background preloader

Classe Capovolta: App Scuola per la didattica 2.0

Classe Capovolta: App Scuola per la didattica 2.0

https://docs.google.com/spreadsheets/d/tecsK_V1xDHRdQQUhWu6vdA/htmlview?pli=1

Related:  Dalla teoria alla praticala classe capovoltadidattica capovoltaDidattica

Flipped Learning How We Can Help Colin Hegarty and Brian Arnold are two Maths teachers working in London schools. They have taught several of their maths classes using the flipped learning/blended learning model. This model involves getting students to watch and engage with tailored videos prior to the lesson in school and then, when in class, the students do maths for the entire lesson with virtually no teacher instruction to the class as a whole.

Lezioni capovolte e nuove prassi: ecco cosa c’è da sapere Se tecnologici proprio dobbiamo essere allora facciamo in modo di esserlo col cervello. Se dobbiamo educare alle nuove tecnologie – perché, a questo punto, non se ne può proprio fare a meno – facciamolo creando consapevolezza, senso critico e avvedutezza. C’è poco da girarci attorno: ormai non possiamo più prescindere da tecnologia e processi digitali in atto; non possiamo far finta che gli sviluppi tecnologici e sociali della rete internet degli ultimi vent’anni abbiamo cambiato il nostro approccio all’informazione e alla formazione.

Inizia il 1 ottobre il corso base sulla didattica capovolta! La didattica capovolta è efficace per tutti, ma soprattutto per i ragazzi con B.E.S. La direttiva MIUR sui Bisogni Educativi Speciali (27/12/2012) ha aperto una serie di interrogativi all’interno della comunità dei docenti: Come individuare i ragazzi con Bisogni educativi Speciali nella propria classe? Quale didattica utilizzare per ciascuna tipologia di BES? Come conciliare la didattica per la classe con quella per i BES? Come fare tutto questo nelle scarse ore a disposizione?

FLIPBOOKS è un servizio gratuito che consente di trasformare file PDF in flipbook o riviste digitali. Définir des objectifs pédagogiques efficaces et cohérents grâce à la taxonomie de Bloom et la méthode SMART Une fois les besoins et attentes de formation analysés, définir vos objectifs pédagogiques constitue une étape fondamentale dans le développement de votre projet de formation. C’est le message que j’avais tenté de faire passer dans l’article de lundi : cette étape vous permet non seulement de baliser votre parcours, et aussi d’en faciliter l’évaluation. Toutefois il n’est pas toujours évident de définir facilement ses objectifs pédagogiques : quelles formulations utiliser ?

Videoconferenze Registrazione della videoconferenza del 16/12/2016Relatrice: Iliana Morelli, specializzata nel coordinamento dei Servizi Educativi dell’Infanzia con focus montessoriano presso l’Università Roma Tre. Fondatrice di Boboto, (società fondata con l'obiettivo di promuovere attività orientate al mondo dell'educazione, dell'inclusività e dell'innovazione sociale attraverso la collaborazione con enti pubblici e privati, con enti di ricerca e con la società civile) ed ideatrice del progetto MONTESSORI 3D nato per rendere la pedagogia montessoriana quanto più fruibile e inclusiva, in tutti i contesti educativi, nella scuola e fuori la scuola, con gli insegnanti e con il nucleo familiare.Tematica dell’incontro: Maria Montessori oggi, tra "imparare facendo" e "apprendimento cooperativo"rivolto alle insegnanti della scuola primaria e della scuola dell'infanzia.Link presentazione: boboto-webinar-flipnet

Course: Flipped Classroom - Informazione pubblica Le attività in presenza si articolano in 3 incontri che si svolgono al mattino e al pomeriggio di sabato fra marzo e settembre. Le attività in presenza possono essere seguite in streaming sul sito del corso e rimangono disponibili online per tutta la durata dello stesso. Le attività online si articolano lungo tutto il corso con l'assistenza di un tutor e dei docenti. Il corso termina a dicembre con la presentazione dei project work.

150 Teaching Methods Lecture by teacher (and what else can you do!) Class discussion conducted by teacher (and what else!) Recitation oral questions by teacher answered orally by students (then what!) Discussion groups conducted by selected student chairpersons (yes, and what else!) Lecture-demonstration by teacher (and then what 145 other techniques!) Lecture-demonstration by another instructor(s) from a special field (guest speaker) Presentation by a panel of instructors or students Presentations by student panels from the class: class invited to participate Student reports by individuals Student-group reports by committees from the class Debate (informal) on current issues by students from class Class discussions conducted by a student or student committee Forums Bulletin boards Small groups such as task oriented, discussion, Socratic Choral speaking Collecting Textbook assignments Reading assignments in journals, monographs, etc.

The Flipped Class: Myths vs. Reality Editor's Note: On the heels of our viral posts in over 100 countries about the flipped classroom earlier this year (links below), we asked Jon Bergmann if he could share some of the feedback he was receiving in light of the notable interest about this topic. The timing couldn't have been more perfect since he was about to leave for a conference about you-guessed-it, the flipped class. Here is Part 1 of our three part series The Daily Riff.

Related: