background preloader

App per la didattica

App per la didattica
analisi/produzione di immagini M. Guastavigna, NON SOLO CONCETTUALI, La Ricerca Loescher, n.23 P. Vayola, USARE LE MAPPE A SCUOLA

https://www.mindomo.com/mindmap/app-per-la-didattica-e5045f07a11149b681e74f31cb98ec1a

Related:  unnomeacasostrumentiRisorse per la scuolaINNOVAZIONE E RISORSE

tecnologie didattiche TFA - PAS a cura di Patrizia Vayola rappresentazioni grafiche TECNOLOGIE DIDATTICHE PAS - CORSO H Università di Torino, dipartimento di Scienze dell'Educazione a cura di Patrizia Vayola I prodotti dei corsistidei corsi PAS Scrutini Questa sezione della guida spiega come avviare e gestire lo scrutinio, dalla compilazione al tabellone finale A fine anno scolastico o comunque a fine quadrimestre avvieremo la fase di scrutinio, accedendo dal tasto Scrutini, si ricorda che solo attraverso il profilo coordinatore si può procedere nella compilazione degli scrutini. dal tasto scrutini intermedi o scrutini finali Andremo a scegliere dal menù a tendina in quale classe operare A questo punto si presenta il riepilogo del tabellone che andremo poi a stampare ed affiggere in bacheca.

“La Resistenza in Italia”. Costruire e sviluppare un ebook didattico - Novecento.org Abstract Dopo un’analisi delle potenzialità e delle caratteristiche degli ebook, anche alla luce della recente normativa scolastica, l’intervento si sofferma sulle motivazioni che hanno spinto alla realizzazione di una prima bozza di ebook scolastico rivolto a insegnanti e allievi sul tema della Resistenza italiana e, in particolare, in Piemonte. Vengono quindi presentate la struttura dell’ebook e le pagine di prova che sono state realizzate, oltre alle logiche storiografiche e didattiche che ne hanno determinato l’articolazione e la struttura. È poi illustrata l’esercitazione presentata ai corsisti del laboratorio, a partire da fonti e materiali contenuti nell’ebook stesso e le motivazioni della scelta dell’editor epbubeditor (software gratuito utilizzato per la realizzazione del lavoro).

un percorso in 3 passi per capire cosa sono, a cosa servono e come usarle Leggere un articolo di Piero Dominici è come cibarsi di una pietanza che richiede una lunga e laboriosa digestione e, per chi non ha un apparato digerente efficiente e robusto come il mio, c'è sempre il rischio di procurasi un'indigestione se si è troppo frettolosi e ingordi. Mi limito dunque, in questo post, a sottolineare e commentare qualcuna delle tante idee e suggestioni offerte dal suo articolo "Come educare ad una cittadinanza matura e non eterodiretta", comparso il 01/04/2016 su Forum PA, il sito web collegato all'appuntamento che ogni anno si tiene al Palazzo dei Congressi di Roma e che nasce dal tentativo di far dialogare tra loro pubblica amministrazione, imprese, mondo della ricerca e società civile. Educare a una cittadinanza matura e non eterodiretta

WEB TOOLS FOR TEACHERS Web Tools for Teachers a cura di Claudia Torretta Strumenti per la creazione di video didattici e tutorial Explain Everything Come creare un'infografica: 10 tools online indispensabili Ecco alcuni strumenti facili e gratuiti per realizzare un’infografica efficace ed accattivante L’infografica è una forma di comunicazione che sta riscuotendo un grande successo ultimamente. Il motivo è semplice: quando si vogliono trasmettere delle informazioni, anche complesse, con diagrammi e schemi, la priorità è quella di ottenere un testo chiaro ma anche invitante, e in questo l’infografica è l’ideale.

Motivare lo studio: Alternative alle Ricompense Una delle regole più importanti sulla gestione del comportamento degli studenti è che se ottieni qualcosa, devi ricambiare. Non è efficace dire, “non fare questo” senza aggiungere, “prova in questo modo.” Le alternative devono esistere perché il cambiamento si verifichi. Insegniamo con le competenze Qualche giorno fa si è conclusa la Summer School della classe capovolta di Levico e mi sento di condividere un interessante spunto che è emerso durante uno degli interventi. Ha detto il professor Maglioni di flipnet: “La più grande svolta per me è stata cambiare l’impostazione della mia didattica dallo spiegare la mia materia (chimica) a concentrarmi sull’insegnamento delle competenze sfruttando la mia materia. Così facendo i ragazzi si sono subito sentiti più coinvolti e partecipi e questo non ha impedito a loro di imparare la mia materia”. Già di per sè il solo fatto di fare in modo che i ragazzi siano più motivati e interessati è un bel risultato, se poi i risultati in termini di apprendimento non subiscono riduzioni… allora forse è utile cercare di capire cosa intendesse, almeno per rifletterci su un po’.

Related: