEGO! Si tratta di un programma gratuito a codice aperto che ci permette, in Windows e Mac, di progettare e costruire con pezzi LEGO virtuali e, essendo integrato con Bricklink, potrete poi verificare quali sono i pezzi reali necessari ed i costi per trasferire il vostro progetto in una costruzione in plastica. Trascinando e rilasciando i vari pezzi potrete andare a creare praticamente qualsiasi cosa con una precisione sorprendente, in quanto utilizza un sistema CAD che permette di posizionare gli elementi attraverso un sistema di coordinate. È possibile importare elementi LDD o LDraw e costruire collaborativamente con gli amici in tempo reale, in quanto ha un multifunzione compatibile con fino ad altri 3 co-progettisti che utilizzano una rete peer-to-peer.

Tes Teach. Uno strumento per strutturare online lezioni eleganti red - TES Teach ( precedentemente conosciuto come Blendspace, è un applicativo online gratuito che permette di strutturare i contenuti di una lezione in modo elegante rapido ed efficace. L'insegnante dovrà svolgere un lavoro a priori di ricerca e selezione delle risorse multimediali utili sul web, individuando le risorse da utilizzare per lo sviluppo completo della propria lezione sull'argomento scelto. Successivamente, le risorse scelte possono essere organizzate mediante gli strumenti che TES Teach offre. Il momento finale è quello della condivisione, che può essere effettuata utilizzando i principali canali oggi disponibili. Le principali funzioni che sono a disposizione degli utenti sono: “aggiungi testo”, che permette di inserire un testo libero scelto dal docente;“aggiungi quiz”, che consente di creare dei test a risposta multipla;“drop your resource”, che permette l'inserimento di contenuti multimediali, attingendo alle risorse di “Google”, “Youtube”, Dropbox, etc.

TES Teach: creare e condividere lezioni multimediali Geniale per la sua semplicità, fantastico per le diverse opportunità che offre a docenti e studenti, TES Teach è uno strumento per creare lezioni multimediali che vi consiglio di custodire gelosamente tra i vostri bookmarks. Potete accedere con il vostro account Google e creare una vostra classe virtuale a cui sarà assegnato un codice. A quel punto iniziate a generare la prima lezione digitale, indicando il titolo ed cominciando a scegliere i contenuti da aggiungere. Per ogni pagina potete scegliere se utilizzare un editor di testo, inserire un quiz a risposta multipla o integrare tutta una serie di contenuti che gestirete dal pannell di destra. Social network e dimensioni educative – BRICKS Uno dei fenomeni più rilevanti della recente storia delle tecnologie didattiche è costituito dallo sviluppo e dalla diffusione dei cosiddetti siti di social network (SNS). In italiano con questa espressione ci si riferisce a quei servizi telematici nati per ospitare reti sociali in riferimento ad ambienti come Facebook, Twitter o MySpace, solo per citare i più noti. Una definizione recente, rivista dagli stessi autori che per primi la elaborarono (boyd e Ellison, 2007), mette maggiormente in luce la dimensione di condivisione di contenuti che oggi si ha in questi ambienti.

Azione #4 - Ambienti per la didattica digitale integrata ~ Schoolkit - accompagnamento innovativo del PNSD Risorse – 140 milioni di euro Strumenti – avvisi a valere sulla Programmazione operativa nazionale – PON “Per la Scuola” 2014-2020 Tempi di prima attuazione – Novembre 2015 Obiettivi misurabili – realizzazione degli interventi (tramite monitoraggio PON); effettivo incremento della didattica digitale. Occorre investire su una visione sostenibile di scuola digitale, che non si limiti a posizionare tecnologie al centro degli spazi, ma che invece abiliti i nuovi paradigmi educativi che, insieme alle tecnologie, docenti e studenti possono sviluppare e praticare. La Buona Scuola ha sancito la necessità di riportare al centro la didattica laboratoriale, come punto d’incontro essenziale tra sapere e saper fare.

GoSoapBox: Gamification in classe e non solo... GoSoapBox è stato descritto in maniera molto appropriata, un vero e proprio cruscotto di classe. Si tratta di un potente strumento per consentire agli studenti di interagire in tempo reale o in modo differito con i loro insegnanti, tanto da rappresentare una sorta di barometro di classe. GoSoapBox permette infatti al docenti di ottenere un feedback immediato da parte degli studenti sul livello di sicurezza o insicurezza rispetto all'acquisizione di determinati contenuti durante la lezione, oppure consultare in tempo reale i risultati di un sondaggio, o scaricare i risultati di un quiz precedentemente creato e proposto secondo modalità tipiche della gamification.

Related:  luciananatalino