background preloader

Marce da Selma a Montgomery

Marce da Selma a Montgomery
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Cartello che indica il percorso storico nazionale da Selma a Montgomery. Le Marce da Selma a Montgomery furono tre marce di protesta del 1965 che hanno segnato la storia del Movimento per i diritti civili degli afro-americani negli Stati Uniti. Storia[modifica | modifica wikitesto] La nascita del movimento a Selma nel biennio 1963-1964[modifica | modifica wikitesto] Nel 1963 la Dallas County Voters League, insieme ad altri organizzatori del Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC), iniziarono a operare per la registrazione dei votanti afroamericani. La prima marcia da Selma a Montgomery: il Bloody Sunday[modifica | modifica wikitesto] Agenti della Polizia dello Stato dell'Alabama attaccano i dimostranti per i diritti civili fuori da Selma, Alabama, durante quello che divenne noto come il "Bloody Sunday", il 7 marzo 1965. La seconda marcia: il Turnaround Tuesday[modifica | modifica wikitesto] Note[modifica | modifica wikitesto] ^ Williams v.

http://it.wikipedia.org/wiki/Marce_da_Selma_a_Montgomery

Related:  Selma 1965-2015Selma 1965. Quelle conquiste oggi sono sempre più in discussioneSelma-Montgomery. Ieri Martin Luther King oggi Barack Obama.La nostra marcia non è ancora finita. Selma 1965 - 2015La marcia non è ancora finita. Selma 1965-2015.

Obama a Selma: «La nostra marcia non è finita ​Ferguson non è caso isolato» Il lavoro avviato dagli uomini e le donne di Selma non è completo, la marcia non è finita, è un errore comune suggerire che il razzismo è stato allontanato: «Basta aprire gli occhi per sapere che la storia razziale del Paese getta ancora un'ombra su di noi». Lo ha affermato il presidente Barack Obama a Selma. Obama ha aperto il suo intervento ringraziando John Lewis, il parlamentare americano che ha partecipato 50 anni fa alla marcia di Selma. «È uno dei miei eroi», afferma il presidente Usa. Lewis, introducendo Obama, mette in evidenza che, se allora gli avessero detto che un giorno ci sarebbe stato un presidente afroamericano e sarebbe stato lui a introdurlo a Selma, avrebbe pensato di parlare con un matto.

Selma (Alabama) Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Commons contiene immagini o altri file su Selma Obama: “La marcia di Selma non è finita” Il lavoro avviato dagli uomini e le donne di Selma non è completo, la marcia non è finita, è un errore comune suggerire che il razzismo è stato allontanato: «Basta aprire gli occhi per sapere che la storia razziale del Paese getta ancora un’ombra su di noi». Barack Obama guarda al futuro («la vera America è qui») senza dimenticare i sanguinosi fatti di 50 anni fa, quando manifestanti pacifici cercarono di attraversare il ponte Pettus e furono attaccati dalla polizia. Le immagini scioccarono l’America e spinsero all’approvazione del Voting Rights del 1965 che mise fine all’esclusione dal voto degli afroamericani. FOTO- Obama a Selma (Alabama) 50 anni dopo Da allora passi in avanti sono stati compiuti.

I have a dream, la storia del discorso di Martin Luther King - Focus.it I have a dream di Martin Luter King Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro paese. Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il Proclama sull’Emancipazione. Questo fondamentale decreto venne come un grande faro di speranza per milioni di schiavi negri che erano stati bruciati sul fuoco dell’avida ingiustizia. Selma e il marzo che ha cambiato la storia dei diritti civili negli Stati Uniti Il mese di marzo 1965 ha cambiato la storia dei diritti civili negli Stati Uniti. 50 anni dopo c'è ancora molta strada da fare. Il ricordo e le immagini degli scontri di Selma, per guardare al futuro. Cinquant’anni fa, il 7 marzo 1965, si tenne la marcia (nota anche come Bloody sunday) che dalla cittadina di Selma arrivò a Montgomery, in Alabama, e che cambiò per sempre il corso e la storia dei diritti civili negli Stati Uniti. Le persone, circa seicento, che stavano manifestando in modo pacifico per chiedere il diritto di voto e la fine della segregazione razziale, ancora in vigore in alcuni stati meridionali del Paese, vennero caricate dalla polizia mentre attraversavano il ponte Edmund Pettus.

Obama a Selma: "La marcia non è ancora finita" SELMA (ALABAMA) - "Il lavoro non è terminato, la marcia non è ancora finita". Il presidente Usa Barack Obama ha ricordato a Selma, in Alabama, la marcia per i diritti civili che ha segnato una svolta nella storia degli Stati Uniti, garantendo il diritto di voto agli afroamericani degli Stati del Sud. E lo ha fatto a poche ore di distanza dall'uccisione di un 19enne nero da parte di un agente della polizia a Madison, nel Winsconsin. Martin Luther King Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Martin Luther King, nato Michael King (Atlanta, 15 gennaio 1929 – Memphis, 4 aprile 1968), è stato un pastore protestante, politico e attivista statunitense, leader dei diritti civili. Il suo nome viene accostato per la sua attività di pacifista a quello di Gandhi, il leader della non violenza della cui opera King è stato un appassionato studioso, e a Richard Gregg, primo americano a teorizzare organicamente la lotta non violenta. L'impegno civile di Martin Luther King è condensato nella Letter from Birmingham Jail (Lettera dalla prigione di Birmingham), scritta nel 1963, e in Strength to love (La forza di amare) che costituiscono un'appassionata enunciazione della sua indomabile crociata per la giustizia. Biografia[modifica | modifica wikitesto] La gioventù e i primi studi[modifica | modifica wikitesto]

Usa, polizia uccide un nero disarmato nel giorno di Selma SELMA - Nel giorno di Selma, la morte di un altro ragazzo di colore sconvolge gli Stati Uniti. In Wisconsin un poliziotto, intervenuto per sedare una lite, ha avuto una colluttazione con un ragazzo di colore di 19 anni disarmato e gli ha sparato, uccidendolo. Lo ha reso noto la polizia locale, spiegando che il giovane era sospettato per una recente aggressione.

Selma, la storia delle tre marce e dell'Edmund Pettus Bridge che segnarono il... Le marce da Selma a Montgomery furono tre raduni di protesta che nel 1965 segnarono la storia del Movimento per i diritti civili degli afro-americani negli Usa. Le marce nacquero dai movimenti che a Selma, in Alabama, rivendicavano il diritto al voto per i neri guidati da attivisti come Amelia Boynton Robinson e suo marito, che formarono la Dallas County Voters League (DCVL). Nel 1963, la Dallas County Voters League iniziò le operazioni di registrazione dei votanti. Quando la resistenza bianca al diritto di voto per i neri diventò insormontabile, la DCVL chiese l'aiuto di Martin Luther King e della Southern Cristian Leadership Conference, che portò molte figure di rilievo nazionale a sostenere la battaglia.

Selma è il film per capire gli Stati Uniti di oggi - Alessio Marchionna Era prevedibile che Selma, il film di Ava DuVernay sulla storia della legge che nel 1965 ha eliminato le discriminazioni nel diritto di voto ai neri, non vincesse l’Oscar come miglior film. Per vari motivi. Non ha i toni epici del film storico alla Lincoln né la profondità drammatica di 12 anni schiavo, e le interpretazioni di David Oyelowo nei panni di Martin Luther King e di Tom Wilkinson in quelli di Lyndon Johnson (ormai sembra che Hollywood riesca a parlare di schiavitù e diritti civili solo usando attori britannici) sono buone ma non straordinarie.

Selma, Barack Obama alla commemorazione della storica marcia da Selma a Montgomery Barack Obama aveva soltanto tre anni quando, il 7 marzo 1965, centinaia di afro-americani risposero all'appello di Martin Luther King e aderirono a una marcia a Selma, Alabama, per chiedere il diritto di voto. Mentre attraversavano l'Edmund Pettus Bridge, circa 600 attivisti vennero caricati dalla polizia e la mobilitazione finì nel sangue. Le immagini impressionarono l'America, e dopo qualche mese arrivò il Voting Right Act che diede finalmente ai neri la possibilità di partecipare alle elezioni. Oggi il presidente degli Stati Uniti d'America è nella cittadina dell'Alabama per commemorare i 50 anni da quell'episodio. Poco prima di partire con la famiglia dalla Casa Bianca, è scattato il lockdown in tutta l'aera circostante per un forte boato avvertito nelle vicinanze. L'allarme è rientrato poco dopo, dopo aver accertato che l'esplosione si era verificata a seguito di un incendio in un chiosco per souvenir.

Usa. Obama a Selma, il razzismo una triste realtà da sconfiggere 19enne afroamericano disarmato ucciso da poliziotto ROMA - E’ davvero un giorno particolare quello di oggi. Il presidente Barack Obama sarà infatti a Selma in Alabama per commemorare i 50 anni della marcia organizzata dagli afroamericani per rivendicare il diritto al voto. Usa, diritti civili e rivolta «La marcia non è finita» New YorkIl ponte Edmund Pettus a Selma, Alabama, è un simbolo di decenni di lotta per i diritti civili dei neri americani. Il presidente Barack Obama, ieri, ha ripercorso quei pochi metri dove 50 anni fa la polizia attaccò con bastoni e gas lacrimogeni una marcia pacifica di uomini e donne di colore che manifestavano per il diritto di voto. E ha tenuto un discorso coinvolgente e appassionato.

Related:  Selma